venerdì, Giugno 21, 2024

Ciad tra violenza ed elezioni presidenziali

Il Ciad si trova tra la violenza prima delle elezioni presidenziali. Nella capitale N’Djamena si sono verificati scontro tra le forze armate e l’opposizione. Nello scontro è morto il leader del principale partito di opposizione. L’instabilità sarebbe fomentata dalla Russia.

Ciad tra violenza ed elezioni

Dopo Mali, Guinea, Burkina Faso e Niger, il Ciad è l’ultimo paese nel Sahel ad essere investito da violenze. Nella capitale N’Djamena le forze armate hanno assaltato la sede della principale forza di opposizione, il Partito socialista senza frontiere (PSF). Il PSF è accusato di aver attaccato, nella notte tra il 27 e il 28 febbraio, la sede dei servizi di sicurezza, nel tentativo di liberare il segretario delle finanze del partito, arrestato per il tentato omicidio del presidente della Corte Suprema. Nelle sparatorie sarebbe morto anche il principale leader dell’opposizione, Yaya Dillo, l’unico in grado di sfidare il presidente ad interim Mahamat Idriss Déby Itno alle elezioni del 6 maggio.

Dopo i disordini che hanno portato all’uccisione del leader dell’opposizione, il leader della giunta del Ciad e presidente ad interim Mahamat Idriss Déby Itno ha annunciato che intende candidarsi alla presidenza. “Io, Mahamat Idriss Deby Itno, sono candidato alle elezioni presidenziali del 2024 sotto la bandiera della coalizione Per un Ciad Unito”, ha detto il leader militare in un discorso. Deby Itno è al potere dal 2021, dopo che suo padre Idriss Deby Itno è morto mentre combatteva i ribelli. L’anziano Deby Itno aveva governato il paese per oltre tre decenni. Il giovane Deby Itno aveva inizialmente promesso un ritorno al governo civile e alle elezioni entro 18 mesi. Ma in seguito ha prolungato il periodo di transizione, provocando proteste brutalmente represse nell’ottobre 2022, che hanno causato la morte di decine di persone.

Cresce sempre di più la preoccupazione in vista delle elezioni. L’Unione europea ha espresso profonda preoccupazione per le recenti violenze in Ciad prima delle elezioni. “Questi eventi minano gli sforzi necessari per garantire una transizione trasparente, pluralista, inclusiva e pacifica”, si legge in una dichiarazione. Human Rights Watch ha anche chiesto un’indagine indipendente e sostenuta dall’estero sulla morte di Dillo. “Le circostanze dell’omicidio di Yaya Dillo non sono chiare, ma la sua morte violenta evidenzia i pericoli che corrono i politici dell’opposizione in Ciad, in particolare con l’avvicinarsi delle elezioni”, ha affermato Lewis Mudge, direttore dell’Africa centrale presso HRW.


Leggi anche: Il Ciad espelle l’ambasciatore tedesco

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles