lunedì, Giugno 24, 2024

La Russia ha piazzato esplosivi sui tetti della centrale nucleare di Zaporizhzhia?

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy ha nuovamente avvertito che la Russia potrebbe progettare di “simulare un attacco” alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, sostenendo che le truppe russe hanno piazzato “oggetti simili a esplosivi” sui tetti degli edifici del sito.

Citando l’intelligence ucraina, Zelenskiy ha affermato che gli oggetti sono stati posizionati sul tetto di diverse unità elettriche della centrale, attualmente in mano alla Russia.

Martedì scorso, Zelenskiy ha informato il presidente francese Emmanuel Macron sulle “pericolose provocazioni” della Russia presso la centrale nel sud-est dell’Ucraina. Ha detto che lui e Macron hanno “concordato di mantenere la situazione sotto il massimo controllo insieme all’AIEA”, l’organo di controllo nucleare delle Nazioni Unite.


Gli avvertimenti di Zelenskiy fanno eco ai commenti fatti la settimana scorsa in una conferenza stampa congiunta a Kiev con il primo ministro spagnolo, Pedro Sánchez. “C’è una seria minaccia perché la Russia è tecnicamente pronta a provocare un’esplosione locale nella centrale, che potrebbe portare a un rilascio di radiazioni”, ha detto Zelenskiy in quell’occasione.

Le truppe russe si sono impadronite della stazione, il più grande impianto nucleare europeo, nel febbraio 2022. Da allora, ciascuna delle due parti ha regolarmente accusato l’altra di aver bombardato l’impianto e di aver rischiato un grave incidente nucleare.

La Russia ha avanzato separatamente le proprie rivendicazioni, accusando l’esercito ucraino di pianificare un attacco alla centrale.

Renat Karchaa, consigliere del capo di Rosenergoatom, che gestisce la rete nucleare russa, ha affermato che l’Ucraina aveva pianificato di lanciare sull’impianto munizioni condite con scorie nucleari trasportate da un’altra delle cinque stazioni nucleari del Paese.

“Con l’oscurità, nella notte del 5 luglio, l’esercito ucraino cercherà di attaccare la stazione di Zaporizhzhia usando attrezzature di precisione a lungo raggio e droni d’attacco kamikaze”, ha dichiarato Karchaa alla televisione russa. Non ha fornito alcuna prova a sostegno di questa affermazione.

In una dichiarazione rilasciata martedì dalle forze armate ucraine, si citavano “dati operativi” secondo cui “dispositivi esplosivi” erano stati collocati sul tetto del terzo e quarto reattore della stazione e un attacco era possibile “nel prossimo futuro”.

“Se esplodessero, non danneggerebbero i reattori, ma creerebbero un’immagine di bombardamento da parte ucraina”, si legge nella dichiarazione su Telegram. L’esercito ucraino era “pronto ad agire in qualsiasi circostanza”.

Nel suo videomessaggio notturno, Zelenskiy ha detto che la Russia stava progettando di “simulare un attacco” alla centrale. “Ma in ogni caso, il mondo vede – e non può non vedere – che l’unica fonte di pericolo per la centrale nucleare di Zaporizhzhia è la Russia. E nessun altro”.

Zelenskiy e i militari ucraini non hanno fornito alcuna prova delle loro affermazioni.

Venerdì la direzione dell’intelligence militare ucraina (GUR) ha affermato che Mosca ha approvato un piano per far esplodere la centrale e ha minato quattro delle sei unità di potenza, oltre a un bacino di raffreddamento.

Ha inoltre affermato che le truppe russe stavano riducendo la loro presenza nell’impianto e che ai dipendenti ucraini rimasti nell’impianto e che avevano firmato contratti con Rosatom era stato detto di evacuare entro lunedì, preferibilmente in Crimea.

Mentre i reattori sarebbero difficili da danneggiare, secondo gli ex lavoratori dell’impianto che hanno parlato con il Guardian, il piccolo bacino di raffreddamento è vulnerabile a un’esplosione, che potrebbe causare una parziale fusione nucleare paragonabile all’incidente di Three Mile Island del 1979 negli Stati Uniti. Oleksiy Kovynyev, un ex ingegnere senior, ha affermato che in questo scenario la maggior parte delle radiazioni sarebbe contenuta, ma che se i canali di ventilazione venissero aperti, le radiazioni potrebbero essere rilasciate.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles