Giocatori, membri dello staff, tifosi, sponsor e dirigenti a braccetto per brindare all’epilogo positivo di una stagione sofferta rinforzando fino alla fine quel senso di famiglia e affetto sincero che ogni anno gravita nell’ambiente biancazzurro. Il Volley Potentino venerdì scorso ha celebrato la permanenza in Serie A2 con una cena in grande stile all’Antico Uliveto di Porto Potenza Picena. Location ideale con una sala riservata e maxi-schermo sullo sfondo per rivivere alcuni dei momenti più emozionanti degli ultimi mesi per la GoldenPlast Potenza Picena, compresa la trasferta in Tunisia.

Traghettatore della serata lo speaker Giovanni Marcelli, che ha coinvolto i protagonisti con ironia e intelligenza. Il presidente Giuseppe Massera e il dg Carlo Muzi hanno ringraziato tutti esprimendo la soddisfazione per quanto raggiunto con uno staff e un team rinnovati nell’estate 2016 mentre il gruppo di Passione Biancazzurra ha omaggiato i presenti con un cartoncino ricordo e una dedica speciale (“Un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile”). Spazio anche agli sponsor con ringraziamenti e applausi scroscianti per i marchi principali affiancati al Volley Potentino, ovvero GoldenPlast, Grandinetti, Audison, Muzi Costruzioni, Madeinff, Don Diego, Stampi Italia, Femblu e Cast. Passerella d’onore anche per molti dei collaboratori che hanno contribuito dietro le quinte a rendere affidabile l’organizzazione degli eventi, con menzione speciale per le cinque ragazze del liceo Leopardi di Recanati che hanno formato il gruppo di “baby volontarie” aderendo al progetto di alternanza scuola-lavoro. Non sono mancate le ovazioni dei fan per Adriano Di Pinto e i siparietti comici come l’intervista doppia al centrale Omar Biglino e lo schiacciatore Paolo Zonca; gran finale con musiche e balli.

Ecco le dichiarazioni del presidente Giuseppe Massera: “Sono molto felice della grande partecipazione e ringrazio i tifosi per il sostegno. Siamo reduci da un’annata dura, ma soddisfacente: nell’estate 2016 abbiamo rivoluzionato il team tenendo solo tre giocatori del precedente ciclo e abbiamo cambiato lo staff tecnico. Non è stato semplice amalgamarsi e acquisire una mentalità vincente in poco tempo, come hanno dimostrato gli alti e bassi della Regular Season e il numero impressionante di tie break. Mi ha dato un grande senso di rivalsa la cavalcata finale della nostra squadra, ho sempre pensato che il gruppo fosse tecnicamente fortissimo e nelle ultime 4 gare staff e giocatori ci hanno dimostrato il loro valore e in particolare ai Play Out si sono viste le cose migliori. Grazie a tutti”.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here