Vaiolo delle scimmie: Belgio introduce quarantena obbligatoria

0
544
Vaiolo delle scimmie

Il Belgio è il primo Paese al mondo a introdurre la quarantena obbligatoria di 21 giorni per i pazienti con il vaiolo delle scimmie. Dopo aver registrato quattro casi della malattia nell’ultima settimana. Secondo le autorità di Bruxelles, le persone dovranno isolarsi fino alla scomparsa delle piaghe. Che dovrebbe avvenire per un periodo di tre settimane.

Vaiolo delle scimmie: cosa ha stabilito il Belgio?

Poichè i casi continuano a diffondersi rapidamente, nel tentativo di fermare la diffusione delle infezioni il governo belga ha avvertito che le persone infette dovrebbero evitare qualsiasi contatto fisico e sessuale. E sottoporsi a una quarantena obbligatoria di 21 giorni. Secondo i resoconti dei media locali, nel Paese si è registrato un focolaio correlato al festival fetish gay. Noto come Darklands ad Anversa. In cui tre persone sono risultate positive. Il vaiolo delle scimmie è una malattia trasmessa all’uomo dagli animali. I sintomi includono una distinta eruzione cutanea irregolare, dolori muscolari, mal di testa e febbre. Secondo le autorità belghe, la malattia è meno mortale rispetto al vaiolo, sebbene appartenga alla stessa famiglia del vaiolo. Con un tasso di mortalità inferiore al 4%. Tuttavia, gli esperti sono preoccupati per l’insolita diffusione della malattia oltre l’Africa, dove di solito circola.

Paesi che hanno registrato casi di Monkeypox

Mentre il mondo continua a vacillare per il COVID-19 e i suoi impatti per il terzo anno, il recente aumento dei casi di infezioni da vaiolo delle scimmie è diventato motivo di preoccupazione. Monkeypox è un’infezione virale comune nell’Africa occidentale e centrale che ora si è diffusa in Europa e in diverse parti del mondo. Con oltre 12 Paesi che hanno segnalato casi. Nel frattempo, sabato, l’Organizzazione mondiale della sanità ha riferito che ci sono stati un totale di 92 casi confermati di cui 28 sospetti e sotto inchiesta. Casi di vaiolo delle scimmie confermati anche, nel Regno Unito, Portogallo, Svezia. E in Italia, Spagna, Francia, Belgio, Germania, Stati Uniti, Canada e Australia.


Leggi anche – Invasione Ucraina e blocco cinese: l’era della scarsità per l’economia globale