Boom per il sito del turismo di Rimini. Record per la città

0
438

La Riviera Romagnola, una delle mete più gettonate per le vacanze estive in Italia, fa il boom anche in tempo di chiusure per Covid. Il sito del turismo della provincia di Rimini ha infatti registrato in questi mesi un record nelle visite on line.

Il boom del sito turistico di Rimini

Rimini e la sua provincia sembrano essere mete ancora fortemente attraenti dal punto di vista turistico. Nel 2020 sono infatti state 2.200.000 le pagine visualizzate on line sul sito www.riminiturismo.it. Un record che equivale ad un aumento pari al 53% rispetto l’anno precedente. Ad attirare più visitatori l’esperienza on line del virtual tour (www.riminiturismo.it/virtualtour) che permette un’immersione nella città romagnola on line e nella sezione eventi la pagina dedicata alla mostra del centenario della nascita del riminese Federico Fellini con circa 20.000 visualizzazioni.


San Pietroburgo e Aeroporto di Rimini insieme per il rilancio del turismo in Romagna


Rimini è ancora attraente per il mercato estero?

Il trend che vede la Romagna e soprattutto Rimini prodotti attraenti per il mercato estero sembra continuare. Un rapporto lungo decenni quello tra la Riviera Romagnola e i paesi del Nord Europa iniziato a partire dagli anni ’60 e ancora oggi ben stretto. E’ infatti noto lo stretto legame che si è sviluppato nell’ultimo decennio tra il territorio e il mercato turistico russofono, grazie anche al forte aumento dei voli diretti verso gli aeroporti russi e di nazioni limitrofe. Ancora precedente invece quello che lega le province riminese e quella di Ravenna con il turismo estivo proveniente da Germania e Paesi Bassi. Questi storici legami sembrano essere ancora saldi. Il boom nelle visite del sito di Rimini e del suo turismo sembra dovuto in parte proprio ai turisti al di fuori del nostro territorio nazionale. I dati riportati dal sito Rimini Turismo dimostrano infatti che sono stati 94.000 gli utenti che hanno visitato pagine in inglese, tedesco e russo. Dati che sembrano incoraggiare gli operatori del turismo locale e di tutta la Riviera Romagnola, pronti a ripartire il prima possibile.