domenica, Maggio 19, 2024

Il Papa accetta le dimissioni del vescovo polacco dopo lo scandalo dell'”orgia” nella diocesi

Il vescovo ha rassegnato le dimissioni dopo che uno dei suoi sacerdoti è stato messo sotto inchiesta penale per le notizie del mese scorso secondo cui il sacerdote avrebbe organizzato un festino a base di sesso

Per ricevere gratuitamente le notizie in tempo reale direttamente nella tua casella di posta elettronica, iscriviti alle nostre e-mail sulle ultime notizie.
Email

Desidero ricevere via e-mail offerte, eventi e aggiornamenti da The Independent. Leggi la nostra informativa sulla privacy
Il Papa ha accettato martedì le dimissioni di un vescovo polacco la cui diocesi è stata colpita dalle notizie di un’orgia tra sacerdoti e un lavoratore del sesso maschile.

Il Vaticano non ha fornito alcuna motivazione per la partenza del vescovo Grzegorz Kaszak, 59 anni, a capo della diocesi di Sosnowiec, nel sud-ovest della Polonia.

Il vescovo ha rassegnato le dimissioni dopo che uno dei suoi sacerdoti è stato messo sotto inchiesta penale per aver organizzato, il mese scorso, un festino a sfondo sessuale. È stato anche affermato che il lavoratore sessuale maschio invitato all’orgia che coinvolgeva i sacerdoti della diocesi aveva perso conoscenza a causa di un’overdose di pillole per la disfunzione erettile.

A settembre, Gazeta Wyborcza, un quotidiano polacco liberale, ha pubblicato un rapporto in cui si affermava che durante l’incontro, avvenuto in una struttura di proprietà della parrocchia della Beata Vergine Maria degli Angeli a Dabrowa Gornicza, uno dei sacerdoti aveva contattato i servizi di emergenza per richiedere un’ambulanza. Ma il giornale – secondo il New York Times – ha riferito che i sacerdoti presenti all’evento hanno impedito ai paramedici di aiutare l’uomo privo di sensi. I paramedici hanno poi chiamato la polizia e solo allora i sacerdoti hanno ceduto.

Waldemar Lubniewski, portavoce dell’ufficio del procuratore distrettuale di Sosnowiec, ha dichiarato che l’indagine era incentrata sulla “mancata assistenza a una persona in una situazione che rappresenta una minaccia immediata di perdita della vita o di gravi danni alla salute”.

Padre Tomasz Z, il sacerdote che avrebbe organizzato il sex party nell’appartamento della sua chiesa, è stato identificato solo dalla diocesi. Il mese scorso ha parlato con i media polacchi, contestando i dettagli specifici dell’incidente. Ha messo in dubbio l’accuratezza del conteggio dei sacerdoti presenti durante il presunto sex party e ha osservato che “vale la pena di leggere la definizione di orgia”.

Ha liquidato la polemica sui fatti accaduti nel suo appartamento come “un evidente attacco alla Chiesa, compreso il clero e i credenti” e ha detto che il clamore non ci sarebbe stato se “qualcosa di simile fosse accaduto” a una persona esterna al clero.

Ma la diocesi ha ampiamente confermato i resoconti dei media. Ha dichiarato che una commissione investigativa esterna ha concluso che padre Tomasz ha commesso “una gravissima violazione delle norme morali” e dei suoi obblighi di sacerdote.

In una dichiarazione del mese scorso, la diocesi ha affermato che la “partecipazione” di padre Tomasz “a quanto accaduto nella notte tra il 30 e il 31 agosto non è in dubbio”. La diocesi ha dichiarato che gli sono state tolte tutte le funzioni presso la diocesi e che è stato “mandato a vivere fuori dalla parrocchia”.

Kaszak ha annunciato le sue dimissioni il 24 ottobre, ma non ha fornito ulteriori dettagli. Non è stato accusato di essere stato coinvolto nella presunta orgia, ma si dice che sia ritenuto responsabile della condotta dei sacerdoti della sua diocesi.

“Chiedo a tutti di perdonare i miei limiti umani”, ha scritto nella sua dichiarazione. “Se ho offeso qualcuno o trascurato qualcosa, mi dispiace molto”.

Kaszak è stato designato come vescovo nel 2009 dall’allora Papa Benedetto XVI, dopo un breve periodo come vicecomandante dell’ufficio famiglia del Vaticano.

L’ambasciata vaticana in Polonia ha annunciato che l’arcivescovo Adrian Galbas di Katowice servirà come amministratore temporaneo, supervisionando la diocesi di Sosnowiec fino alla nomina di un nuovo vescovo.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles