martedì, Giugno 25, 2024

Gasdotto russo-cinese: la costruzione inizierà nel 2024

La costruzione del gasdotto russo-cinese Power of Siberia-2 che porterà il gas dai giacimenti della Siberia occidentale alla Cina passando per la Mongolia inizierà nel 2024 e dovrebbe entrare in funzione nel 2030. La tempistica è stata accelerata a causa del peggioramento delle relazioni tra Mosca e Occidente dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina e la conseguente contrazione delle forniture russe al mercato europeo.

Gasdotto russo-cinese: quando inizierà la costruzione?

La Mongolia ha affermato che la costruzione del gasdotto russo-cinese inizierà nel 2024. Il gasdotto Power of Siberia-2, che consegnerà per la prima volta gas diretto in Europa dai giacimenti della Siberia occidentale alla Cina, dovrebbe entrare in funzione nel 2030. Il primo ministro mongolo, Oyun-Erdene Luvsannamsari, ha affermato che si aspetta che la costruzione della filiale mongola di Power of Siberia-2 vada avanti nonostante la guerra in Ucraina. “Lo studio di fattibilità di questo progetto è terminato e riteniamo che la costruzione inizierà nel 2024″, ha detto Luvsannamsrai al Financial Times.

Il premier mongolo ha poi aggiunto che Mosca non aveva fatto pressioni su Ulaanbaatar per accelerare la costruzione della linea Power of Siberia-2 nonostante il previsto pivot in Asia dal gigante energetico russo Gazprom. La nuova pipeline sarà lunga 2.600 chilometri. Avrà una capacità di 50 miliardi di metri cubi all’anno, 1,3 volte superiore a quella di Power of Siberia (38 miliardi di metri cubi) lunga 3mila chilometri. Russia e Mongolia hanno firmato un memorandum d’intesa nel 2019 per studiare la fattibilità di Power of Siberia-2 in tutta la Mongolia.


Leggi anche: Putin taglia il gas all’Occidente

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles