Associazione Ultima Generazione si attacca alla Primavera

Gli attivisti sono entrati agli Uffizi per chiedere la decarbonizzazione e l'uso delle fonti rinnovabili

0
195
Uffizi

Il grido di allarme degli attivisti che intendono sensibilizzare l’opinione pubblica ai rischi dei cambiamenti climatici entra nei musei. Dopo l’azione del gruppo Just Stop Oil a Londra, anche l’associazione Ultima Generazione presenta le richieste per ridurre le emissioni di carbonio. Agli Uffizi due militanti si sono attaccati al vetro che protegge la Primavera di Sandro Botticelli.


Just Stop Oil: Carro da fieno e combustibili fossili


Che tipo di iniziative mette in atto l’associazione Ultima Generazione per contrastare i cambiamenti climatici?

Negli ultimi tempi gli attivisti hanno avviato proteste non violente in luoghi pubblici e in occasione di eventi sportivi. Ha bloccato il traffico e si è anche mobilitata per interrompere la prima di Madama Butterfly al Puccini festival. Le azioni chiamano in causa il Governo e le aziende ENI e MITE che dovrebbero prendere provvedimenti adeguati a fronteggiare la situazione ambientale compromessa.

L’arte e la tutela dell’ambiente

La conservazione della bellezza dei capolavori artistici fa parte della cultura collettiva e dovrebbe essere associata all’attenzione per la salvaguardia del Pianeta. Invece, spesso chi frequenta i musei adotta comportamenti scorretti quando si tratta di limitare l’inquinamento. Quindi gli attivisti dell’associazione ambientalista Ultima Generazione hanno scelto un luogo che riunisce un patrimonio artistico di valore universale per presentare le richieste al Governo. La Primavera di Botticelli con la sua ambientazione in un giardino curato rappresenta l’ideale di civiltà in cui conoscenza e apprezzamento del bello si sviluppano in un contesto controllato.

L’associazione Ultima Generazione e la Primavera

I militanti del gruppo non hanno intenzione di danneggiare le opere. Infatti, hanno chiesto ai conservatori quali prodotti utilizzare per incollarsi senza rovinare il dipinto. Sono quindi rimasti attaccati al vetro che protegge il lavoro dell’artista fiorentino impiegando uno speciale collante. Poi hanno comunicato le richieste dell’associazione: impedire la riapertura delle centrali di carbone dismesse e nuove trivellazioni e aumentare la produzione di energia da fonti rinnovabili, soprattutto solare e eolico.