Sayburç conserva il rilievo narrativo più antico

La scena raffigura un uomo che affronta gli animali e è una scena olistica

0
701
Sayburç
Pannello scolpito su una panchina neolitica a Sayburç, Turchia. FOTO EYLEM ÖZDOĞAN

La scena narrativa più antica del mondo, raffigurante esseri umani e animali in una scultura a due pannelli, è scoperta dagli archeologi in Turchia. La ricerca, pubblicata sulla rivista peer-reviewed Antiquity, descrive un complesso di 11.000 anni a Sayburç, con diversi edifici residenziali e una grande struttura comune. L’incisione è trovata su panchine che fiancheggiano le pareti in un’area comune. Entrambi i lati ritraggono una persona che affronta animali pericolosi. Il rilievo piatto a sinistra mostra una figura maschile accovacciata che tiene un sonaglio o un serpente contro un toro, mentre la destra mostra una figura maschile in altorilievo che tiene il suo fallo mentre i leopardi si avvicinano da entrambi i lati.


Torah antica 2500 anni prende taxi in Turchia? (Video)


Com’è fatto il rilievo di Sayburç?

La figura umana presenta un viso rotondo, grandi orecchie e occhi sporgenti, e indossa una fascia da collo di forma triangolare. Le corna del toro e i denti dei leopardi sono particolarmente enfatizzati il che serve ad aumentare il pericolo in ogni scena. “Incise insieme per rappresentare una narrazione, sono i primi esempi noti di una tale scena olistica”, ha spiegato Eylem Özdoğan, autore dell’articolo e archeologo dell’Università di Istanbul. “Era un’immagine delle storie che formavano l’ideologia delle persone di quel periodo”. Risalente al 9° millennio a.C., il sito nel Sud-Est della Turchia si trova sotto un villaggio attuale nella provincia di Şanlıurfa. Gli scavi iniziati nel 2021 hanno rivelato che l’area era abitata da una popolazione Neolitica che stava passando dall’essere cacciatori-raccoglitori mobili, uno stile di vita agricolo più sedentario. C’erano insediamenti a lungo termine in tutta la regione.

Arte narrativa del Neolitico

“Il processo di neolitizzazione ha portato con sé cambiamenti sostanziali al ciclo della vita quotidiana, alle strategie di sussistenza e alla tecnologia. Forse più significativamente alle relazioni sociali, culminando in una ridefinizione del posto dell’umanità nel mondo. Lo sviluppo di attività e rituali collettivi e la costruzione di edifici comuni con forti elementi simbolici, è determinante per far progredire il nuovo modo di vivere”. Sono identificati esempi più antichi di arte narrativa, tra questi, le pitture rupestri di quasi 17.000 anni a Lascaux e un pannello rupestre di circa 44.000 anni sull’isola indonesiana di Sulawesi. Sono infatti i primi noti a mostrare una struttura narrativa progressiva.

Gli edifici a Sayburç

La struttura comunale di 36 piedi a Sayburç è scolpita nella roccia calcarea: si pensa che sia un luogo per speciali incontri comunitari. Lo fanno ritenere panchine incise che rivestono le pareti. Le figure raffigurate nella scena narrativa erano probabilmente importanti tra la prima comunità agricola. Potrebbero essere figure storiche o mitiche legate alle tradizioni della regione. Man mano che gli esseri umani si abituavano a stili di vita sedentari, le incisioni e altre rappresentazioni visive diventavano un nuovo punto di connessione e un metodo per ricordare in un mondo che cambia. Eventi o storie sarebbero quindi raccontati attraverso il mezzo dell’intaglio.

Un sito che racconta la società neolitica

I rilievi di Sayburç, offre Özdoğan, sono in generale, “il riflesso di una memoria collettiva che ha mantenuto vivi i valori della sua comunità”. Ulteriori scavi probabilmente riveleranno scene più antiche, poiché l’edificio comune è scoperto solo parzialmente. Tuttavia, secondo Özdoğan, “Sayburç ha prove molto chiare e ha il potenziale per dirci molto sulla società neolitica che ancora non conosciamo”.