giovedì, Febbraio 29, 2024

Clorella: Questo alimento quasi perfetto inghiotte le tossine dell’organismo

La clorella, un’alga unicellulare d’acqua dolce, è una delle alghe più studiate al mondo. Viene spesso definita un alimento quasi perfetto, in quanto le ricerche condotte nel corso degli anni hanno individuato una serie sorprendente di benefici per la salute. Sebbene sia ben nota per la sua capacità di disintossicare l’organismo legandosi alle tossine e facendole uscire dal sistema, non è certo l’unica cosa per cui è utile.

L’impressionante gamma di benefici per la salute della clorella

Come vedrete, la clorella sembra corrispondere alla descrizione di un “nutriente miracoloso” che serve molto più di una sola funzione. Ecco un assaggio di alcuni dei benefici per la salute associati a questa alga verde:

Riparazione dei tessuti nervosi
Aumenta i livelli di energia
Rafforzamento del sistema immunitario
Normalizzazione degli zuccheri nel sangue
Miglioramento della digestione
Normalizzazione della pressione sanguigna

Promuovere livelli sani di pH nell’intestino, favorendo la crescita dei batteri buoni.
Eliminare i metalli potenzialmente tossici dal corpo
Migliorare la capacità di attenzione e concentrazione
Eliminare l’alito cattivo

La clorella può essere utile anche ai vegetariani e ai vegani che cercano proteine e vitamine del gruppo B da una fonte non animale. Circa il 60% di essa è costituito da proteine e, poiché contiene tutti gli aminoacidi essenziali di cui il corpo ha bisogno, è considerata una “proteina completa”.

La clorella è anche ricca di:

GABA
Folato
vitamina B12
ferro

Sei condizioni di salute che La clorella può aiutare a prevenire o trattare

Come accennato in precedenza, la clorella è stata ed è tuttora oggetto di ricerca per una serie di condizioni di salute. Ecco un elenco di sei problemi di salute e malattie comuni in cui la clorella può essere di particolare beneficio:

Resistenza all’insulina – All’inizio di quest’anno, i ricercatori hanno scoperto che la clorella ha la capacità di migliorare la sensibilità all’insulina indotta dal fruttosio. Come ho discusso in numerose occasioni, l’eccessivo consumo di fruttosio è la causa numero uno dell’insulino-resistenza e del diabete di tipo 2. In questo studio sugli animali, dopo essere stati alimentati con cibo ricco di fruttosio per quattro settimane, ai topi è stata somministrata la clorella tre volte al giorno per cinque giorni, il che ha riportato i loro valori elevati di glucosio e insulina alla normalità.Gli autori hanno concluso che: “La somministrazione orale di clorella ha la capacità di migliorare la sensibilità all’insulina, che può essere utilizzata come terapia adiuvante per i pazienti con insulino-resistenza”.

Disintossicazione. È particolarmente utile se utilizzata insieme a una sauna a infrarossi e assunta due ore prima di entrare nella sauna. In questo modo la clorella si trova nell’intestino ed è pronta a legarsi alle tossine rilasciate durante la sauna. Si legherà in modo irreversibile alle tossine e sarà espulso in modo sicuro quando si ha il movimento intestinale.

Diabete – Ulteriori prove a sostegno della teoria che la clorella può migliorare la sensibilità all’insulina si trovano in uno studio precedente. In questo caso, si è riscontrato che l’alga migliora la sensibilità all’insulina e l’assorbimento del glucosio nel fegato di topi diabetici di tipo 1. Gli autori suggeriscono che gli effetti ipoglicemizzanti della clorella possono essere dovuti a un migliore assorbimento del glucosio nel fegato e nei muscoli solei. Un altro meccanismo potrebbe essere legato alla diminuzione dei livelli di acidi grassi non esterificati (NEFA), dal momento che la sensibilità all’insulina è solitamente ostacolata da NEFA elevati nel diabete di tipo 1.

Ipertensione – I risultati di uno studio in doppio cieco e controllato con placebo, pubblicato due anni fa, suggeriscono che la clorella può ridurre significativamente la pressione sanguigna alta e normale e l’ipertensione borderline. Gli autori hanno proposto che possa essere un integratore alimentare utile per prevenire l’ipertensione, senza effetti collaterali apparenti.

Anemia, proteinuria ed edema nelle donne in gravidanza.
L’ipertensione e l’anemia indotte dalla gravidanza sono comuni e potenzialmente pericolose. Una delle cause principali di queste condizioni è lo stato nutrizionale della donna. Uno studio pubblicato l’anno scorso ha scoperto che la clorella può contribuire a migliorare entrambe le condizioni nelle donne in gravidanza, probabilmente grazie al suo elevato contenuto di folati, B12 e ferro. I soggetti hanno assunto sei grammi di clorella al giorno, a partire da un momento compreso tra la 12a e la 18a settimana di gestazione, fino al parto. Il gruppo di clorella aveva tassi di anemia significativamente più bassi rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, presentavano una minore incidenza di proteinuria ed edema, due sintomi associati all’ipertensione indotta dalla gravidanza. Anche in questo caso, gli autori hanno concluso che: “L’integratore di clorella può essere utile come risorsa di folati naturali, vitamina B-12 e ferro per le donne in gravidanza”.

Fibromialgia – Anche se i risultati individuali sono stati diversi, può valere la pena di prendere in considerazione la clorella se si soffre di fibromialgia. Uno studio pubblicato nel 2000 ha testato l’efficacia di due prodotti a base di clorella disponibili in commercio su pazienti con diagnosi di fibromialgia, e i risultati complessivi hanno mostrato una riduzione del 22% dell’intensità del dolore. Tuttavia, mentre sette pazienti hanno riferito un miglioramento dei sintomi della fibromialgia, sei non hanno riportato alcun effetto e cinque hanno dichiarato che i loro sintomi erano peggiorati durante la sperimentazione… Tenetene conto, quindi, se decidete di provarla. Se per alcuni può essere utile, per altri potrebbe non funzionare affatto.

Cancro al fegato Uno studio pubblicato nel 2009 ha scoperto che la clorella innesca la morte cellulare (apoptosi) nelle cellule di cancro al fegato dei ratti, il che suggerisce che potrebbe essere utile nella prevenzione del cancro al fegato. Gli autori hanno concluso che: “Il nostro studio dimostra che la clorella ha un sicuro effetto chemiopreventivo inducendo l’apoptosi attraverso la diminuzione dell’espressione di Bcl-2 e l’aumento dell’espressione della caspasi 8 nei ratti con epatocarcinogenesi indotta”.

La clorella: un potente agente disintossicante

La tossicità da metalli pesanti, proprio come la tossicità chimica, è diventata uno dei rischi più pressanti per la salute dei nostri giorni, ed è qui che la clorella può essere profondamente utile. La sua capacità di legarsi alle tossine dei metalli pesanti, consentendo loro di essere espulse in modo sicuro dall’organismo, è stata ben dimostrata. È particolarmente importante per l’eliminazione sistemica del mercurio, perché la maggior parte del mercurio viene eliminata attraverso le feci. Una volta che il carico di mercurio viene abbassato dall’intestino, il mercurio proveniente da altri tessuti del corpo migrerà più facilmente nell’intestino, dove la clorella lavorerà per rimuoverlo.

Alla clorella si può aggiungere anche il coriandolo, che funge da aiuto sinergico per la disintossicazione. Questa combinazione è particolarmente utile da assumere quando si consumano frutti di mare, poiché la maggior parte di essi sono invariabilmente contaminati da metalli pesanti e sostanze chimiche. L’ideale sarebbe assumerla durante il pasto, in modo che la clorella possa legarsi direttamente alle tossine mentre si trovano nell’intestino, prima che vengano assorbite dall’organismo.

Per ottimizzare la disintossicazione dai metalli pesanti, è consigliabile assumere almeno quattro grammi di clorella ogni giorno, tutto l’anno.

Tenete presente che possono verificarsi effetti collaterali. Quando il corpo inizia a disintossicarsi, inizialmente si può avvertire una leggera nausea e/o una lieve diarrea. Se questi sintomi sono troppo fastidiosi, si consiglia di ridurre la dose iniziale e di aumentarla lentamente. Man mano che il corpo si depura dalle tossine, questi effetti collaterali dovrebbero scomparire. Le saune a infrarossi sono un altro approccio disintossicante fenomenale. Cerco di fare una sauna di 20 minuti praticamente ogni giorno che sono a casa. Scriverò di più su questo utile strumento nel prossimo futuro.

Il dettaglio cruciale che determina l’efficacia della clorella


La chiave delle capacità disintossicanti della clorella risiede nella sua membrana, ma la parete cellulare fibrosa della clorella è in realtà indigesta per gli esseri umani. Per questo motivo, la maggior parte dei prodotti a base di clorella utilizza il termine “parete cellulare rotta” per descrivere il fatto che la clorella è stata resa digeribile.

Se un prodotto non vi dice specificamente che la parete cellulare è stata rotta, è probabile che stiate buttando i vostri soldi nel water, perché la clorella passerà semplicemente attraverso di voi senza farvi del bene. Come spiega Ginny Banks in questa precedente intervista, è nel vostro interesse assicurarvi di ottenere un prodotto di alta qualità per questo motivo.

Come verificare la qualità di un prodotto clorella

Sebbene esistano diversi metodi proprietari per rompere la parete cellulare, il confronto chiave a cui bisogna prestare attenzione è il profilo nutrizionale del prodotto finale. Oltre ad assicurarsi che si tratti di clorella “a parete cellulare rotta”, questo è l’altro fattore che vi aiuterà a valutare la qualità di qualsiasi prodotto. Tenete presente che, secondo i requisiti legali, un prodotto naturale può contenere più o meno il 20% del livello dichiarato di qualsiasi componente nutrizionale. Per questo motivo, vi consiglio di affidarvi solo ad aziende affidabili, che si attengono a determinati processi che aumentano le possibilità di ottenere i livelli di nutrienti indicati sull’etichetta.

Le recenti modifiche alle linee guida sulle buone pratiche di fabbricazione (GMP) e ai requisiti di etichettatura rendono molto più facile indagare e verificare le affermazioni delle aziende, che sono ora tenute a indicare il loro numero di telefono e il loro sito web su ogni etichetta. Devono inoltre mantenere una traccia cartacea che mostri la provenienza del materiale e gli eventuali test effettuati.

Le domande chiave da porre quando si chiama direttamente un’azienda sono:

Con quale frequenza testate i lotti per verificarne la consistenza nutrizionale?
Chiedete un foglio di specifiche (“spec sheet”) o il Certificato di analisi, noto come “C of A”. Si tratta di documenti che elencano tutti i test a cui viene sottoposto il prodotto finale.
Come e dove viene coltivata la clorella? Le variazioni climatiche e stagionali possono causare variazioni nutrizionali, ma se la clorella viene coltivata in stagni artificiali il produttore ha un maggiore controllo sulla consistenza. Inoltre, è bene assicurarsi che la clorella sia coltivata in aree non inquinate, poiché si lega ai metalli pesanti.
Il produttore esegue test per la contaminazione da metalli pesanti? Un produttore di alta qualità eseguirà regolarmente analisi dei metalli pesanti, per le quali dovrebbe esserci anche una traccia cartacea verificabile. Inoltre, i produttori biologici devono attenersi a regole ancora più severe per ottenere la certificazione biologica, il che è un altro segno di un prodotto pulito e di alta qualità.

Related Articles

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles