sabato, Aprile 13, 2024

Il profumo Cé Noir di Beyoncé non è quello che ci aspettavamo

Non è scritto da nessuna parte, ma le celebrità sanno che una volta raggiunto un certo livello di fama, c’è una regola non detta che impone loro di rilasciare un profumo. Se il profumo ha successo, di solito segue una sfilata di flanker, nuove versioni del profumo originale. Elizabeth Taylor è stata una delle pioniere del fenomeno con il suo profumo White Diamonds, lanciato nel 1991. Glow di J.Lo e le sue numerose iterazioni hanno dominato gli anni Ottanta. Oggi il mercato delle fragranze è molto più saturo di influencer che lanciano i loro profumi, ma questo non impedisce alle star di giocare a palla, anche se hanno messo in pausa il gioco per un po’.

Tra queste c’è Beyoncé che, il 1° ottobre, ha concluso il suo storico Renaissance World Tour, dopo l’uscita nel 2022 del suo album ispirato alla casa, Renaissance. Prima che il BeyHive riuscisse a capire che questo momento culturale, durato un anno e mezzo, era ormai storia, Queen B ha continuato a far parlare di sé con l’uscita del suo primo profumo, Cé Noir (una combinazione giocosa del suo nome e di “It’s Black” in francese), dopo quasi un decennio (l’ultimo era stato Rise Sheer nel 2015). Naturalmente, il tempismo di questo lancio è stato molto intenzionale, come lo è sempre l’arte di Beyoncé.

Il 25 ottobre, per la gioia dei fan, ha postato un unboxing dello scintillante oggetto del desiderio. “Volevo qualcosa che fosse monolitico e che avesse un po’ di intimità”, ha dichiarato nel video su Instagram. I 50 ml di Cé Noir contengono un succo floreale di rosa addolcito con miele e una spruzzata di agrumi e sono disponibili solo negli Stati Uniti e in Canada su beyonce.com. Secondo il sito, il profumo è stato prodotto in Francia, ma “realizzato e disegnato da Beyoncé”. Se ci fosse un profumiere fantasma, non lo sapremmo finché non sarà pronta a farcelo sapere, il che va bene.

Dato che non è disponibile nei negozi, è probabile che stiate facendo un acquisto alla cieca e, in questo caso, che siate fan sfegatati di Beyoncé disposti a spendere 160 dollari per qualcosa che non avete mai annusato prima (senza contare i 35 dollari in più da aggiungere per la spedizione e le tasse). Cé Noir è una fragranza da quasi 200 dollari, un prezzo di gran lunga superiore a qualsiasi altra fragranza di Beyoncé rilasciata in precedenza. I suoi profumi Heat, Rise e Pulse erano tutti molto più accessibili, sia per il costo che per il fatto che si trovavano effettivamente nei negozi. Il prezzo elevato di Cé Noir indica che questo profumo, che secondo Beyoncé “ha richiesto anni di lavoro”, si riflette negli ingredienti e nella formulazione rispetto alle sue precedenti uscite.

Da quando è stato lanciato, Cé Noir è stato accolto da recensioni contrastanti: alcuni lo apprezzano, altri non ne sono entusiasti e altri ancora sono contenti che qualcosa per cui hanno speso quasi 200 dollari senza sentirne l’odore abbia un buon profumo. Io non sono innamorata pazza. Ecco perché.

La confezione

Cé Noir si presenta in una scatola pesante con un copridivano color argento cromato su cui è impresso il nome della fragranza. Rimuovendolo, si scopre una scatola bianca con un cerchio argentato a specchio. Apritela e troverete il flacone, racchiuso nel suo supporto.

Il colore dell’epoca rinascimentale di Beyonce è l’argento e Cé Noir è perfettamente in tema. La bottiglia è completamente cromata, con un’architettura in stile Art Déco sormontata da un tappo a mezzaluna. Il retro del flacone presenta una piccola finestra circolare, che Beyonce definisce “l’anima del profumo”, in modo da poter vedere il succo all’interno.

