Chiese a porte aperte, App per visite autonome al patrimonio ecclesiastico

Da questo mese sono 23 gli edifici di culto visitabili senza guida con l'utilizzo dello smartphone

0
404

Cresce il circuito delle Chiese a porte aperte che da questo mese conta dieci luoghi sacri in più tra Piemonte e Valle d’Aosta. Il progetto che ha ottenuto il finanziamento della Fondazione Crt rende cappelle e centri di culto fruibili in autonomia dai visitatori con un’App. Le nuove entrate si trovano lungo percorsi benessere o su itinerari turistico-spirituali, in zone di interesse culturale ed enogastronomico.

Per accedere alle chiese non occorre più chiedere al pievano o al fabbriciere, ma è sufficiente utilizzare lo smartphone. L’App Chiese a porte aperte permette infatti di aprire l’ingresso dell’edificio sacro e attivare la guida multimediale in tre lingue. Il progetto è unico in Europa ed è coordinato dalla Consulta regionale per i beni culturali ecclesiastici. Con l’inserimento di questi luoghi di culto sono complessivamente 23 le chiese aderenti al progetto.

Chiese a porte aperte, visite senza accompagnatore con lo smartphone

Il funzionamento dell’applicazione è semplice, dopo aver pronotato la visita il fruitore deve solamente inquadrare un Qr code per entrare nel luogo di culto. All’interno un sistema di illuminazione permette anche di cogliere i dettagli artistici come affreschi e capitelli. Possono accedere alle chiese al massimo cinque persone alla volta.

I visitatori possono entrare in sicurezza in spazi spesso poco conosciuti e in zone difficili da raggiungere. L’App è uno strumento per diffondere cultura e valorizzare i territori. Nell’ottica di sviluppare un turismo responsabile e sostenibile, il progetto mira poi a diffondere la conoscenza del patrimonio artistico italiano.

Le chiese in cui da agosto è possibile utilizzare l’applicazione sono pertanto:

  • cappella di Santa Maria di Vespiolla a Baldissero Canavese (Torino);
  • chiesa di Santo Stefano di Sessano a Chiaverano (Torino);
  • cappella della Madonna del Boschetto a Frossasco (Torino);
  • chiesa di San Felice a Cinaglio (Asti);
  • chiesa di San Lorenzo a Montiglio Monferrato (Asti);
  • cappella di San Maurizio a Roccaforte Mondovì (Cuneo);
  • chiesa di Santa Croce a Mondovì Piazza (Cuneo);
  • confraternita Santo Spirito a Castagnito (Cuneo);
  • confraternita di San Bernardino a Monteu Roero (Cuneo);
  • cappella di San Michele a Marseiller, Verrayes (Aosta).
Commenti