venerdì, Aprile 19, 2024

Da New York a Londra in 90 minuti? La NASA studia il jet passeggeri che potrebbe farlo

Il jet di linea supersonico viaggerebbe quattro volte più veloce della velocità del suono. Da New York a Londra in soli 90 minuti? La NASA sta esplorando il potenziale di un jet supersonico che un giorno potrebbe fare proprio questo.

Secondo l’agenzia spaziale federale, attualmente i jet di linea transatlantici viaggiano a circa 600 miglia orarie. Ma il concetto di aereo della NASA potrebbe teoricamente viaggiare a Mach 4, quattro volte più veloce di Mach 1, la velocità del suono, che di solito è di 761 mph a livello del mare.

La forma unica dell’aereo, inoltre, permetterebbe teoricamente di diffondere le onde d’urto supersoniche, evitando che il noto boom sonico si verifichi a terra quando l’aereo infrange la barriera del suono.
Se l’idea dovesse decollare, sarebbe la prima volta in più di due decenni che viene effettuato un volo transatlantico supersonico da quando il Concorde, sviluppato congiuntamente da inglesi e francesi oltre 60 anni fa, è stato ritirato nel 2003 a causa dei costi operativi.

La notizia giunge mentre è in corso la missione separata Quesst della NASA che coinvolge il suo aereo X-59, uno degli obiettivi della quale è la modifica delle regole che proibiscono il volo supersonico commerciale sulla terraferma, nella speranza di ridurre drasticamente i tempi di viaggio negli Stati Uniti e all’estero, ha dichiarato un portavoce della NASA ad ABC News.


A partire dal 2025, la missione Quesst vedrà l’X-59 sorvolare alcune città statunitensi e chiedere ai residenti di condividere la loro reazione al suono, ha dichiarato la NASA. L’agenzia analizzerà i dati e li sottoporrà alle autorità di regolamentazione statunitensi e internazionali nel 2027 per valutare l’opportunità di autorizzare nuovi voli commerciali supersonici, compresi i voli passeggeri.

La NASA ha dichiarato di aver condotto studi su circa 50 rotte commerciali per raccogliere dati sulla reazione degli esseri umani al suono generato durante i voli supersonici. Poiché il governo federale ha vietato tutti i voli supersonici civili sulla terraferma 50 anni fa, gli studi hanno esaminato i viaggi transoceanici.

Lori Ozoroski, project manager del Commercial Supersonic Technology Project della NASA, ha dichiarato che studi simili sono stati condotti più di dieci anni fa, esaminando i voli che viaggiavano tra 1,6 e 1,8 Mach, poco più della metà della velocità del suono.

“Queste tabelle di marcia hanno aiutato a guidare gli sforzi di ricerca della NASA da allora, compresi quelli che hanno portato all’X-59”, ha dichiarato Ozoroski in una dichiarazione alla ABC News. “Questi nuovi studi aggiorneranno gli sguardi sulle roadmap tecnologiche e identificheranno ulteriori esigenze di ricerca per una gamma più ampia di alte velocità”.

I nuovi studi, guidati dall’Advanced Air Vehicles Program della NASA, coinvolgono due team composti da diverse aziende che “svilupperanno progetti concettuali e tabelle di marcia tecnologiche” per delineare eventuali rischi o sfide del volo degli aerei a velocità di Mach 2 o superiori.

Secondo la NASA, il primo gruppo è guidato dalla Boeing, mentre il secondo è guidato dalla Northrop Grumman Aeronautics Systems, che produce aerei e veicoli spaziali e tecnologie per la difesa. Il portavoce della NASA ha dichiarato che i team esamineranno le lacune tecnologiche e i primi progetti, ma ha precisato che al momento non sono in fase di sviluppo tecnologie o velivoli con queste caratteristiche.


“I concetti di progettazione e le roadmap tecnologiche sono davvero importanti da avere tra le mani quando le aziende saranno finite”, ha dichiarato Mary Jo Long-Davis, manager del progetto tecnologico ipersonico della NASA, in una dichiarazione rilasciata ad ABC News. “Siamo anche collettivamente consapevoli della necessità di tenere conto di considerazioni relative alla sicurezza, all’efficienza, all’economia e alla società”.

“È importante innovare in modo responsabile per restituire benefici ai viaggiatori e non danneggiare l’ambiente”, ha aggiunto Long-Davis.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles