Resta alta l’allerta terrorismo dopo l’avvertimento lanciato dai servizi segreti statunitensi, in base a quanto riportato ieri dalla tv “Cnn”, che ha spinto il Presidente americano, Donald Trump, a emanare il divieto di trasporto di grandi dispositivi elettronici a bordo dei voli di linea da e verso otto Paesi del Medio Oriente e dell’Africa.

Alcuni gruppi, come l’Isis e Al Qaeda, sarebbero pronti a colpire nuovamente in Occidente, servendosi però di pericolose apparecchiature difficilmente individuabili dagli apparati di sicurezza. Gli estremisti sarebbero riusciti a sviluppare, infatti, alcuni sistemi in grado di introdurre esplosivi particolari, all’interno di smartphone, tablet e pc portatili, che potrebbero eludere i controlli e causare gravi disastri.

L’allarme viene considerato seriamente in Europa e dal Governo di Theresa May che teme il ripetersi di stragi in aeroporti e addirittura, secondo il quotidiano “Daily Telegraph”, nelle centrali nucleari del Regno Unito.

La paura resta alta nel Paese, all’indomani degli ultimi vili episodi che hanno avuto come target il Parlamento inglese. C’è preoccupazione, tuttavia, pure nel resto del Vecchio Continente a causa dei sempre più frequenti attacchi contro i civili, portati a termine spesso senza armi sofisticate ma comunque pericolose, in diversi luoghi affollati, molte volte da turisti, di città importanti. Il fatto che la guardia sia elevata è dimostrato, inoltre, dalle numerose operazioni di polizia che hanno sventato, recentemente, un gravissimo attentato in Veneto e a Nizza dove, nelle ultime ore secondo fonti giudiziarie, sono state arrestate due ragazze di quattordici e quindi anni sospettate di “preparare un attentato”.

 

Marco Paganelli

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here