sabato, Aprile 13, 2024

Esce ‘Palla al centro’, tra populismi di destra e sinistra la terza via di Renzi per il riformismo

(Adnkronos) – Ricominciare la partita della politica partendo dal 'Centro', quella parte del campo di gioco dove si batte il calcio di inizio. Ma anche il nuovo marchio scelto dal leader di Italia Viva, Matteo Renzi, per correre alle prossime europee, a giugno. Ecco spiegata la metafora calcistica che dà il titolo ('Palla al centro. La politica al tempo delle influencer') all'ultimo libro del leader di Italia Viva Matteo Renzi, pubblicato da Piemme che verrà presentato domani a Roma, alle 18.30, all'Auditorium Parco della Musica.  L'ex premier lancia il suo programma elettorale spiegando che "rimettere la palla al centro significa tante cose" e in politica significa anche "trovare una terza via tra i populisti del sovranismo come Meloni e Salvini e i populisti della sinistra grillizzata come Schlein e Conte", rivendicando tra le righe "come il centro è il luogo del futuro, non del passato. E' il luogo del riformismo, non del populismo. E' lo spazio abitato dai politici e non dagli influencer". Il programma per la prossima Ue, secondo Renzi passa "per l’elezione diretta del presidente della Commissione Europa" e "per una squadra di governo della Commissione che non sia fatta col bilancino" dove si superi pure "il diritto di veto consentito a singoli Paesi". Intanto però mette a nudo, in questo volume di 160 pagine, il governo Meloni, la cui cifra, sostiene Renzi, è appunto il 'populismo', il passatismo' e la politica da influencer. Al centro della riflessione dell'ex premier sono le uscite (a caccia di like) dell'attuale inquilino di Palazzo Chigi, quella Meloni, citata 90 volte ma anche quelle di Giuseppe Conte, il cui nome compare tra le pagine con la stessa ricorrenza, ben 93 volte. E ce n'è poi per tutti, per Salvini e per l'ex alleato Carlo Calenda. Con Meloni, Renzi, ad esempio, svela uno scambio di messaggini, finora inedito. Lui l'aveva criticata in tv per aver saltato, durante la sua trasferta in Usa, nel primo anno di governo, il tradizionale ricevimento organizzato da Biden per andare a mangiare una pizza con la figlia. "Una mossa astuta sul piano della comunicazione -scrive Renzi- . Il messaggio è semplice: 'Vedete? Per me stare con la mia bambina è più importante di tutto, persino dell’uomo più potente del mondo'".  Alla bacchettata di Renzi segue uno scambio in chat. Scrive Renzi: "Giorgia Meloni mi messaggia risentita. Mi spiega come funziona il ricevimento all’Onu, dimenticando che talvolta ci sono stato anche io. E quando le dico perché secondo me era doveroso partecipare al ricevimento, anche se noioso, mi scrive che io non frequentavo il presidente degli Stati Uniti abitualmente come lei e dunque andavo al ricevimento perché pensavo 'fosse utile andare per avere una foto con lui'. "In quel preciso momento capisco, e glielo scrivo testuale, che 'ci siamo giocati anche la Meloni'. Perché pensare che la mia critica, molto soft, sulla mancata presenza al ricevimento di Biden nascesse dal fatto che io 'non frequentassi il presidente degli Stati Uniti abitualmente' dimostra una scarsa aderenza alla realtà", si legge nel capitolo dedicato al rapporto con Giorgia Meloni.  Di Conte invece Renzi rievoca i conflitti di interesse: "Mi piacerebbe che si chiarissero le incompatibilità degli avvocati d’affari, come Conte è stato a lungo. I possedimenti delle famiglie: se una compagna o una moglie ha una famiglia che possiede alberghi o banche o ricchezze finanziarie è giusto che il parlamento sia edotto, no?", si domanda. Poi l'affondo: "Chi chiamò i soldati russi in Italia? Chi organizzò l’incontro tra un alto dirigente dei servizi segreti e un intermediario, mascherine? Ventilatori? Altro materiale su cui era prevista una ricca provvigione? Nell’ufficio legale che era stato casualmente l’ufficio di Conte in presenza di quello che era stato un suo stretto collaboratore?".  Un colpo lo dedica pure a Salvini: "Abbiamo visto che Meloni è l’influencer più brava. Abbiamo visto che Conte la insegue ignorando qualsiasi regola di coerenza politica la storia ci abbia trasmesso. Non abbiamo nemmeno bisogno di aprire un file riguardo a Matteo Salvini, l’uomo che ha consegnato alla cronaca social alcune delle perle più straordinarie -scrive quando passa a parlare del leader della Lega- . Come dimenticare le sue acute osservazioni politiche sintetizzate dal post con foto: 'Stasera sto leggero: pizza salame piccante e cipolle', inserito in rete tra la richiesta dei pieni poteri avanzata nella sede istituzionale della discoteca Papeete di Milano Marittima, non prima di aver affidato 'al cuore immacolato di Maria il destino di un Paese e di un continente", aggiunge tranchant. Ed è solo l'inizio. Nel libro trovano spazio anche incontri del passato, retroscena mai resi noti. Per esempio il corteggiamento in tempi non sospetti di Berlusconi -al fondatore azzurro viene dedicato un intero capitolo dove non mancano attestati di stima- che manda avanti Verdini, durante la sfida per le comunali a Firenze, nel 2008, per chiedergli di passare con loro. "Non passo il Rubicone, non vado dall'altra parte", scrive Renzi. "Le porte di Forza Italia per Renzi sono sempre aperte", disse Berlusconi. "Chiudile presidente, non vorrei che entrasse troppo freddo", fu la replica dello stesso Renzi, anche questa rivelata in 'Palla al centro'.  —[email protected] (Web Info)

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles