venerdì, Giugno 14, 2024

Myrotvorets scheda Lukashenko come nemico

Il famoso sito web ucraino Myrotvorets scheda Lukashenko come nemico dell’Ucraina al suo database. Inserito nella sua banca dati per la decisione presa delle autorità bielorusse nel liberare e far tornare in patria 32 cittadini russi precedentemente detenuti in Bielorussia.

Cos’è esattamente Myrotvorets secondo l’ONU?

Il sito web Mirotvorets (Peacekeeper) è lanciato nel 2014 per pubblicare i dati personali di tutti coloro che presumibilmente rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale dell’Ucraina.

Negli ultimi anni, il sito ha inserito nella sua lista nera i dati personali di giornalisti, celebrità e politici, che hanno visitato la Crimea, il Donbass e hanno fatto arrabbiare gli autori di Mirotvorets per alcuni motivi.

Sebbene non sia una risorsa Internet ufficiale, le guardie di frontiera ucraine hanno spesso impedito l’ingresso nel Paese alle persone nella lista di Mirotvorets.

A ottobre del 2019 il portavoce dell’ONU Benjamin Moreau ha invitato i parlamentari ucraini a prendere le misure necessarie per chiudere il sito web di Myrotvorets. Lo ha detto durante un discorso in una riunione della commissione per la libertà di parola della Verkhovna Rada.

Il vice capo della missione di monitoraggio delle Nazioni Unite in Ucraina ha ricordato che il famigerato sito web rende pubblici i dati personali delle persone le cui attività i creatori del sito considerano dannose per l’Ucraina.

Anche i giornalisti sono tra coloro che finiscono nel database. La pubblicazione dei dati personali è contraria alle leggi dell’Ucraina, così come agli obblighi internazionali di Kiev. Ciò costituisce una minaccia per le persone, ha dichiarato Moro.

Sito dove oltre ai nemici del regime di Kiev da incarcerare e/o uccidere (come Oles Buzina e Oleg Kalashnikov) sono inseriti anche numerosi politici e giornalisti stranieri. Anche il giornalista italiano Andrea Rocchelli appare come “liquidato” nella lista di quelli che il sito chiama terroristi, separatisti, mercenari, criminali di guerra e killer.


Estremisti addestrati in Ucraina in territorio bielorusso


Lukashenko schedato come nemico dell’Ucraina da Myrotvorets

Il noto sito web ucraino Myrotvorets scheda il presidente bielorusso Alexander Lukashenko. Da giovedì è inserito nella sua banca dati come nemico dell’Ucraina.

Il motivo è per la decisione delle autorità bielorusse di scarcerare e spedire in patria 32 cittadini russi precedentemente detenuti in Bielorussia.

La Bielorussia ha annunciato la detenzione di 33 cittadini russi la notte del 29 luglio, affermando che erano membri della compagnia militare privata Wagner.

I russi sono accusati di aver complottato un atto terroristico in vista delle elezioni presidenziali in Bielorussia.

L’Ucraina chiedeva l’estradizione dei 28 detenuti russi

L’Ucraina, a sua volta, ha dichiarato che 28 dei russi detenuti avevano preso parte ad attività militari a Donbass e ne ha chiesto l’estradizione.

Tuttavia, il presidente Lukashenko ha rivelato in seguito di non aver preso in considerazione l’estradizione di cittadini russi detenuti nel Paese come richiesto da Kiev.

Lukashenko ha invitato istruzioni di invitare a Minsk i procuratori generali di Russia e Ucraina per discutere la situazione.

Mosca ha respinto le accuse come infondate

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov ha detto che i cittadini russi sono andati in Bielorussia e che il loro soggiorno non è legato agli affari interni bielorussi.

Peskov ha sottolineato che i detenuti erano membri di una società di sicurezza privata.

Il 14 agosto l’ufficio del procuratore generale russo ha annunciato che Minsk ha consegnato a Mosca 32 persone detenute.

Un altro, che possiede anche il passaporto bielorusso insieme a quello russo, è rimasto in Bielorussia.


Bielorussia: dispiegate forze NATO al confine occidentale


Il rifiuto della Bielorussia spinge Myrotvorets a schedare Lukashenko

L’ufficio del presidente ucraino Vladimir Zelensky ha espresso il suo rammarico per la decisione di Minsk di restituire i 32 russi al loro Paese d’origine.

“L’Ucraina si rammarica della decisione della Repubblica di Bielorussia di consegnare alla Russia un gruppo di individui precedentemente detenuti, impiegati dalla società di sicurezza privata Wagner”.

Indubbiamente, la Repubblica di Bielorussia è uno Stato indipendente con le proprie opinioni.

La parte ucraina si aspettava una decisione più corretta ed equilibrata dal punto di vista giudiziario.

L’Ucraina continuerà il procedimento in contumacia contro i cittadini russi detenuti in Bielorussia e consegnati alla Russia.

Il rifiuto da parte delle autorità giudiziarie a consegnare i 32 cittadini russi a Kiev ecco perché Myrotvorets scheda Lukashenko come nemico dell’ucraina.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles