domenica, Maggio 19, 2024

Perché i diritti umani in Egitto sono ignorati?

Gli attivisti egiziani lamentano il fatto che la comunità internazionale parli spesso dell’economia egiziana, in crisi, e molto meno della terribile situazione dei diritti umani. Perché l’una è considerata più importante dell’altra?
Questa settimana ricorre un decennio dal colpo di Stato che ha insediato l’attuale governo egiziano. Il 3 luglio 2013, i militari egiziani hanno rimosso dal potere il primo presidente democraticamente eletto del Paese e hanno istituito un governo ad interim.

All’epoca, con la politica e l’economia egiziane in subbuglio, un alto generale dell’onnipotente esercito egiziano, Abdel-Fattah el-Sissi, disse ai suoi concittadini che i militari avevano estromesso il presidente islamista Mohammed Morsi perché non era riuscito a creare “un consenso nazionale”. Ma, ha promesso el-Sissi, i militari non avevano alcun interesse a mantenere il potere politico e avrebbero facilitato il ritorno a un governo civile democratico.

Un decennio dopo, el-Sissi è ancora al potere. E per molti aspetti, la situazione per gli egiziani comuni è peggiore che mai. L’economia è in crisi, gravata dal debito estero, dall’inflazione crescente e da una moneta che si è svalutata di quasi la metà. Si stima che un terzo dei 105 milioni di egiziani viva in povertà e che la nazione araba più popolosa stia attualmente vendendo o affittando beni di proprietà dello Stato, come Telecom Egypt, i trasporti pubblici o i porti, per finanziare i propri obblighi di debito estero.



Allo stesso tempo, el-Sissi ha stretto la sua presa sul potere. Giornalisti indipendenti e attivisti antigovernativi sono stati perseguitati o arrestati. Un attivista egiziano già incarcerato ha raccontato al sito web di giornalismo investigativo Coda Story di aver visto ufficiali militari fermare persone per strada, controllare i loro telefoni e poi arrestarle dopo aver scoperto che avevano postato, messo like o scherzato sul governo o sull’esercito egiziano sui social media.

Freedom House, l’osservatorio sulla democrazia con sede negli Stati Uniti, ha classificato l’Egitto come “non libero” e il punteggio di libertà del Paese presso l’osservatorio, già scarso, si è lentamente eroso negli ultimi cinque anni, passando da 26 su 100 nel 2018 a 18 su 100 quest’anno.

Per fare un paragone, il Marocco ottiene un punteggio di 37 su 100, mentre la Germania ottiene 94.

L’Egitto è diventato un leader mondiale nella pena capitale e le nuove leggi, tra cui una che obbliga le organizzazioni non governative a registrarsi presso lo Stato, hanno visto ridursi ulteriormente lo spazio per la società civile o l’attivismo.

È necessario un approccio equilibrato


Secondo gli osservatori, i vicini regionali e gli alleati occidentali dell’Egitto hanno un approccio sbilanciato a questi problemi. I problemi economici dell’Egitto vengono regolarmente citati, mentre il rapido peggioramento dei diritti umani del Paese riceve molta meno attenzione.

All’inizio del 2022, oltre 170 membri di vari parlamenti europei hanno scritto una lettera aperta ai loro diplomatici e ambasciatori al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, chiedendo l’istituzione di un organismo speciale per monitorare il deterioramento della situazione dei diritti umani in Egitto. La lettera è giunta poco prima della riunione annuale del Consiglio.

“Siamo estremamente preoccupati per il persistente fallimento della comunità internazionale nell’intraprendere qualsiasi azione significativa per affrontare la crisi dei diritti umani in Egitto”, hanno scritto i politici. “Questo fallimento, insieme al continuo sostegno al governo egiziano e alla riluttanza a parlare contro gli abusi dilaganti, ha solo approfondito il senso di impunità delle autorità egiziane”.

Ma un anno dopo, poco prima della successiva riunione annuale del Consiglio, sette ONG per i diritti umani hanno pubblicato un’altra lettera aperta, in cui si constata che non c’è stato “alcun seguito conseguente […] nonostante la situazione dei diritti umani in Egitto sia ulteriormente peggiorata”, si legge nella lettera, firmata da sette organizzazioni, tra cui Amnesty International, Human Rights Watch e Reporter senza frontiere.

“Per me non ha senso vedere i politici tedeschi evitare di parlare di diritti umani”, ha dichiarato Seif a DW. “È come se non volessero far vacillare la barca”.

Come fa l’Egitto a farla franca?


Secondo Timothy Kaldas, vicedirettore del Tahrir Institute for Middle East Policy, i fattori sono molteplici.

