Villaggi in Francia: i migliori da scoprire

0
264

I consigli vengono direttamente da Carolyn Boyd, scrittrice ed esperta della Francia. Ecco i suoi 10 villaggi preferiti.

Quali sono i migliori villaggi francesi da scoprire?

Che siate turisti e amiate le escursioni, appassionati di vino e gastronomia o che addirittura vogliate investire in una seconda casa, almeno uno di questi villaggi farà sicuramente al caso vostro. Vediamoli insieme.


Rainbow Village il villaggio più colorato della storia


Conques, Occitania

Cominciamo col dire che il villaggio di Conquest fa parte del cammino di Santiago de Compostela, per cui lo avrete sicuramente visitato se avete partecipato a questo pellegrinaggio. Ospita l’abbazia del XI secolo Sainte-Foy, un vero gioiello che meriterebbe da solo la visita. Al suo interno è collocata una delle opere d’oro medievali più grandi d’Europa, la collezione di reliquiari denominata Il Tesoro di Conques. Inoltre, nel 1990 sono state aggiunte delle vetrate realizzate dall’artista Pierre Soulage.

Ars-en-Ré, Nuova Aquitania

Il villaggio raffinato di Ars-en-Ré si trova nell’Ile-de-Ré, e la sua perla è senza dubbio la chiesa di Saint-Etienne, che con la sua guglia bianca e nera rappresentava un punto di riferimento per i marinai. Nei mesi estivi il suo mercato giornaliero offre ampia selezione di prodotti, come sapone profumato e miele locale.

Ménerbes, Provenza

Se invece siete appassionati di vini, Ménerbes farà al caso vostro. Molti i vigneti da visitare, tra cui il Domaine de la Citadelle: qui trova posto il bizzarro Museo dei Cavatappi, con la sua collezione da 1000 cavatappi di ogni forma, età, dimensione e luogo d’origine.

Grignan, Alvernia

A Grignan, nella regione dell’Alvernia, può essere appagata sia la vostra vista che il vostro gusto. Intorno al villaggio sorgono campi di lavanda, e a coronarlo il suo castello rinascimentale. Da provare inoltre il ristorante dell’hotel Le Clair de la Plume, con il suo chef Julien Allano: il suo menu propone i prodotti del dipartimento della Drôme, come le olive di Nyons, il formaggio Saint-Marcellin e il torrone Montélimar.

Flavigny-sur-Ozerain, Borgogna

Avete visto il film del 2001 Chocolat, con Juliette Binoche e Johnny Depp? Se la risposta è sì, sappiate che molte delle sue scene sono state girate proprio qui, in questo villaggio della Borgogna. È possibile qui acquistare una specialità della pasticceria francese, gli imperiali di anice bianca: sono venduti in piccole scatole di latta, e i laboratori dove sono prodotti si trovano dentro e intorno all’abbazia, fondata dai monaci nel VIII secolo.

Roussillon, Provenza

Amate i colori, e scegliete le vostre mete anche in base a questo particolare? Roussillon potrà far al vostro caso. In questo villaggio si trova uno dei giacimenti di ocra più grandi al mondo, ed è possibile per i visitatori passeggiare nelle cave. Nel paese le case fanno sfoggio dei gialli e arancioni più vivaci, senza contare le sue gallerie e i suoi edifici storici.

Montsoreau, Paesi della Loira

Appassionati di castelli? Nella regione della Loira non mancano di certo, ma occorre segnalare quello rinascimentale che sovrasta il villaggio di Montsoreau. È stato costruito, su un altro vecchio castello dell’XI secolo, nel 1450 da Giovanni II di Chambers, consigliere privato del re Carlo VII. Parte della sua fama, tuttavia, è dovuta al romanzo di Alexandre Dumas La signora di Montsoreau, pubblicato nel 1846. Oggi ospita un museo di arte contemporanea. Il villaggio conta appena 500 abitanti, e la sua architettura è realizzata con pietre di tufo.

Bonneval-sur-Arc, Alvernia

Che siate esperti sciatori oppure escursionisti estivi, Bonneval-sur-Arc è il posto giusto per voi. Si trova a 5000 piedi, e il suo Col d’Iseran è il sentiero lastricato più alto delle Alpi, a 8858 piedi sul livello del mare.

Vézelay, Borgogna

Uno dei principali motivi del suo successo è la sua vista dall’alto, nel parco regionale del Morvan. Ma anche la spiritualità ha la sua importanza, e potete appagarla raggiungendo la sua Basilica. Se capitate qui nel giorno del solstizio d’estate, potrete vedere la luce del sole filtrare attraverso le finestre meridionali e creare una serie di cerchi allineati al centro del pavimento della navata.

Gerberoy, Piccardia

Se invece la vostra passione sono i fiori, a Gerberoy non mancano. Il villaggio si trova in una valle poco profonda tra le pianure, con strade acciottolate e case in mattoni e graticcio. I fiori impreziosiscono proprio le case: rose, glicini, ortensie, malva. A rendere unico il villaggio fu l’artista Henri Le Sidaner, trasferitosi qui nel 1901: un frutteto abbandonato fiorì, grazie alle sue abili mani, diventando giardini con terrazza all’italiana, con roseti e pergole.