La rivolta contro il liberalismo: cosa sta guidando la svolta nativista di Polonia e Ungheria?

0
836

Per i conservatori della linea dura che governano Polonia e Ungheria, la transizione dal comunismo alla democrazia liberale è stata un miraggio. Essi credono ardentemente che una rottura più decisiva con il passato sia necessaria per raggiungere la liberazione nazionale. Ecco da dove nasce la rivolta contro il liberalismo.

La rivolta contro il liberalismo in Ungheria: come si è arrivati all’elezione di Orban?

Nell’estate del 1992, un ungherese di 29 anni con ambizioni politiche fece la sua prima visita negli Stati Uniti. Per sei settimane girò il paese con un gruppo di giovani europei, con tutte le spese pagate dal German Marshall Fund, un thinktank dedicato alla cooperazione transatlantica. L’America ha affascinato a lungo Viktor Orbán, ma lui sembrava disimpegnato e indifferente mentre il gruppo camminava per il centro di Los Angeles ancora scosso dalle rivolte di Rodney King di due mesi prima. Un giornalista olandese durante il viaggio ha ricordato che gli europei dell’est nel gruppo preferivano spendere i loro stipendi giornalieri in “un walkman e altri apparecchi elettronici” piuttosto che in cibo o hotel di lusso. Il libero mercato e le tecnologie d’avanguardia piacevano certamente di più a Orbán che i dibattiti e le lotte per l’uguaglianza, la giustizia o i diritti delle persone di colore.

Il disinteresse per la disuguaglianza

L’indifferenza di Orbán per la situazione delle minoranze occidentali è diventata più evidente durante un tour della Umatilla Indian Reservation in Oregon. Orbán e uno dei suoi compagni di viaggio, la giornalista polacca Małgorzata Bochenek, hanno ascoltato le lamentele locali sull’ingiustizia economica. Lui ha risposto con domande sulla distribuzione della terra. Perché le tribù native non hanno elaborato una strategia per monetizzare le loro terre comuni? Dopo tutto, questo era quello che i piccoli proprietari ungheresi come i suoi genitori avevano fatto con le fattorie collettive locali dalla fine del comunismo. Orbán iniziò ad abbozzare un piano commerciale per la riserva, ma quando i suoi interlocutori di Umatilla non risposero con entusiasmo, perse rapidamente interesse. Ciò che ha affascinato di più Orbán durante il resto del viaggio è stata l’alta politica. Il tour di gruppo è terminato a New York City a luglio, dove ha partecipato alla Convention Nazionale Democratica al Madison Square Garden e ha assistito alla nomina di Bill Clinton al suono di Don’t Stop dei Fleetwood Mac. L’emozione dell’occasione non è stata persa da Orbán. La visita negli Stati Uniti ha riaffermato il suo desiderio di diventare primo ministro dell’Ungheria.

Gli studi e la passione per l’economia USA

A quel tempo, la natura dell’attrattiva dell’Occidente per i giovani dell’Europa orientale stava cambiando. Nel 1989, quando Orbán studiava all’Università di Oxford con una borsa di studio della Fondazione Soros, il consenso occidentale della fine della guerra fredda, il capitalismo deregolamentato, la stabilità sociale e le tradizioni nazionali, regnavano ancora. Questi erano i valori che lui voleva riportare in patria. Tre anni dopo, al momento del suo viaggio negli Stati Uniti, un cambiamento era palpabile. Mentre il libero mercato regnava ancora sovrano, la cultura europea e nordamericana si era spostata in una modalità più introspettiva. A Orbán piaceva il clintonismo come approccio all’amministrazione e all’economia, ma aveva poco interesse nel discorso occidentale sui diritti umani, nelle discussioni su genere e razza, o nelle eredità del colonialismo e dell’Olocausto.

Il parallelo tra Ungheria e Polonia

L’entusiasmo di Orbán per l’economia americana e l’indifferenza per le preoccupazioni culturali americane era un segno della direzione che Ungheria e Polonia avrebbero preso nei prossimi decenni. Negli anni ’90, i due paesi hanno guidato l’Europa orientale nella terapia d’urto economica, spingendo le riforme di mercato oltre quanto richiesto dai loro consiglieri occidentali. Ma in termini culturali, la destra polacca e ungherese ha scelto un corso più conservatore. Il risultato è che entrambi i paesi hanno continuato a vedersi come profondamente europei, anche se si sono allontanati dal liberalismo in stile UE.

La nascita della rivolta contro il liberalismo in Polonia

Un decennio dopo aver visitato la riserva di Umatilla in Oregon con Orbán, Małgorzata Bochenek è diventata consigliere del presidente polacco Lech Kaczyński. Lui, insieme a suo fratello, Jarosław, ha fondato il partito conservatore nazionalista Diritto e Giustizia, che ora ha il sostegno di quasi il 45% dell’elettorato polacco. Il partito Fidesz di Orbán comanda una supermaggioranza di due terzi dei seggi nel parlamento ungherese. Entrambi i partiti hanno attuato politiche simili. Riempire i tribunali e i media con giudici e giornalisti filogovernativi. Cacciare le ONG di sinistra e liberali, gli accademici e le università. Violare la Carta dei diritti fondamentali dell’UE limitando o vietando l’accesso all’aborto e negando il riconoscimento legale alle persone transgender. E ignorare i tentativi delle istituzioni europee di tenerli responsabili di queste provocazioni. Allo stesso tempo, quattro cittadini su cinque di Polonia e Ungheria sostengono l’adesione del loro paese all’UE. Per gli antiliberali di Budapest e Varsavia, l’obiettivo è l’autonomia all’interno dell’Europa, non l’indipendenza al di fuori di essa.

Come hanno fatto i rivoluzionari del 1989 a diventare i nativisti degli anni 2010 e 2020?

Ci sono diversi modi di rispondere a questa domanda. A seconda del narratore, può essere raccontata come una storia di allontanamento graduale, o un ritorno forzato all’interesse personale provocato da uno shock esterno, o la ribellione adolescenziale degli studenti contro i loro ex insegnanti. Nel loro libro del 2019, The Light That Failed, il politologo bulgaro Ivan Krastev e il professore di diritto statunitense Stephen Holmes hanno sostenuto l’ipotesi della ribellione.

Il liberalismo copiativo

Essi sostengono che la transizione dal comunismo alla democrazia capitalista è stata guidata dal “liberalismo copiativo”. Gli europei dell’est si sono presi la responsabilità di adottare le abitudini, le norme e le istituzioni del mondo occidentale, di cui volevano godere la prosperità e le libertà. Il problema, secondo Krastev e Holmes, era che la sottomissione a questo “imperativo di imitazione” era “intrinsecamente stressante” ed “emotivamente gravoso“. Modellarsi dopo un ideale esterno era destinato a produrre sentimenti di vergogna e risentimento quando il risultato non era all’altezza di un originale irraggiungibilmente perfetto. Di fronte all’umiliazione dell’inferiorità perpetua, Orbán e Kaczyński hanno usato la crisi economica e migratoria del 2008-2015 per rifiutare il liberalismo occidentale e promuovere un’alternativa illiberale.

La fuga all’estero e la necessità di chiudersi

Krastev e Holmes vedono l’emigrazione dall’Europa centro-orientale come un fattore chiave nel fascino della politica nazionalista. Decenni di fuga di cervelli hanno causato un panico demografico, che, suggeriscono, aumenta le paure per l’arrivo di migranti mediorientali e africani. Specialmente in Ungheria, le politiche anti-immigrati sono andate di pari passo con gli sforzi per arginare il declino della popolazione attraverso bassi tassi di natalità ed emigrazione. Orbán ha sviluppato un’ambiziosa e popolare politica familiare che prevede la nazionalizzazione delle cliniche di fecondazione assistita e generosi prestiti e agevolazioni fiscali per gli sposi e le famiglie numerose. Orbán ha anche concesso la cittadinanza a più di un milione di ungheresi etnici che vivono in Slovacchia, Romania, Croazia, Serbia e Ucraina, creando una società civile diasporica guidata da Fidesz in quella che i nazionalisti ungheresi vedono come una “Grande Ungheria”.

Il resto dell’Europa

Eppure altri paesi hanno visto milioni di cittadini emigrare e non hanno oscillato verso l’illiberalismo. Tra il 1989 e il 2017, la Lettonia ha perso il 27% della sua popolazione, la Lituania il 22,5%, la Croazia il 22% e la Bulgaria il 21%. Ma gli stati baltici e balcanici orientali non sono cambiati allo stesso modo di Polonia e Ungheria. Anche se il nativismo è presente, non è diventato il tenore dominante nella politica nazionale. In Bulgaria, un movimento di protesta pro-UE è diventato il secondo partito più grande nelle elezioni parlamentari di questa primavera.Il primo ministro uscente del paese, Boyko Borisov, ha sottolineato che vuole che “l’orientamento euro-atlantico del paese sia visto chiaramente“. La Romania, di cui un quinto degli abitanti ha lasciato il paese dal 1990, non è stata presa da una politica da uomo forte, ma da ferventi sforzi anti-corruzione e proteste pro-Bruxelles. Al contrario, la Polonia e l’Ungheria, dove l’illiberalismo ha fatto più progressi, hanno alcuni dei più bassi tassi di emigrazione netta nella regione.

La lotta anti-europea

I partiti di governo di Polonia e Ungheria perseguono ciò che vedono come una rottura più vera con il passato rispetto alla transizione miraggio del 1989. Il nazionalismo anti-liberale in Europa orientale è più di un’esplosione di passioni incontrollabili. Comune a entrambi è la convinzione che un compito storico li ha colpiti, e che la fine del comunismo è stato solo l’inizio del cammino verso la liberazione nazionale. Il fatto che queste idee si siano formate durante il decennio di transizione suggerisce anche che la democrazia illiberale è un progetto mirato, qualcosa di non solo reattivo, ma con chiari obiettivi ideologici propri.

Quando è iniziata veramente la rivolta contro il liberalismo?

La rivolta contro il liberalismo ha iniziato ad agitarsi alla fine degli anni ’90 e all’inizio del 2000, quando frazioni crescenti della destra polacca e ungherese hanno iniziato a chiedere una rottura più dura con il passato. La prima premiership di Orbán, dal 1998 al 2002, ha promosso il revisionismo dell’Olocausto, il razzismo contro le popolazioni Rom e il sostegno al governo di estrema destra di Jörg Haider nella vicina Austria. Ma da quando l’Ungheria ha continuato a registrare una solida crescita economica ed è entrata nella Nato nel 1999, le politiche di destra del governo sono state rapidamente dimenticate nelle capitali occidentali. Nel 2002, la stretta sconfitta elettorale contro i socialisti ha lasciato Orbán amareggiato e convinto che i comunisti riformati in tutta la società ungherese abbiano cospirato per porre fine prematuramente al suo mandato. Quando l’Ungheria è entrata nell’UE nel 2004, massicci fondi europei sono fluiti a un gruppo di politici liberali intorno al primo ministro di centro-sinistra Ferenc Gyurcsány. Durante la transizione dal comunismo alla democrazia, Gyurcsány e i suoi vecchi compagni avevano fatto una piccola fortuna gestendo società di consulenza. Mentre questo tipo di cambiamento di forma e di opportunismo economico era comune ovunque nell’Europa orientale e centrale. Questi legami hanno reso più facile per Orbán ritrarre il comunismo sovietico e il liberalismo europeo come forme successive di dominio esterno.

L’inizio della rivolta contro il liberalismo in Polonia

Come in Ungheria, il ruolo dei comunisti polacchi riformati nel facilitare la transizione politica verso la democrazia liberale ha finito per radicalizzare la destra. Nel 1997, i pensatori conservatori hanno iniziato a chiedere una “quarta repubblica polacca” per sostituire la terza iterazione che aveva seguito la fine del comunismo. Quattro anni dopo, Lech e Jarosław Kaczyński fondarono Diritto e Giustizia, promettendo una radicale purificazione e rinnovamento politico della società polacca. L’obiettivo dei Kaczyński era di usare tutta la forza del potere esecutivo e legislativo per fare i conti con i “contaminanti” del socialismo di stato. Per molti anni, la corte costituzionale della Polonia ha limitato gli sforzi per epurare le istituzioni statali e la società civile da chiunque avesse associazioni comuniste, un processo noto come lustrazione. Questa protezione è stata sostenuta dalle leggi dell’UE che proteggono la dignità personale e la privacy. Quando Legge e Giustizia è andata al potere nel 2005 fu proposta una legge che avrebbe richiesto a 350.000 dipendenti pubblici, giornalisti, accademici, insegnanti e dirigenti statali di dichiarare le loro passate associazioni politiche, non importa quanto banali, pena la perdita del lavoro. La diffusa resistenza dell’élite progressista polacca contro questa purga profondamente invasiva ha contribuito a spingere i Kasczyńskis fuori dal potere nel 2007 a favore della Piattaforma Civica liberale pro-europea guidata da Donald Tusk.

L’ascesa della destra in Polonia

Questo primo tentativo fallito di purificazione della società polacca fa da sfondo al rinnovato assalto di Legge e Giustizia al sistema giudiziario del paese dal 2015, che ha attirato una maggiore attenzione internazionale. Ma l’agenda illiberale di Legge e Giustizia non era, come vorrebbero Krastev e Holmes, una reazione contro l’imitazione occidentale. È proprio il desiderio degli illiberali polacchi di un’allontanamento più completo del passato comunista, a costo di ignorare le protezioni dell’UE, che li ha portati a impilare i tribunali del paese e ad attaccare la società civile progressista. In questo mito voltagabbana, il 1989 non è stato un passaggio di consegne pulito, ma un massiccio whitewash dell’élite. Ciò che è in gioco non è l’identità occidentale piuttosto chi è adatto a far parte di uno stato nazionale polacco purificato.


Ungheria e Polonia veto sul bilancio dell’Unione europea


I fondi UE che aiutano la rivolta contro il liberalismo

In tutto questo il rubinetto finanziario di Bruxelles è stato semplicemente troppo lucrativo per resistere. Anche se Orbán ha smantellato le istituzioni liberali, ha attinto grandi quantità di fondi europei per rimpolpare i conti di una fedele oligarchia di magnati e agro-imprenditori legati a Fidesz. I nazionalisti conservatori in Polonia hanno anche rastrellato supporto materiale da un’unione politica ed economica la cui influenza attaccano abitualmente. Questa insensibilità al comportamento politico è il risultato di come l’UE distribuisce i fondi ai suoi membri. Il denaro viene assegnato in grandi tranche che vengono inviate nel corso di molti anni in conformità con piani di spesa e di investimento prestabiliti. Le frizioni politiche a breve termine tra i governi nazionali e Bruxelles non alterano questi diritti a lungo termine. Tra il 2007 e il 2020, gli stati membri dell’Europa orientale hanno ricevuto 395 miliardi di euro, metà dei quali sono andati a Ungheria e Polonia.