Matteo Marconcini ha conquistato la medaglia di bronzo ai Mondiali di Budapest perdendo in finale contro il 26enne tedesco Wieczerzak, perdendo a causa di un ippon per strangolamento.

Il percorso fatto dall’atleta aretino in questi mondiali è comunque eccellente: negli ottavi sconfigge il numero 3 del ranking mondiale Ungvari dopo aver messo a segno un waza ari dopo 29” e dopo aver contenuto la reazione rabbiosa dell’avversario; nei quarti incontra il mongolo Uuganbaatar Otgonbaatar, 21esimo del ranking mondiale, che sconfigge grazie ad un ippon di seoi nage. In semifinale incontra l’iraniano Saeid Mollaei, contro il quale sfodera una prestazione pressoché perfetta che lo proietta in finale.

Nonostante non sia riuscito a sfatare il tabù del primo posto ad un mondiale, Marconcini può dirsi soddisfatto di questo argento che arriva contro uno dei più forti atleti del circuito e dopo 12 anni dopo l’ultimo argento di Bruyere.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here