XXXII giornata di Serie B: vincono Venezia e Salernitana, pari tra Ternana e Frosinone

0
233

Nella XXXII giornata di Serie B vincono Salernitana e Venezia rispettivamente contro Novara e Cittadella mentre il Frosinone viene fermato dalla Ternana

 

TERNANA – FROSINONE 0-0

Primo tempo con poche emozioni, le uniche occasioni da gol capitano sui piedi di Ciano che però non riesce a battere Sala; nella ripresa il copione è lo stesso con gli ospiti che creano ma non riescono a concretizzare, termina così 0-0 la sfida tra Ternana e Frosinone.

Punto preziosissimo per i rossoverdi che però rimangono in ultima posizione a quota 27 mentre i ciociari si confermano al secondo posto con 55 punti

 

SALERNITANA – NOVARA 1-0

All’Arechi il primo squillo è degli ospiti che colpiscono una traversa al 18′ su tentativo di Del Fabro con palla che poi viene spazzata via dalla linea, la Salernitana risponde con i tentativi di Ricci e Monaco respinti da Montipò; nella ripresa i padroni di casa si portano in vantaggio al 60′ grazie al colpo di testa di Tuia su punizione di Vitale e sfiorano il raddoppio con la conclusione di Bocalon che però termina sul palo, termina così 1-0 la sfida tra Salernitana e Novara.

Con questa vittoria la squadra di Colantuono sale in dodicesima posizione con 41 punti mentre gli azzurri interrompono la striscia di 4 punti rimediati in casa contro Brescia e Palermo e rimangono in sedicesima posizione a quota 35.

 

PRO VERCELLI – AVELLINO 0-0

Partita tesa al Piola con l’allenatore dei padroni di casa Grassadonia che viene espulso nel primo tempo per proteste su un calcio di rigore non concesso dall’arbitro, le occasioni da gol non mancano con Reginaldo e Ardemagni che si rendono pericolosi nella trequarti avversaria; nella ripresa ancora l’ex Parma e Morra impegnano il portiere avversario con un paio di conclusioni che però non riesco a portare in vantaggio i piemontesi, dopo 3′ di recupero termina così 0-0 la sfida tra Pro Vercelli e Avellino.

Con questo pareggio i padroni di casa rimangono in terzultima posizione con 30 punti mentre i lupi salgono in quindicesima posizione a quota 36 in attesa della sfida casalinga contro il Parma.

 

VENEZIA – CITTADELLA 2-1

Iniziano forte i padroni di casa che centrano il palo al 18′ con la conclusione di Garogalo, il Cittadella risponde con il diagonale di Strizzolo che termina anch’essa sul palo ma al 29′ subisce il vantaggio della squadra di Inzaghi grazie al gol dell’ex Litteri su assist di Geijo; prima dell’intervallo c’è spazio per il rigore assegnato dall’arbitro Pizzuto per uno sgambetto di Settembrini in area ai danni di Pinato, dal dischetto si presenta Bentivoglio che però si fa ipnotizzare da Alfonso bravo a deviare il pallone sulla traversa e a mantenere il risultato sull’1-0.

Nella ripresa il Cittadella spinge e riesce a trovare il pari al 63′ con il destro al volo di Arrighini su cross di Schenetti ma al 73′ i padroni di casa ristabiliscono il vantaggio grazie al destro di Geijo su assist di Falzerano.

Dopo 5′ di recupero termina così 2-1 il derby veneto tra Venezia e Cittadella, con questa vittoria la squadra di Inzaghi si mantiene in zona playoff in sesta posizione con 49 punti a -1 proprio dal Cittadella che nonostante la sconfitta rimane quarta.

 

CESENA – PERUGIA 1-1

Al Manuzzi la prima occasione è per i padroni di casa con Pajac che però non riesce a ribadire in rete una respinta corta di Fulignati su tiro di Gustafson, i bianconeri provano a reagire con Esposito ma è ancora l’ex Torino ora in forza al Perugia a rendersi pericoloso con una conclusione da fuori area.

Al 19′ anche Diamanti sfiora il gol su punizione scheggiando la traversa, nel finale di primo tempo la squadra di Castori prova a reagire con Kupisz ma la sua conclusione di controbalzo termina di poco a lato; nella ripresa i padroni di casa approfittano di un calo degli umbri per portarsi in vantaggio al 58′ con la punizione di Schiavone che beffa Leali grazie alla deviazione della barriera, il Perugia non ci sta e al 71′ trova il pareggio con il tiro da fuori del nuovo entrato Bonaiuto che beffa Fulignati.

Nel finale l’ultima occasione è per i romagnoli che sfiorano il gol con il colpo di testa di Perticone che sfiora il palo e termina sul fondo, dopo 3′ di recupero termina così 1-1 la sfida tra Cesena e Perugia.

Punto preziosissimo per la squadra di Castori che si allontana ulteriormente dalla zona playout portandosi a quota 34 mentre i grifoni rimangono in zona playoff in settima posizione con 47 punti.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here