lunedì, Giugno 24, 2024

L’UE presenta un pacchetto per l’energia eolica. Quali Paesi sono all’avanguardia e quali hanno bisogno di aiuto?

La Presidente von der Leyen si è impegnata a sostenere maggiormente l’industria eolica durante il suo discorso sullo stato dell’Unione.

L’industria eolica europea è una notevole “storia di successo”, secondo la Presidente della Commissione europea.

Nel suo ultimo discorso sullo stato dell’Unione, tenutosi oggi (13 settembre) a Strasburgo, in Francia, Ursula von der Leyen ha salutato i progressi compiuti su questo fronte rinnovabile.

Dagli anni ’80, l’energia eolica è diventata sempre più importante per la produzione di energia elettrica in Europa. Dalla costruzione dei primi parchi eolici alla fine del XX secolo, nel 2022 l’energia eolica ha fornito il 17% del consumo totale di elettricità in Europa.

“Ma [il settore] sta attualmente affrontando una serie di sfide uniche”, ha aggiunto von der Leyen.

“Per questo motivo proporremo un pacchetto europeo sull’energia eolica, lavorando a stretto contatto con l’industria e gli Stati membri”.
Il nuovo pacchetto è accompagnato da promesse chiave per sbloccare l’energia eolica del blocco. La presidente della Commissione ha promesso di accelerare ulteriormente la procedura di autorizzazione, di migliorare i sistemi di asta in tutta l’UE e di concentrarsi sulle competenze, sull’accesso ai finanziamenti e sulla stabilità delle catene di approvvigionamento.
“L’energia eolica è forse la tecnologia più importante per la decarbonizzazione dell’Europa, in molti Paesi è la più economica e potenzialmente la più grande fonte di elettricità nazionale che può sostituire i volatili combustibili fossili importati”, ha dichiarato a Euronews Green Paweł Czyżak, analista senior di dati sull’energia e sul clima presso il think tank Ember.
All’inizio dell’anno abbiamo analizzato quali Paesi europei stanno guidando la rivoluzione dell’energia eolica e cosa possiamo imparare da loro.

Quali Paesi europei stanno guidando il passaggio all’energia eolica?


La Danimarca, la Germania e il Regno Unito hanno storicamente guidato il passaggio all’energia eolica e sono tuttora dei centri di potere nel settore.

Secondo i dati del gruppo industriale WindEurope, l’anno scorso la Danimarca ha conquistato il primo posto, con il più alto contributo dell’energia eolica al consumo energetico (55%). L’Irlanda è arrivata seconda (34%), il Regno Unito terzo (28%) e la Germania quarta (26%).

Per quanto riguarda le prossime installazioni, la Germania è ancora in testa, anche se altri stanno recuperando terreno. Svezia e Finlandia stanno superando la Germania per quanto riguarda l’eolico onshore e il Regno Unito è di gran lunga il mercato più forte per l’eolico offshore.

Uno dei motivi per cui questi Paesi vanno bene è che hanno leggi stabili e obiettivi chiari per l’energia eolica.

“La lezione principale che trarrei da Paesi come Danimarca, Germania e Regno Unito è che bisogna avere una strategia chiara e stabile e obiettivi ambiziosi. Poi si allineano tutte le altre politiche, la pianificazione del territorio, le autorizzazioni, la pianificazione della rete ecc.
Egli indica altri Paesi, come la Lettonia, che hanno un elevato potenziale per l’energia eolica, ma non hanno obiettivi per trasformarlo in realtà.

Anche l’Italia è in difficoltà perché il suo processo di autorizzazione dà alle autorità poteri di veto. Secondo Christoph Zipf, portavoce di WindEurope, questo porta spesso alla cancellazione di progetti e a un ambiente incerto per gli sviluppatori.

Oltre alla politica, una forte presenza industriale può contribuire a stimolare lo sviluppo dell’eolico, afferma Po Wen Cheng, responsabile del settore energia eolica dell’Università di Stoccarda.

“Paesi come la Germania, la Danimarca e la Spagna hanno una forte industria manifatturiera, con molte aziende specializzate nella produzione di turbine eoliche e altre tecnologie correlate. I Paesi Bassi e il Belgio, invece, hanno una forte industria di operazioni offshore e marine, che ha portato allo sviluppo di nuove tecnologie per l’energia eolica offshore”, spiega.

Più soldi, più energia eolica


L’innovazione nella tecnologia eolica galleggiante – turbine non fissate al fondale marino – ha anche aperto nuove e più profonde acque, aprendo la porta a una maggiore energia eolica in Paesi come Portogallo, Spagna e Grecia.

Nel frattempo, Paesi come Bulgaria, Romania, Repubblica Ceca e Lettonia hanno bisogno di essere messi “sulla mappa dello sviluppo” e di ottenere maggiore riconoscimento, secondo Czyżak.

“Da quello che dicono gli operatori del settore in questi Paesi, è piuttosto difficile attirare l’attenzione, far arrivare gli investitori e ottenere i finanziamenti. Con le numerose strozzature di autorizzazione in alcuni dei paesi più grandi, come la Germania, sarebbe sicuramente opportuno sfruttare il potenziale dove non è ancora utilizzato e dove non c’è tanta congestione della rete”, aggiunge.

È fondamentale che tutti i Paesi dell’UE contribuiscano se l’Unione Europea vuole raggiungere l’obiettivo di energia rinnovabile fissato per il 2030.

“Il blocco deve aggiungere almeno il 50% di capacità in più all’anno rispetto alle previsioni: 31 GW contro 19-20 GW. Questo è possibile solo se i Paesi che non hanno ancora sfruttato appieno il loro potenziale, come Estonia, Lettonia, Lituania, Romania e Bulgaria, si impegnano a sviluppare grandi quantità di eolico offshore”, afferma Czyżak.

L’UE rischia di non raggiungere gli obiettivi per il 2030


Secondo WindEurope, l’UE è destinata a mancare l’obiettivo del 2030. Per raggiungere l’obiettivo, i Paesi devono installare oltre 30 GW all’anno fino al 2030. Nel 2022 sono entrati in funzione 16 GW e si prevede che i Paesi continueranno a non raggiungere l’obiettivo.

Per sbloccare veramente il potenziale dell’energia eolica, i Paesi dell’UE, anche quelli che stanno facendo bene, devono affrontare le lunghe procedure di autorizzazione. Ciò diventerà ancora più importante quando le turbine arriveranno a fine vita e dovranno essere sostituite con altre nuove, il cosiddetto repowering.
I Paesi europei devono anche investire nelle loro reti elettriche per evitare che le energie rinnovabili vengano respinte per mancanza di capacità.

Proprio la scorsa Pasqua, la società energetica ceca ha dovuto staccare la spina a centinaia di pannelli solari dopo che questi avevano generato più energia di quanta ne potesse gestire la rete.

“Gli investimenti nella rete sono spesso rimasti indietro rispetto alla produzione di energia rinnovabile. Questo ha creato un arretrato di progetti in attesa di connessione alla rete, con conseguenti ritardi e mancati introiti per gli operatori delle energie rinnovabili”, spiega Cheng.

Questi due fattori, insieme alla mancanza di accettazione da parte dell’opinione pubblica, fanno sì che molti Paesi si siano concentrati sull’offshore, ma anche l’energia terrestre sarà necessaria se l’Europa vuole ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili.

L’Europa ha fatto molta strada dagli anni ’80, facendo crescere l’industria eolica fino a farla diventare un contributo significativo alla rete elettrica, ma ha ancora molta strada da fare per raggiungere gli obiettivi fissati per il 2030.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles