sabato, Aprile 20, 2024

Il consumo di tabacco diminuisce nonostante gli sforzi dell’industria del tabacco per compromettere i progressi compiuti

Secondo le ultime stime del rapporto sulle tendenze del tabacco dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), pubblicato oggi, i consumatori adulti di tabacco sono 1,25 miliardi.

Le tendenze per il 2022 mostrano un continuo declino dei tassi di consumo di tabacco a livello globale. Circa 1 adulto su 5 nel mondo consuma tabacco, rispetto a 1 su 3 nel 2000.

Il rapporto mostra che 150 Paesi stanno riducendo con successo il consumo di tabacco. Il Brasile e i Paesi Bassi stanno registrando successi dopo aver attuato le misure di controllo del tabacco MPOWER, con una riduzione relativa del 35% dal 2010 e i Paesi Bassi che stanno per raggiungere l’obiettivo del 30%.

“Negli ultimi anni sono stati compiuti buoni progressi nel controllo del tabacco, ma non c’è tempo per l’autocompiacimento. Sono sbalordito dalle profondità a cui l’industria del tabacco è disposta ad arrivare per perseguire i profitti a spese di innumerevoli vite. Vediamo che nel momento in cui un governo pensa di aver vinto la lotta contro il tabacco, l’industria del tabacco coglie l’opportunità di manipolare le politiche sanitarie e di vendere i suoi prodotti mortali”, afferma il dottor Ruediger Krech, Direttore del Dipartimento di Promozione della Salute dell’OMS.

L’OMS esorta i Paesi a continuare a mettere in atto politiche di controllo del tabacco e a lottare contro le interferenze dell’industria del tabacco.

Attualmente la Regione del Sud-Est asiatico dell’OMS ha la più alta percentuale di popolazione che fa uso di tabacco, pari al 26,5%, mentre la Regione europea non è molto distante con il 25,3%. Il rapporto mostra che entro il 2030 la Regione europea dell’OMS dovrebbe avere i tassi più alti a livello globale, con una prevalenza di poco superiore al 23%. I tassi di consumo di tabacco tra le donne nella regione europea dell’OMS sono più che doppi rispetto alla media mondiale e si stanno riducendo molto più lentamente rispetto a tutte le altre regioni.

Sebbene i numeri siano costantemente diminuiti nel corso degli anni, il mondo arriverà a una riduzione relativa del 25% del consumo di tabacco entro il 2025, mancando l’obiettivo globale volontario di una riduzione del 30% rispetto al 2010. Solo 56 Paesi a livello globale raggiungeranno questo obiettivo, con un calo di quattro Paesi rispetto all’ultimo rapporto del 2021.

In alcuni Paesi la prevalenza del consumo di tabacco è cambiata di poco rispetto al 2010, mentre in sei Paesi il consumo di tabacco è ancora in aumento: Congo, Egitto, Indonesia, Giordania, Oman e Repubblica di Moldova.

L’OMS esorta i Paesi ad accelerare gli sforzi per il controllo del tabacco, poiché c’è ancora molto lavoro da fare. “L’Indice globale dell’interferenza dell’industria del tabacco 2023, pubblicato da STOP e dal Centro globale per la buona governance nel controllo del tabacco, mostra che gli sforzi per proteggere la politica sanitaria da una maggiore interferenza dell’industria del tabacco sono peggiorati in tutto il mondo.

Le indagini condotte a livello nazionale mostrano costantemente che nella maggior parte dei Paesi i bambini di età compresa tra i 13 e i 15 anni fanno uso di prodotti a base di tabacco e nicotina. Per proteggere le generazioni future e garantire che il consumo di tabacco continui a diminuire, l’OMS dedicherà la Giornata mondiale senza tabacco di quest’anno alla protezione dei bambini dalle interferenze dell’industria del tabacco.

Il mese prossimo i Paesi si riuniranno a Panama per la 10a sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione quadro dell’OMS per il controllo del tabacco (FCTC), dove l’industria del tabacco cercherà di influenzare le politiche sanitarie globali offrendo incentivi finanziari e in natura, interferendo con il diritto dei Paesi di proteggere la salute delle loro popolazioni. Il rafforzamento della FCTC dell’OMS è una priorità sanitaria globale delineata negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. L’OMS è pronta a sostenere i Paesi nella difesa delle misure di controllo del tabacco basate su dati certi di fronte alle interferenze dell’industria.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles