Carignano (Torino) – È morta anche la piccola Aurora

0
498

Il fratellino e la madre erano deceduti subito dopo il raptus omicida del 40enne che ha poi rivolto lʼarma contro se stesso lunedì allʼalba a Carignano.

Non ce l’ha fatta Aurora, la bimba di 2 anni ferita con un colpo di pistola dal padre di 40 anni, Alberto Accastello, all’alba del 9 novembre, nella loro villetta a Carignano, in provincia di Torino. Nella strage, l’uomo aveva sparato ad Alessandro, gemello di Aurora, e alla moglie, Barbara Gargano, per poi rivolgere l’arma contro se stesso. La donna e il piccolo erano morti subito dopo, la sorella era stata trasportata d’urgenza al Regina Margherita.

Sin dal primo momento le sue condizioni erano apparse disperate; il proiettile le aveva infatti procurato un gravissimo trauma cranico e non era operabile.

Il 40enne ha colpito i figli e la moglie nel sonno e sparato anche al cane che è stato trovato senza vita nello sgabuzzino della casa dai carabinieri, intervenuti dopo la chiamata di allarme dei vicini di casa. Tutte le vittime sono state centrate alla testa.