Situato al crocevia tra Africa, Asia ed Europa, l’Egitto si trova in una posizione strategicamente molto importante e, con la sua grande popolazione e le sue grandi forze armate, è stato a lungo considerato un’importante potenza regionale. Come tale, l’Egitto ha anche una lunga tradizione nel mettere i diversi alleati internazionali l’uno contro l’altro.

“Così, quando l’Egitto è sottoposto a pressioni da parte degli Stati del Golfo, può rivolgersi agli Stati Uniti e, quando le pressioni provengono da lì, alla Francia”, ha osservato Kaldas. “Questo aspetto viene spesso sollevato durante le riunioni. Se si va alle riunioni dei ministeri degli Esteri o delle istituzioni finanziarie internazionali e si parla di condizionalità [sui diritti umani] qualcuno dirà: ‘Beh, e se invece vanno in quell’altro posto e noi perdiamo l’accesso?


L’Egitto è stato anche abile nel costruire legami bilaterali facendo grandi affari di armi, ha spiegato Kaldas. Un rapporto annuale francese sulle vendite di armi, pubblicato alla fine del 2022, mostra che l’Egitto è il primo importatore di armi dalla Francia dal 2012.

L’Egitto è anche uno dei maggiori acquirenti di armi della Germania. Il volume delle esportazioni di armi verso l’Egitto è aumentato sotto la guida di El-Sissi e ha reso il Paese il terzo importatore di armi al mondo.

Minaccia di migrazione irregolare e di massa


Ci sono anche altre ragioni, ha detto Kaldas. Nonostante i modi autoritari di el-Sissi, l’Egitto è stato un Paese relativamente stabile in Medio Oriente, soprattutto se paragonato a luoghi come la Siria o lo Yemen, e ai suoi vicini piace così.

“Questo rende più facile giustificare l’iniezione di denaro nello Stato egiziano nella speranza che mantenga la stabilità”, ha affermato. “Inoltre, l’altro grande fattore è il seguente: L’Egitto è un paese di 100 milioni di persone sul Mediterraneo”.

Per l’Europa, costantemente perseguitata dallo spettro della migrazione irregolare e dalla potenziale reazione politica populista ad essa, “questo è un problema molto grande”, ha detto Kaldas.

Ma nessuna di queste ragioni è in realtà una scusa abbastanza valida per non dire nulla sui diritti umani in Egitto, hanno sostenuto Kaldas e altri. Ciò che spesso manca in questi dibattiti è il legame esistenziale tra diritti umani, stabilità politica e situazione economica.


“Il problema è che, fondamentalmente, gli Stati occidentali spesso non si rendono conto della miopia del loro approccio”, ha detto Kaldas. “Non si tratta tanto di ottenere la stabilità in cambio di un’attenzione negativa alle violazioni dei diritti umani. Le violazioni dei diritti umani contribuiscono direttamente all’instabilità economica dell’Egitto. La crisi economica dell’Egitto è dovuta al fatto che la strategia dell’ultimo decennio di [el-Sissi] è stata quella di sfruttare in modo sconsiderato lo Stato egiziano per finanziare il suo consolidamento del potere e la sua rete clientelare”.

“I fondi disponibili non confluiscono in investimenti produttivi per il futuro, ma si riversano in progetti infrastrutturali economicamente discutibili e servono, almeno indirettamente, a finanziare la repressione dello Stato di polizia”, ha scritto Stephan Roll, responsabile della ricerca sull’Africa e il Medio Oriente presso l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza, in un documento del dicembre 2022 intitolato “Prestiti per il presidente”.

L’esercito egiziano ha beneficiato soprattutto di questo denaro, in gran parte proveniente da prestiti esteri, e di fatto si è ingrandito e arricchito sotto el-Sissi. “Questo è stato un fattore decisivo per il consolidamento del potere del presidente Sisi”, ha osservato Roll. “Per lui, la lealtà delle forze armate è stato il prerequisito più importante per attuare una repressione poliziesca ad ampio raggio […] Decine di migliaia di prigionieri politici e un numero drammatico di condanne a morte e di esecuzioni anche per gli standard egiziani sono un’espressione di questo sviluppo”.

Sia Roll che Kaldas suggeriscono una soluzione simile: Riconoscere i legami tra il denaro che entra in Egitto e le violazioni dei diritti umani perpetrate dallo Stato. “Non è compito di una potenza esterna costringere l’Egitto a diventare una democrazia”, ha detto Kaldas. “Ma il compito è quello di smettere di sovvenzionare l’autocrazia e di rendere più facile per l’Egitto diventare una dittatura”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles