Crisi Russia-Ucraina: Kiev esorta i cittadini a lasciare la Russia

0
374
La Russia si sta preparando per la prossima fase dell’offensiva

Crescono i timori di una possibile guerra nella crisi Russia-Ucraina e Kiev ha esortato i suoi cittadini a lasciare la Russia. Ha inoltre affermato di aver sanzionato centinaia di russi. Anche il governo libico si unisce alla comunità internazionale nel condannare le mosse della Russia in Ucraina.

Crisi Russia-Ucraina: Kiev chiede ai cittadini di lasciare la Russia?

Mentre crescono i timori di una possibile guerra e l’Occidente ha iniziato a imporre sanzioni economica contro Mosca, l’Ucraina ha esortato i suoi cittadini a lasciare la Russia. Kiev ha inoltre affermato che ha sanzionato centinaia di russi.  In una nota di avviso, il ministero degli Esteri ucraino ha raccomandato ai cittadini di “astenersi da qualsiasi viaggio” in Russia e ha affermato che coloro che erano già lì dovrebbero partire “immediatamente”. L’avvertimento è arrivato quando il parlamento ucraino ha approvato l’imposizione di sanzioni a 351 russi, compresi i legislatori che hanno sostenuto la decisione del presidente Vladimir Putin di riconoscere le autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk dell’Ucraina orientale come indipendenti e schierare truppe nelle regioni separatiste.

Il governo libico condanna le mosse della Russia in Ucraina

Il Governo di Unità Nazionale libico (GNU) ha condannato le mosse della Russia in Ucraina. Ha inoltre invitato Mosca a calmarsi e a ritirare le forze schierate al confine ucraino. Nella dichiarazione emessa dal Ministero degli Esteri del GNU, si legge che la Libia “rifiuta di riconoscere l’indipendenza della cosiddetta Repubblica popolare di Donetsk e della Repubblica popolare di Lugansk”. La dichiarazione afferma anche che Tripoli si appella alla Russia affinché si astenga dal lanciare qualsiasi operazione militare contro la Repubblica ucraina. “Riaffermiamo il nostro impegno per la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina”, si legge nella dichiarazione. Il governo libico condanna inoltre la “presenza illegale” dei mercenari del Wagner Group russo sia in Ucraina sia Libia. “Chiediamo alla Russia di usare il linguaggio della diplomazia e del dialogo invece della violenza e della guerra”, conclude il comunicato.


Leggi anche: Sanzioni alla Russia anche da Australia, Canada e Giappone

Biden annuncia nuove sanzioni contro la Russia