L’anticipo di mezzogiorno della 30° giornata di campionato di Serie A vede sfidarsi al Dall’Ara Bologna e Roma.

L’obiettivo giallorosso è quello di continuare la striscia positiva che vede la Roma reduce da 4 vittorie consecutive tra campionato e Champions al fine di consolidare il terzo posto, mentre il Bologna vuole distanziarsi sempre di più dalla zona retrocessione.

Di Francesco, in vista dell’importante sfida al Camp Nou contro il Barcellona, decide di far riposare Dzeko, dando una nuova possibilità a Schick, supportato da Perotti ed El Shaarawy. Donadoni fa giocare Palacio, facendo accomodare in panchina Destro, e si affida alla qualità dei suoi esterni, Verdi, in crescita costante, e Di Francesco, che scende in campo per la quarta volta contro il padre.

Tra i pali del Bologna esordisce in Serie A all’età di 26 anni Santurro, che finora aveva giocato solamente in Lega Pro.

La Roma inizia subito forte grazie alle incursioni di Florenzi, molto attivo sulla fascia, e ai due centrali difensivi molto alti pronti a servire il tridente d’attacco. I giallorossi costringono il portiere avversario alla prima parata del match già al 5’ quando Schick, servito in verticale da Nainggolan, prova subito a calciare sul primo palo, ma Santurro devia la palla in calcio d’angolo. Sul corner il portiere effettua una parata di ben diversa entità, dando prova di ottimi riflessi parando di stinco il colpo di testa di De Rossi da posizione ravvicinata.

Al 16’ Nainggolan, dopo aver subito una ginocchiata in un contrasto a centrocampo, è costretto ad uscire, anche per sperare di recuperare in vista del match di mercoledì sera contro il Barcellona, e cede il suo posto a Gerson.

Al 18’ il Bologna, che sta conducendo una partita attendista, sblocca la partita grazie a una conclusione rasoterra di Pulgar che trafigge Alisson, che sfiora la palla, ma non può farci nulla.  1-0.

Sull’azione del gol rossoblù i giallorossi protestano veementemente per il fallo di mano di Poli che, dopo aver tentato la conclusione, tocca la palla, respinta dalla scivolata di Gerson, con il braccio, ma il suo gesto viene giudicato involontario sia dall’arbitro che dal Var Tagliavento.

La Roma prova subito a reagire prima con Schick che sfrutta un bel cross di De Rossi, anticipa Santurro, ma di testa non trova la porta e poi con El Shaarawy, innescato da Strootman in verticale, che colpisce il portiere avversario con la sua conclusione, frutto di un bel movimento dell’attaccante che fa quello che gli chiede dall’inizio Di Francesco, ovvero si inserisce con un taglio per via centrale. Il Faraone era comunque in posizione irregolare.

Al 28’ Strootman si divora il gol del pareggio spedendo la palla sul palo a due passi dalla porta.

I restanti minuti del primo tempo vedono un tentativo di Palacio che però si allunga troppo il pallone e permette ad Alisson di farlo suo e un mancino di Schick bloccato a terra da Santurro.

Il primo tempo si conclude 1-0 per il Bologna che con un atteggiamento cinico è riuscito a sfruttare al meglio l’unica occasione, mentre la Roma, dopo lo sprint iniziale, ha dovuto fare i conti con una manovra troppo lenta e con tanti errori a centrocampo che non hanno favorito la fluidità delle azioni.

La ripresa vede in campo gli stessi 22, anche se Di Francesco opta per un 4-2-3-1 con Perotti al centro e Gerson a destra, ma la musica non cambia.

La Roma pare confusa e con poche idee, subisce la determinazione del Bologna che si mostra una squadra attenta, ben posizionata e sempre pronta a ripartire.

Al 61’ Di Francesco decide di inserire Dzeko al posto di El Shaarawy per dare più peso all’attacco e la manovra si rivela vincente. Al 76’ infatti Dzeko insacca sul primo palo a due passi dalla porta sfruttando un assist al bacio di Perotti. 14° gol in campionato per lui. 1-1.

L’ingresso in campo dell’attaccante bosniaco e di Defrel (al posto di Strootman) dà un’evidente scossa alla squadra e mette in difficoltà il Bologna dal punto di vista difensivo. I giallorossi negli ultimi minuti sembrano rinati, ma si sono svegliati troppo tardi e la partita si conclude 1-1.

La Roma rimane saldamente al terzo posto, ma si dovrà interrogare sulla prestazione sottotono, mentre il Bologna si posiziona all’11° posto a 35 punti e si allontana sempre di più dalla zona a rischio.

BOLOGNA-ROMA 1-1 (1-0)

MARCATORI: Pulgar 18’; Dzeko 76’

BOLOGNA (4-3-3): Santurro; Torosidis (77’Mbaye), De Maio, Helander, Masina; Poli, Pulgar, Donsah; Verdi (90’ Krejci), Palacio, Di Francesco (71’ Orsolini). A disposizione: Ravaglia, Romagnoli, Gonzalez, Keita, Nagy, Crisetig, Falletti, Destro, Avenatti.

Allenatore: Donadoni

ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Strootman (75’ Defrel), De Rossi, Nainggolan (17’ Gerson; El Shaarawy (61’ Dzeko), Schick, Perotti. A disposizione: Skorupski, Lobont, Capradossi, Silva, Pellegrini, Peres, Jesus, Gonalons.

Allenatore: Di Francesco

ARBITRO: Irrati di Pistoia

AMMONITI: Santurro per comportamento non regolamentare, De Rossi e Pulgar per gioco scorretto, Palacio per proteste

 

 

 

 

 

 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here