sabato, Luglio 20, 2024

Continuano le proteste in Francia

Il governo francese ha respinto martedì le richieste di una “pausa” nei piani di riforma delle pensioni per consentire un periodo di mediazione. Questo mentre scontri con le forze dell’ordine, scaramucce e altri atti di vandalismo hanno caratterizzato le proteste in Francia contro la riforma delle pensioni in diverse città, tra cui Parigi.

Le proteste in Francia

La giornata di proteste e scioperi a livello nazionale indetta dai sindacati è la decima da metà gennaio contro la legge, che include proposte per innalzare l’età pensionabile da 62 a 64 anni. La polizia di Parigi ha dichiarato di aver sparato granate di gas lacrimogeno nel tentativo di disperdere alcuni manifestanti per “facilitare lo svolgimento della manifestazione”. Le autorità hanno arrestato 27 persone a Parigi e hanno effettuato circa 10.000 controlli durante la giornata. I sindacati hanno dichiarato in una conferenza stampa congiunta alle 19:45 di martedì 28 marzo di “deplorare” il fatto che ci siano stati dei feriti durante gli scontri tra manifestanti e polizia a Place de la Nation a Parigi, ma hanno annunciato un undicesimo giorno di sciopero per giovedì 6 aprile. Secondo le stime dei sindacati, martedì a Parigi hanno manifestato circa 450.000 persone. La polizia ha stimato un numero di 93.000 persone.

Misure “senza precedenti

Secondo il Ministro degli Interni Gérald Darmanin, 13.000 agenti di polizia e gendarmi – di cui 5.500 a Parigi – sono stati mobilitati per il decimo giorno di proteste contro la riforma delle pensioni, una misura che ha definito “senza precedenti”. Nell’ovest della Francia, dove gli scontri erano stati particolarmente violenti giovedì scorso, sono stati segnalati episodi di violenza e vandalismo a Nantes e Rennes, anche se le manifestazioni sono state generalmente più tranquille. In Loire-Atlantique sono stati dati alle fiamme una filiale di una banca e un’auto, mentre è stato preso di mira anche il tribunale amministrativo. Almeno un manifestante è rimasto ferito nella manifestazione di Nantes, dove la prefettura ha dichiarato di aver effettuato 49 arresti. A Rennes, sono stati segnalati danni di entità inferiore al normale nel centro della città, dove un’agenzia di assicurazioni è stata saccheggiata. La polizia ha usato un cannone ad acqua e sei persone sono state arrestate. Anche a Tolosa la manifestazione è stata caratterizzata da incidenti. Le forze dell’ordine hanno usato un cannone ad acqua contro una cinquantina di manifestanti vestiti di nero con maschere e occhiali protettivi.

Negozi vandalizzati

Altrove, a Lione, dove i negozi sono stati vandalizzati, la polizia ha usato anche un cannone ad acqua. Anche a Lille si sono verificati scontri tra le forze dell’ordine e alcuni manifestanti al termine del corteo. Le forze dell’ordine hanno usato due cannoni ad acqua e sparato gas lacrimogeni prima di caricare per disperdere i manifestanti; è stato effettuato almeno un arresto. La manifestazione era stata in gran parte pacifica fino a quel momento. L’uso di gas da parte delle forze dell’ordine è stato segnalato anche a Bordeaux, Calais, Digione e Caen. A Parigi, la massiccia manifestazione contro la riforma delle pensioni si è svolta da Place de la République a Place de la Nation il 28 marzo 2023. A Parigi, la manifestazione di massa contro la riforma delle pensioni si è svolta da Place de la République a Place de la Nation il 28 marzo 2023. A Strasburgo, alcune centinaia di giovani manifestanti hanno giocato al gatto e al topo con le forze dell’ordine, in particolare nel quartiere studentesco di Krutenau. Le vetrine delle banche sono andate in frantumi, così come almeno dieci pensiline degli autobus. A Besançon sono scoppiati scontri tra circa 150 manifestanti e la polizia. La prefettura ha reso “omaggio ai leader sindacali” che sono intervenuti per evitare che i manifestanti incendiassero la porta della prefettura. A Nancy, la polizia ha sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti nella piazza principale della città, Place Stanislas.


Nessuna discussione

Lunedì Macron ha avuto colloqui di crisi con il primo ministro Elisabeth Borne e altri ministri del gabinetto e legislatori di alto livello all’Eliseo. Alla vigilia della 10a giornata di mobilitazione contro la riforma delle pensioni, Emmanuel Macron resta inflessibile ma non chiude la porta al dialogo. “Dobbiamo continuare a tendere la mano ai sindacati”, ha dichiarato un partecipante all’incontro, anche se il presidente ha respinto qualsiasi revisione della legge sulle pensioni. Borne ha programmato colloqui per tre settimane con parlamentari, partiti politici e autorità locali, ma spera ancora di incontrare i leader sindacali. Laurent Berger, capo del sindacato moderato CFDT, ha chiesto la nomina di un mediatore tra i sindacati e il governo come “un gesto a favore del raffreddamento e della ricerca di una via d’uscita”. Il segretario generale della Confederazione democratica del lavoro francese (CFDT) Laurent Berger cammina durante una manifestazione a Parigi, giovedì 23 marzo 2023. Il leader del sindacato di sinistra CGT Philippe Martinez ha dichiarato: “L’obiettivo è il ritiro” della legge sulle pensioni. Ma il portavoce del governo Olivier Veran ha detto che la legge non è più in discussione. “Ormai fa parte del passato”, ha detto.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles