Avril Lavigne tetra e conturbante nel video di “I Fell In Love With The Devil”

Avril Lavigne pubblica uno dei suoi video meglio riusciti: il video di "I Fell In Love With The Devil" è sexy, dark e ricco di tutte le sue sfaccettature.

0
487

Avril Lavigne ha appena pubblicato un nuovo singolo dal suo ultimo album “Head Above Water”, album pubblicato nei primi mesi dell’anno corrente dopo un paio di singoli rilasciati negli ultimi mesi del 2018. La scelta è ricaduta su “I Fell In Love With The Devil”, una delle canzoni più potenti ed incisive dell’intero progetto, nonché anche una delle più rappresentative dell’album con tanto di testo e produzioni curati in prima persona da Avril stessa.

Si tratta di una ballad molto trascinante in pieno stile Avril Lavigne, dotata di una performance vocale ricca di phatos, in cui l’artista fa un buon uso delle sue doti interpretative. Particolarmente forte soprattutto il ritornello, il quale risulta capace di catturare in toto l’attenzione dell’ascoltatore grazie ad un’interpretazione ricca di enfasi e ad una produzione davvero efficace..

Il brano parla di una relazione d’amore tossica da cui l’artista non riesce a districarsi, motivo per il quale spera in un aiuto divino che la liberi dal “diavolo” di cui si è innamorata: un argomento trattato quindi con la giusta carica emotiva dall’artista, da sempre in grado di offrire il meglio delle sue doti d’interprete proprio nei pezzi lenti.

Per quanto riguarda la produzione, Avril si affida questa volta ad un sound prettamente strumentale per creare una base corposa, coinvolgente, che sa perfino risultare ballabile nonostante il ritmo lento. Una combinazione perfetta di fattori rende quindi questo brano particolarmente adatto ad essere il singolo giusto per portare avanti quest’era discografica, a supportare un album sicuramente molte spanne superiore rispetto al predecessore del 2013.

https://open.spotify.com/track/6HHtTXPyBTJsLQT0y3afnm?si=yOgewCSBT4WMrMiMiZ6c3Q

Rilasciato poche ore fa, il video del brano vede Avril come protagonista assoluta mentre interpreta vari personaggi: l’autista di un carro funebre, il cadavere nella bara, una sensuale pianista vestita di rosso che si ritrova ad eseguire una danza macabra con un uomo, una tetra narratrice completamente vestita di nero ed armata di crocefisso.

CHRISTINA AGUILERA: RECENSIONE DEL SUO ULTIMO CONCERTO DI BERLINO

I vari personaggi sono combinati in maniera impeccabile, riescono a seguire sapientemente lo storytelling del brano; Avril risulta carismatica e credibile in ogni interpretazione, riuscendo in questo modo garantire una performance visiva di una qualità assente da moltissimo all’interno della sua videografia. Per la prima volta da anni, Avril Lavigne può contare anche su un’ottima regia che le permette di tradurre perfettamente il brano in immagini e di incantare lo spettatore: il risultato è un lavoro che potrebbe aiutare molto “I Fell In Love With The Devil” a farsi apprezzare dal grande pubblico.

Nella sua carriera, Avril Lavigne ha quasi sempre alternato due anime: una più giocosa e spensierata, una più dark ed impegnata. Entrambe le versioni di lei hanno ottenuto un successo enorme in periodi differenti, tuttavia in questo punto della sua carriera scegliere di mostrare la parte più seria ed emotiva della sua arte è stata sicuramente una scelta condivisibile: non più ventenne da un po’, Avril deve ormai provare al grande pubblico di saper essere anche una donna matura e non solo un’eterna teenager ribelle, soprattutto dopo anni di singoli che evidenziavano il suo lato più leggero. Lo scopo è stato centrato in pieno, ed ora il pubblico può finalmente godere del tutto di un lato dell’artista che le sue hit più recenti hanno evidenziato poco.

Nei prossimi mesi, Avril Lavigne sarà impegnata in un tour che, per ora, dovrebbe toccare soltanto il Nord America: vedremo se in caso di un riscontro positivo del brano in Europa deciderà di aggiungere qualche data anche sui palchi del Vecchio Continente, orfani di sue performance dal lontano 2011.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here