lunedì, Giugno 24, 2024

USA 2022: le principali storie che hanno segnato l’anno

L’anno 2022 sta volgendo al termine. Ecco le principali storie che hanno segnato l’anno 2022 negli USA. Dalle sfide legali per Trump, alle elezioni di midterm fino al pericolo per il diritto all’aborto.

Le principali storie che hanno segnato l’anno 2022 negli USA

L’anno 2022 sta volgendo al termine. È stato un anno ricco di eventi, soprattutto negli Stati Uniti. Dal dramma politico di Trump alle elezioni di midterm, passando per la lotta ai diritti all’aborto, scopriamo i principali avvenimenti avvenuti nel 2022 negli States.

Il 2022 è stato un anno difficile per l’ex presidente Trump, che è stato al centro di molti dibattiti. Trump, che ha presentato ufficialmente la sua candidatura per le presidenziali del 2024, ha affrontato diverse indagini da quando ha lasciato la Casa Bianca. Dopo mesi di indagini e udienze in prima serata il comitato del Congresso che indaga sugli avvenimenti del 6 gennaio 2021 ha formalmente raccomandato accuse penali contro Trump.

Ma non è tutto. Ad agosto, l’FBI ha recuperato più di cento documenti contrassegnati come riservati dalla tenuta di Trump a Mar-a-Lago, in Florida, nell’ambito di un’indagine penale in corso. E all’inizio di dicembre, un tribunale di New York ha ritenuto la Trump Organization colpevole di frode fiscale, sebbene lo stesso Trump non sia stato accusato nel caso. Nel frattempo, un’indagine sulla potenziale interferenza elettorale in Georgia sta volgendo al termine. I membri della cerchia ristretta di Trump, compreso l’avvocato Rudy Giuliani, sono stati chiamati a testimoniare sulle accuse che l’ex presidente e i suoi collaboratori hanno tentato di influenzare il conteggio dei voti dello Stato. Nei giorni scorsi, Trump ha anche dovuto affrontate la pubblicazione delle sue dichiarazioni dei redditi degli ultimi sei anni.

Abrogazione di Roe v Wade

Il 2022 non è stato solo difficile per Trump ma anche per i democratici, che hanno dovuto affrontare numerosi ostacoli. Diversi casi giudiziari di alto profilo hanno sfidato la politica democratica sull’aborto e l’immigrazione. La Corte Suprema ha ribaltato la sentenza Roe v Wade, la storica sentenza che nel 1973 sancì il diritto di aborto negli USA. La sentenza ha dato il via a un vortice di sfide legali. Diversi Stati a guida repubblicana hanno emanato divieti all’aborto, mentre gli Stati a guida democratica si sono mossi per codificare le protezioni per l’accesso all’aborto nella loro costituzione. In totale sono 10 gli Stati hanno vietato l’aborto a titolo definitivo e altri 8 hanno sospeso i divieti in attesa di ricorsi in tribunale.

Aumenta la violenza armata

Il 2022 è stato segnato anche dall’aumento della violenza armata negli USA. Gun Violence Archive mostra che ci sono state 636 sparatorie di massa, definite come singoli incidenti in cui sono state uccise quattro o più persone. Gli attacchi più devastanti sono avvenuti a New York e in Texas. Il 14 maggio un uomo armato motivato dall’odio razziale ha aperto il fuoco in un supermercato in un quartiere prevalentemente nero a Buffalo, New York, uccidendo 10 persone. 10 giorni dopo, 19 bambini e due insegnanti sono stati assassinati in una scuola elementare di Uvalde, Texas, un attacco che ha fatto eco alla sparatoria alla scuola Dandy Hook del 2012.

Le elezioni di midterm

Il 2022 è stato anche l’anno delle elezioni di midterm. Tali elezioni sono viste come un sondaggio sul presidente in carica. Molti analisti temevano uno scenario da incubo per i democratici. I repubblicani si aspettavano di sconfiggere i democratici, sostenuti dall’angoscia economica, da un presidente democratico apparentemente impopolare e da tendenze storiche. Tuttavia, al giorno delle elezioni, la paura per un’ondata rossa è sparita. I democratici sono riusciti a mantenere il controllo del Senato, ma hanno perso quello della Camera. Il presidente Biden si è detto soddisfatto dei risultati. I risultati delle elezioni di midterm hanno anche messo in dubbio la credibilità dei politici in “stile Trump”. La sconfitta dei repubblicani è infatti dovuta principalmente ai candidati sostenuti dall’ex presidente. Quest’ultimo approva candidati teorici della cospirazione e negazionisti elettorali che vengono visti come un danno per il partito repubblicano.   


Leggi anche: 2022 addio: pandemia, guerra e crisi economica hanno segnato l’anno che…

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles