martedì, Giugno 25, 2024

Bangladesh: manifestanti chiedono le dimissioni del primo ministro

In Bangladesh i manifestanti chiedono le dimissioni del primo ministro Sheikh Hasina. Il governo di Hasina è accusato di repressione del dissenso.

Bangladesh: manifestanti chiedono le dimissioni del premier

I sostenitori del partito di opposizione, il Partito Nazionalista del Bangladesh (BNP), sono scesi in piazza nella capitale Dhaka per chiede le dimissioni del primo ministro Sheikh Hasina. Il BNP, allo sbando da quando il suo leader Khaleda Zia è stato incarcerato nel 2018 con l’accusa di corruzione, negli ultimi mesi ha tenuto diverse manifestazioni per protestare contro l’aumento del costo della vita. Durante l’ultima manifestazione, i sostenitori del BNP si sono scontrati con la polizia, che ha sparato proiettili di gomma e gas lacrimogeni. Secondo la polizia e i media locali, i manifestanti hanno appiccato il fuoco agli autobus e fatto esplodere molotov.

Il BNP ha affermato che decine di suoi sostenitori sono rimasti feriti. La polizia ha invece detto che almeno 20 agenti sono rimasti feriti negli scontri. La polizia ha anche riferito che almeno 90 persone sono state arrestate, mentre due alti dirigenti del BNP sono stati presi in custodia dalla polizia e successivamente liberati. L’alto leader del BNP Abdul Moyeen Khan ha denunciato l’azione della polizia come una “ingiustizia”. “L’azione dilagante di oggi ha solo confermato la natura autocratica del regime al potere ed espone pienamente le loro motivazioni per rimanere al potere attraverso elezioni truccate”, ha detto all’agenzia di stampa Reuters, aggiungendo che la polizia stava cercando di limitare il “diritto fondamentale di associazione” delle persone.

La polizia nega la violenza

Dal canto suo, la polizia afferma di aver agito solo per difesa. “La nostra forza è stata attaccata senza alcun motivo. Stavano solo cercando di facilitare il flusso del traffico”, ha detto Faruq Ahmed, portavoce della polizia metropolitana di Dhaka. “Abbiamo dovuto sparare gas lacrimogeni e proiettili di gomma per controllare la situazione“, ha aggiunto. Tuttavia, le riprese televisive hanno mostrato la polizia che usava i manganelli per picchiare i manifestanti per strada.

Un governo repressivo

I governi occidentali e i gruppi per i diritti hanno costantemente criticato il governo del Bangladesh per essere troppo repressivo. Il primo ministro Hasina, che ha mantenuto uno stretto controllo da quando è salito al potere nel 2009, è stato accusato di autoritarismo, violazioni dei diritti umani, repressione della libertà di parola e soppressione del dissenso mentre incarcerava i suoi critici.


Leggi anche: Proteste in Bangladesh: manifestanti chiedono nuove elezioni  

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles