La Russia lancia un grande attacco missilistico contro l’Ucraina

0
604

Il portavoce dell’aeronautica militare afferma che sono stati lanciati più di 60 missili nel più grande attacco dall’invasione russa; quattro grandi città sono state prese di mira e almeno due persone sono state uccise; i missili hanno preso di mira le infrastrutture e le aree residenziali. Le forze russe hanno lanciato venerdì almeno 60 missili in tutta l’Ucraina, hanno dichiarato i funzionari, riportando esplosioni in almeno quattro città, tra cui Kyiv.Almeno due persone sono state uccise da un attacco a un edificio residenziale nell’Ucraina centrale, dove si è aperta la caccia ai sopravvissuti. I servizi di elettricità e acqua sono stati interrotti nella capitale e nella seconda città dell’Ucraina, Kharkiv. Migliaia di persone hanno cercato riparo nelle stazioni della metropolitana in profondità durante i bombardamenti.

La situazione a Kyiv

L’amministrazione comunale di Kyiv ha dichiarato che la capitale ucraina ha resistito a “uno dei più grandi attacchi missilistici” lanciati dalle forze russe da quando hanno invaso l’Ucraina quasi 10 mesi fa. L’amministrazione ha dichiarato che le forze di difesa aerea ucraine hanno abbattuto 37 dei “circa 40” razzi entrati nello spazio aereo della città. Una persona è rimasta ferita. I boati e gli spari dei sistemi di difesa aerea sono riecheggiati in tutto il Paese, mentre le autorità sui social media hanno riferito di esplosioni e attacchi missilistici nella città e nel sud di Kryvyi Rih, nel sud-est di Zaporizhzhia e nel nord-est di Kharkiv. Allarmi antiaerei hanno suonato in tutto il Paese, avvertendo di una nuova raffica di attacchi russi che si sono verificati a intermittenza dalla metà di ottobre.

L’attacco

Il portavoce dell’aeronautica ucraina Yurii Inhat ha dichiarato alla TV ucraina che sono stati lanciati più di 60 missili, ma non è stato immediatamente chiaro quanti missili l’esercito ucraino sia riuscito a intercettare. Ihnat ha detto che le forze russe hanno sparato missili da crociera da posizioni nel Mar Nero e hanno usato bombardieri come parte di uno sforzo per “distrarre massicciamente l’attenzione della difesa antiaerea, tenendola in tensione”. Sul luogo di un tentativo di attacco a Kyiv, i comandanti militari hanno dichiarato all’Associated Press che il gruppo mobile di difesa territoriale della città aveva inaspettatamente, “quasi incredibilmente”, abbattuto un missile da crociera con una mitragliatrice. “È quasi impossibile colpire un missile con una mitragliatrice, ma è stato fatto”, ha detto un comandante che si fa chiamare “Hera”. Un altro comandante, un capo posto militare di nome “Yevhen”, ha detto che il mitragliere che ha intercettato il missile. “Ha reagito rapidamente” e ha sparato, e dal razzo sono volate scintille verdi mentre iniziava a girare e a precipitare al suolo. Un giorno prima, il Ministero degli Esteri russo aveva avvertito che se gli Stati Uniti avessero consegnato all’Ucraina i sofisticati sistemi di difesa aerea Patriot, tali sistemi e gli eventuali equipaggi che li accompagnano sarebbero stati un obiettivo legittimo per l’esercito russo. Washington ha respinto questa minaccia.

Le infrasttruture colpite

Secondo gli analisti, gli attacchi russi contro le infrastrutture energetiche fanno parte di una nuova strategia per cercare di ridurre gli ucraini alla sottomissione dopo le recenti perdite sul campo di battaglia da parte delle forze russe. Secondo funzionari ed esperti, ciò ha solo rafforzato la determinazione degli ucraini ad affrontare l’invasione russa, mentre Mosca cerca di guadagnare tempo per una possibile offensiva nei prossimi mesi dopo l’attuale stallo sul campo di battaglia. A Kryvyi Rih, nell’Ucraina centrale, città natale del Presidente Volodymyr Zelensky, un missile ha colpito un edificio residenziale di quattro piani, lasciando un buco nei piani superiori, con le macerie che si sono riversate sul terreno. Due persone sono state uccise e almeno altre otto sono rimaste ferite, tra cui tre bambini, ha dichiarato il governatore regionale Valentyn Reznichenko. Le squadre di soccorso stanno setacciando le macerie alla ricerca di sopravvissuti o di altre vittime. La città sudorientale di Zaporizhzhia è stata colpita da circa 15 missili russi, ha dichiarato il governatore regionale Oleksandr Starukh. Non ha specificato la posizione esatta dei colpi, ma ha detto che le infrastrutture sono state danneggiate. Il sindaco di Kharkiv, Ihor Terekhov, ha dichiarato su Telegram che la città è rimasta senza elettricità. Il governatore regionale di Kharkiv, Oleh Syniehubov, ha riferito di tre attacchi alle infrastrutture critiche della città. Il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko, ha riferito di esplosioni in almeno quattro distretti e ha esortato i residenti a recarsi nei rifugi. “L’attacco alla capitale continua”, ha scritto sul social network. I servizi della metropolitana nella capitale sono stati sospesi, ha detto, mentre i residenti della città si affollavano nei tunnel per cercare riparo.

La mancanza di corrente e l’interruzione dei trasporti

Ukrzaliznytsia, l’operatore ferroviario nazionale, ha dichiarato che l’energia elettrica è mancata in alcune stazioni nelle regioni orientali e centrali di Kharkiv, Kirovohrad, Donetsk e Dnipropetrovsk, a causa di danni all’infrastruttura energetica. Ma i treni hanno continuato a circolare passando dall’energia elettrica a quella delle locomotive a vapore, che erano state preparate come riserva. Nella vicina Moldavia, l’azienda energetica statale Moldelectrica ha riferito di aver subito interruzioni nella rete elettrica a causa degli attacchi russi all’Ucraina e ha avvertito di un “alto rischio” di interruzioni di corrente. La Moldavia, i cui sistemi di epoca sovietica rimangono interconnessi con quelli ucraini, ha già subito due massicci blackout negli ultimi mesi, quando la Russia ha attaccato la rete energetica dell’Ucraina. L’ultima serie di massicci attacchi aerei russi nel Paese ha avuto luogo il 5 dicembre. Le autorità ucraine hanno riportato alcuni successi nell’intercettare e abbattere missili, razzi e droni armati in arrivo.