Forli – Siciliana insultata e aggredita “terrona, mafiosa, tornatene a casa”

0
272

Una 53enne di origini siciliane ma residente a Forlì, ha raccontato su Facebook l’aggressione subita durante una lite condominiale: ”Mi ha anche minacciato davanti alla polizia”.

Dopo l’affitto rifiutato a Milano ad una ragazza di Foggia, sta facendo discutere un altro caso avvenuto nelle ultime settimane a Forlì, in cui una lite condominiale è sfociata in una denuncia, con tanto di offese sulla provenienza geografica. Protagonista della vicenda la 53enne Ilde Cascio, originaria della Sicilia, ha raccontato in un lungo post su Facebook di essere stata “Aggredita e picchiata perché terrona”. 

Il racconto su Facebook: “Aggredita per un parcheggio”

Risale al 26 agosto il messaggio con cui Ilde Cascio, che si definisce ”distrutta”, racconta l’episodio in cui è stata coinvolta. La signora siciliana, a Forlì, racconta di aver “subito la più grande umiliazione della mia vita. Un vicino di casa mi ha aggredita e picchiata, dentro il parcheggio dello stabile in cui abito. Mi ha detto che, dato che sono in affitto, non ho diritto a parcheggiare”.

“Mi ha dato della ‘terrona‘, ‘mafiosa‘ e mi ha urlato di tornare a casa mia sputandomi in faccia e minacciandomi. Ho chiamato la Polizia e sono andata al Pronto Soccorso.per il referto. Spalla lussata e tendine del piede schiacciato. Cinque giorni di prognosi. Non basteranno per dimenticare”. Nei commenti, abbondano le manifestazioni di solidarietà per la signora, che si sfoga con comprensibile amarezza. “Non ho neanche reagito né aperto bocca tanto ero scioccata”, scrive. “Non pensavo di dover pagare un prezzo così alto per un lavoro. Il peggiore totuccio dello zen è un Signore al confronto”, aggiunge. “Ma qui sono tutti più o meno così. Rozzi e incivili”, afferma sconsolata.

Al suo ritorno, racconta, ci sarebbe stata una seconda aggressione, con minacce di morte proferite davanti agli agenti in divisa, chiamati una seconda volta sul posto per il “secondo atto” del litigio. “Sono stata insultata, picchiata e minacciata di morte davanti ai poliziotti. Sono stata chiamata ‘terrona puzzolente’ e ‘una morta di fame’. Mi auguro che non sia una mentalità comune anche se non è il primo episodio di razzismo assurdo che mi capita a Forlì”, è il suo commento. La donna ha spiegato che sta meditando anche di cambiare casa per ritrovare coi figli un ambiente più sereno

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here