Oggi è il compleanno di Al Pacino, una leggenda del cinema, uno degli attori più importanti della storia, dotato di un talento mostruoso. Nato a New York nel 1940, Al Pacino spegne oggi 79 candeline. Oltre ad essere un attore, è anche regista, sceneggiatore e produttore. La sua bacheca dei premi è intasatissima, tra i principali vinti in carriera citiamo: il Premio Oscar del 1993 (su 8 nomination totali!) come “Miglior attore protagonista” per Scent of a Woman – Profumo di donna; 5 Golden Globes (su 17 nomination totali!!) per Serpico (1974), Scent of a Woman – Profumo di donna (1993), Angels in America (2004), You Don’t Know Jack – Il dottor morte (2011) più uno alla carriera (2001); 2 Emmy (su 3 candidature complessive) per Angels in America (2004) e You Don’t Know Jack – Il dottor morte (2011); e 2 Premi BAFTA (su 5 nomination) per Quel pomeriggio di un giorno da cani e Il padrino – Parte II.

La leggendaria carriera cinematografica di Al Pacino

Nel corso della sua lunga e stratosferica carriera ha dato vita a memorabili personaggi rimasti impressi nella storia del cinema e nella cultura popolare, divenendo assolutamente cult. Visto il suo esteso curriculum, ci dovremo limitare a citare solo alcuni dei suoi film: Il padrino (Francis Ford Coppola, 1972), Serpico (Sidney Lumet, 1973), Il padrino – Parte II (Francis Ford Coppola, 1974), Quel pomeriggio di un giorno da cani (Sidney Lumet, 1975), Scarface (Brian De Palma, 1983), Dick Tracy (Warren Beatty, 1990), Il padrino – Parte III (Francis Ford Coppola, 1990), Scent of a Woman – Profumo di donna (Martin Brest, 1992), Carlito’s Way (Brian De Palma, 1993), Heat – La sfida (Michael Mann, 1995), Donnie Brasco (Mike Newell, 1997), L’avvocato del diavolo (Taylor Hackford, 1997), Ogni maledetta domenica (Oliver Stone, 1999).

Al Pacino e i prossimi film

Ocean’s Thirteen (Steven Soderbergh, 2007) ed i prossimi The Irishman (Martin Scorsese, 2019, la cui uscita nelle sale è prevista per i prossimi mesi e nel cui film saranno presenti anche Robert De Niro e Joe Pesci) e C’era una volta a… Hollywood (Quentin Tarantino, 2019; pellicola dal grande cast che in italia arriverà nei cinema il 19 settembre); questi ultimi due film segneranno la prima collaborazione dell’attore coi registi Scorsese e Tarantino. Ovviamente sono stati citati solo i film più iconici, ma ce ne sono tanti altri che meriterebbero giustizia nel venire menzionati, tanto la sua filmografia è vasta di pellicole iconiche.

I ruoli iconici interpretati da Al Pacino

Tra i ruoli memorabili che Pacino ha interpretato in carriera si ricordano: il gangster Michael Corleone nella trilogia de Il padrino (1972-1974-1990); Tony Montana in Scarface (1983); Carlito Brigante in Carlito’s Way (1993); Benjamin “Lefty” Ruggiero in Donnie Brasco (1997); il poliziotto Frank Serpico in Serpico (1973); il rapinatore Sonny in Quel pomeriggio di un giorno da cani (1975); il tenente della rapine e omicidi Vincent Hanna in Heat – La sfida (1995); il giornalista Lowell Bergman in Insider – Dietro la verità (1999); Satana in L’avvocato del diavolo (1997); ed il coach degli Sharks in Ogni maledetta domenica (1999).

Teatro, curiosità, rifiuti celebri: la vita di Al Pacino

Al Pacino è nato come attore teatrale, lì ha difatti avuto la sua formazione iniziale. Grazie al suo lavoro sul palcoscenico ha vinto numerosissimi premi (di cui 2 Tony Award su 3 nomination totali); palco in cui predilige per lo più intensi ruoli shakespeariani.

Il film del 1995 Heat – La sfida diretto da Michael Mann è divenuto storico poiché Pacino si è ritrovato a lavorare col suo amico/rivale di sempre Robert De Niro. Nel film Pacino interpreta il tenente Vincent Hanna che è sulle tracce del criminale Neil McCauley (De Niro). Il film ebbe un successo strepitoso proprio a causa della contemporanea presenza di De Niro e Pacino, considerati universalmente due icone indiscusse del cinema.

Tra i rifiuti più importanti di progetti a cui l’attore in carriera ha detto “no”, si citano: la parte di Ian Solo in Star Wars, il ruolo da protagonista nei film Taxi Driver, Incontri ravvicinati del terzo tipo, Apocalypse Now, Kramer contro Kramer, Rambo, Blade Runner, C’era una volta in America, Pretty Woman e Basic Instinct (tutte pellicole divenute poi cult con gli attori che hanno preso il suo posto).

La carriera da regista di Al Pacino

Per non farsi mancar nulla Pacino si è cimentato ovviamente anche alla regia, dirigendo ad ora 4 film: Riccardo III – Un uomo, un re (1996), Chinese Coffee (2000), Babbleonia (documentario, 2007) e Wilde Salomé (2011).

Al Pacino e La televisione

Per il piccolo schermo Al Pacino ha recitato nella miniserie di grandissimo successo in 6 puntate Angels in America (Mike Nichols, 2003) grazie alla quale ha fatto incetta di premi (un Emmy Award e un Golden Globe come “Miglior attore protagonista”) per il ruolo del malato terminale di AIDS Roy Cohn; l’opera è stata lodata in tutto il mondo ricevendo numerosi riconoscimenti. In seguito ha recitato nel ruolo di Jack Kevorkian nel film TV HBO You Don’t Know Jack – Il dottor morte (Barry Levinson, 2010). La collaborazione con HBO è proseguita nel 2013 col biopic Phil Spector (di David Mamet), dove Pacino ha interpretato l’omonimo produttore discografico venendo nominato ai Golden Globe 2014. Infine nel 2018 è stato protagonista di un altro film TV, Paterno, diretto da Barry Levinson.

Buon compleanno Al, tanti auguri Leggenda!

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here