Festivaletteratura a Mantova ricorda l’11 settembre

Tanti appuntamenti e incontri culturali con ospiti del mondo del giornalismo e dell'editoria

0
337
Festivaletteratura
Un momento dell'evento mantovano

Per cambiare le cose non è mai troppo tardi e bisogna essere in tanti. Il messaggio che Bernardine EvaristoAlice Walker e Christiana Figueres hanno trasmesso al pubblico del Festivaletteratura. Oltre 50 i ragazzi che hanno dato vita alla gioiosa parata dantesca, che si candida a diventare una delle immagini simbolo di questa edizione.


Vinicius Pradella alla Galleria Santori di Mantova


Cosa propone l’11 settembre il Festivaletteratura?

Tra gli oltre 70 appuntamenti della giornata c’è “Lieber herr Rosenkranz…” con Giulio Busi, Francesco Ferrari e Silvana Greco. Un approfondimento sull’epistolario tra Stefan Zweig e Hans Rosenkranz. Il filosofo Emanuele Coccia insieme a Luca Molinari e Marco Filoni è protagonista di “Un’idea di casa”. Si tratta di una riflessione interdisciplinare sull’abitare in programma alle14.30 all’Aula magna dell’Università di Mantova. Donatella Di Pietrantonio e Ilaria Tuti si confrontano sul legame profondo con la propria terra d’origine in “Intingere la penna nelle proprie radici“.

Filosofi e attori partecipano all’evento

Il pomeriggio prosegue col filosofo della biologia e scrittore australiano Peter Godfrey-Smith in “Un mare di intelligenza”. Poi Katherine Rundall in “Why you should read children’s book, even though you are so old and wise” rivela la grandezza della letteratura per l’infanzia. Cecilia Strada partecipa a “Salvare vite a qualsiasi costo”, mentre Carlo Verdone si racconta in “Biancorosso Verdone”. A “Il corpo del testo” le scrittrici Elisa Ruotolo e Teresa Ciabatti condividono riflessioni sulla nostra parte più esposta della persona, il corpo. Inoltre, Enrico Finzi, Alessandro Galimberti, Franco Grillini e Maria Teresa Celotti si confrontano su giornalismo e racconto della comunità LGBTQ+.

Scrittori ed esperti presentano le proprie attività

Il docente ed economista Fouad Laroui nell’incontro “Il Marocco è un oggetto letterario” decostruisce le radici della divisione tra Oriente e Occidente. Ci sarà la scrittrice e attivista statunitense Rebecca Solnit che con “Creare anticorpi nella società” ricorda le sue battaglie contro la violenza di genere. A “Viaggi al centro della Terra” l’esploratore Robert Macfarlane e Davide Longo dialogano sull’ultimo itinerario alla scoperta del mondo sotterraneo. Tra gli ospit anche il designer Peter Mandelsund e il grafico Riccardo Falcinelli, Benjamin Labatout e Chiara Valerio, Josephine Yole Signorelli e Teresa Ciabatti.

“Furgone poetico” a Festivaletteratura

Tra i format speciali del festival continua il viaggio con “La poesia che racconta” con Francesco Targhetta. Lirismo e musica si incontrano a “Come frammento sia d’un tratto intero” con Silvia Vacchini e Sualzo. A Piazza Balcone troviamo Tullio Avoledo e Marilù Oliva a parlare di “Come rendere nero un noir“. Le collane ci offrono un percorso tra i sentimenti con “Emozione e desiderio” insieme a Elisabetta Bucciarelli. Ospite dell’appuntamento anche Daniele Piccini con “Un altare per la madre”.

Percorsi cittadini e approfondimenti

Le lavagne continuano ad allargare le conoscenze con “Cosa scompare insieme al ghiaccio” con Giovanni Baccolo. Il dibattito proegue con “Finanza fa rima con disuguaglianza?” con Anna Soci e “La macchina da scrivere” con Chiara Alessi. Ilaria Tuti e Eleonora Antonioni sono protagoniste di “Storie illustrate” e raccontano la storia horror di Prospero che non si arrende alla pandemia. i percorsi cittadini coinvolgono “Odonomantova” con Paola Somenzi, Danilo Craveia e l’Archivio di Festivaletteratura.

Festivaletteratura è anche per bambini

Come sempre non mancano i laboratori per bambini alla Casa del Mantegna. “Gattonando jazz” con il musicista Marcello Benetti alle 16 e “Che mai sento?” con Pino Costalunga e Renato Taddeo alle 17.30. Alle 21 invece Roberto Abbiati incontra il pubblico più giovane e propone “La Commedia a ritratti”. Per i ragazzi c’è anche l’appuntamento con “Storie vere” con Manlio Castagna, Matteo Corradini e Vera Stilton. “Dammi un sensore…e ti misurerò il mondo?” con AUGMAN Arduino User Group Mantova e eXtemporanea comincia alle 17. Infine alle 21 il gruppo Blurandevù intervista la scrittrice francese Marie-Aude Murail.

Laboratori di fumetto e fotografia

Fino alle 18.30 Radio Festivaletteratura propone un palinsesto collegato alle iniziative del festival. Tra i programmi ci sono: Giornale radio, Panorama internazionale, Tournée italiana, Radio Helsinki, Approdi, Scarti Radioattivi. Nel corso della giornata ci saranno anche: Dante Jukebox, Fumisterie, Autrici di Civiltà, Frontiere, Il primo romanzo, Terre Rare, Meglio di un romanzo e Due punti. Continuano poi gli appuntamenti fissi del festival come “L’illusione della realtà” il laboratorio di fotografia di Gianluca Vassallo.Ultime strisce dal festival” è un momento pensato per i fumettisti alle prime armi con Assia Petruccelli e Sergio Riccardi. La “Pesca poetica” con Matteo Loglio è un divertimento tecnologico letterario traduce in versi gli umori del lago cittadino. “Calamite per la scuola” di Monica Guerra e Lola Ottolini è un concorso di idee per rendere l’esperienza in aula più interessante. All’indirizzo web di Festivaletteratura 2021 sono in streaming tutti gli incontri.

Reading e il ricordo dell’11 settembre

Come capire le trame delle opere liriche!” è un incontro concerto con Marcello Fois e i Solisti della Fenice. Un percorso alla scoperta delle complesse trame del melodramma e della fondamentale funzione letteraria. Poi “La pesca poetica” una conferenza/reading con Matteo Loglio, Alessandro Mantovani e…il lago di Mantova. In concomitanza col ventesimo anniversario del crollo delle Torri gemelle il festival propone un ricordo della tragedia dell’11 settembre. L’incontro “11 settembre, attimi in negativo” racconta l’esperienza dei fotografi Magnum in quella giornata a New York. Partecipano Alex Majoli e Michele Smargiassi. Mauro Carbone presenta “Un giorno come oggi, vent’anni fa” e descrive i fatti della giornata che ha cambiato la storia.

Immagine cartella stampa.