San Pietroburgo e Aeroporto di Rimini insieme per il rilancio del turismo in Romagna

Siglato ieri a San Pietroburgo uno storico accordo con l'aeroporto internazionale di Rimini per il rilancio del turismo in Romagna.

0
747

E’ stato siglato ieri a San Pietroburgo un nuovo accordo di partneariato commerciale tra Russia e Italia che vede come protagonista l’aeroporto internazionale di Rimini e San Marino.

La città russa ha infatti ospitato la firma ufficiale dell’accordo tra AIRiminum 2014, società di gestione dello scalo romagnolo, rappresentata dall’AD e Responsabile dell’ufficio VisitPetersburg riminese Leonardo Corbucci, il Comune di Ravenna, rappresentato dall’Assessore per il turismo, il coordinamento degli eventi e Smart City Giacomo Costantini e il Bureau delle Informazioni Turistiche di San Pietroburgo, rappresentato da Petrova Nadezhda Vitalievna, Direttore Generale ad interim dell’Agenzia di bilancio statale della città russa.

La partnership tra l’aeroporto romagnolo, la città di Ravenna e le istituzioni russe è stata sviluppata per poter rafforzare i già importanti rapporti tra Emilia Romagna e Russia, rilanciando il turismo nelle zone del ravennate e del riminese attraverso la promozione di attività di cooperazione a partire dallo scambio di esperienze e informazioni sulla promozione commerciale nel settore turistico e per una sempre migliore qualità dei servizi turistici e una promozione e organizzazione congiunta di attività ed eventi.

L’accordo ha preso vita durante SPIEF 2017 (St. Petersburg International Economic Forum), permettendo l’inaugurazione del primo ufficio VisitPetersburg in Italia presso lo scalo aeroportuale riminese.

Lo scorso ottobre presso Palazzo Rasponi a Ravenna, sono stati stilati alcuni punti programmatici dell’accordo alla presenza dei rappresentanti delle realtà di promozione turistica del territorio di Ravenna e Cervia (Ravenna Incoming e Comune di Cervia) insieme ad alcni operatori turistici e associazioni di categoria locali tra i quali Confindustria, Confartigianato, Confcommercio e l’associazione degli albergatori.

Sono previsti altri due incontri, il prossimo sul territorio ravennate a maggio durante After Futuri Digitali e un altro successivamente in territorio russo.

Un’occasione unica per l’Assessore al turismo del Comune di Ravenna che ha così commentato durante la sigla dell’accordo:
Ravenna è una delle principali città d’arte d’Italia e rappresenta un attrattore per tutto il sistema turistico dell’Emilia Romagna. Questa importante relazione che abbiamo avviato con San Pietroburgo, ci da la possibilità di parlare potenzialmente con 16 milioni di persone interessate al lifestyle italiano e ce ricercano la bellezza e l’aspetto più autentico dell’Italia, che Ravenna può offrire tutto l’anno“.

Occasione che sembra rendere molto felice anche il territorio cervese.

Cervia partecipa con piacere alla nascita di questo rapporto privilegiato tra de capitali della cultura europea come Ravenna e San Pietroburgo. La collaborazione stimola una clientela russa di qualità a cui la nostra hotellerie può contribuire a rispondere ampliando un segmento di mercato già importante. Ringrazio l’aeroporto di Rimini per l’importante azione di regia tra le due regione“ ha affermato il sindaco del territorio cervese Massimo Medri.

La città di Rimini già ampliamente al centro delle scelte dei visitatori russi negli ultimi anni, sarà di supporto alla vicina Ravenna nella ricezione dei nuovi flussi turistici ed insieme al rilancio del suo aeroporto, che sembra essere uscito dal periodo di forte difficoltà economiche e organizzative degli ultimi anni, giocherà un ruolo fondamentale nello sviluppo economico della regione Emilia Romagna nel medio lungo periodo.

Commenti