Mentre il flacone in sé ha un buon peso, il tappo non sembra altrettanto pesante, così come il supporto di plastica su cui il flacone dovrebbe poggiare quando è esposto sul vostro vanity. Il supporto, tra l’altro, per quanto possa sembrare frivolo, è davvero bello quando è esposto. Lo tengo.

Longevità

Per 200 dollari, è meglio avere qualcosa che abbia una buona durata e Cé Noir ce l’ha. Quando l’ho indossato, l’ho spruzzato sui vestiti e sulla pelle. Il profumo mi è durato quasi un’intera giornata lavorativa, circa sette ore. Se vi piacciono i profumi che evaporano rapidamente (eppure a qualcuno piace), questo non fa per voi. Quando indosserete Cé Noir, ne sentirete il profumo per tutto il giorno.

I miei pensieri sinceri su Cé Noir di Beyoncé

Al primo spruzzo, ho sentito una forte esplosione di agrumi, dolci e aspri, con un bouquet di rose che indugiava sullo sfondo. Man mano che la clementina si addolciva, la nota di miele era quella che risaltava al mio naso. È dolce, ma non stucchevole. È come il miele vero e proprio, in quanto aggiunge sapore – come al tè – al profumo complessivo.

Una volta che Cé Noir si è asciugato sulla mia pelle, ho potuto sentire il profumo di rosa in modo molto distinto e la dolcezza del miele è rimasta leggermente inalterata. È piacevole e familiare. Mi ha ricordato immediatamente il profumo Delina, il più venduto di Parfums de Marly, anche se quello di Beyonce è un po’ più incisivo con la rosa, che al mio naso risulta un po’ tagliente e astringente con la clementina. Alcuni redattori di Allure hanno paragonato Cé Noir al Baccarat Rouge 540 della Maison Francis Kurkdjian, famoso su TikTok, in termini di dolcezza.

Prima di annusarlo, mi aspettavo che Cé Noir fosse un profumo più gourmand, viste le note, quindi sono rimasta sorpresa da quanto questa fragranza sia floreale. Detto questo, se non amate i profumi di rosa o floreali, questo non farà per voi. E come fan di Beyoncé, dei profumi floreali (rosa, in particolare) e delle note gourmand con una certa ricchezza, Cé Noir dovrebbe essere proprio il mio genere. Ma non è così.

Cé Noir ha un odore piacevole e inoffensivo, e questo è il mio problema principale. Tra le poche cose che Beyoncé ha detto sul profumo nel suo video di presentazione, spicca il fatto che voleva creare una fragranza “monolitica”. È esatto. Ha l’odore di una persona che si sente a proprio agio con l’uniformità e l’uniformità, il che non è in linea con l’atmosfera del Rinascimento.

L’era del Rinascimento consiste nel celebrare i contributi dei neri queer all’arte, alla cultura e alla nostra vita personale. Beyoncé ha dedicato l’album al suo defunto zio Johnny, morto per complicazioni legate all’AIDS quando lei aveva 17 anni. Renaissance parla di trovare la gioia nella disperazione, di trovare una comunità come outsider. Non c’è nulla in questo profumo che mi faccia pensare a un “outsider”.

Piuttosto, mi fa pensare al tipo di persona – una donna, in particolare – che rappresenta lo status quo. Non in modo nefasto. È una ragazza simpatica, ha un buon profumo. È amichevole ed educata, ottimista e inoffensiva. Ha sempre fatto quello che ci si aspettava da lei, e le va bene così perché è quello che vuole fare. Ma non ha mai dovuto lottare per qualcosa, tanto meno per essere accettata.

È la sensazione di sicurezza di questo profumo che mi spiazza. È luminoso e femminile, ma per un prodotto chiamato Cé Noir mi aspettavo qualcosa di più misterioso. È un profumo altamente femminile, ma mi sarei aspettata qualche nota più piccante per dargli un tocco in più. Se volete profumare come un bouquet di rose, per tutto il giorno, Cé Noir è da aggiungere alla vostra collezione. Ma se vi aspettavate qualcosa di unico, per prendere in prestito una parola di “Alien Superstar” di Beyoncé, potreste non trovarlo qui.

Related Articles

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles