sabato, Giugno 22, 2024

Georgia: presidente pone il veto alla legge sugli agenti stranieri

Il presidente della Georgia Salome Zourabichvili pone il veto alla legge sugli agenti stranieri. Il veto tuttavia può essere annullato da un voto in Parlamento.

Georgia: presidente pone veto alla legge russa

Il presidente georgiano Salome Zourabichvili ha posto il veto alla legge sugli agenti stranieri, la cosiddetta legge russa che ha scatenato proteste di massa in tutto il paese. Il disegno di legge era stato approvato il 14 maggio dal parlamento georgiano. “Oggi ho posto il veto sulla legge, che è russa nella sua essenza, e che contraddice la nostra costituzione”, ha detto Zourabichvili in un discorso televisivo. Gli oppositori del disegno di legge paragonano la legislazione alle leggi russe che reprimono il dissenso, comprese le entità che il Cremlino considera “agenti stranieri”, come la Fondazione anticorruzione del defunto oppositore russo Alexei Navalny.  Il veto può essere annullato da un altro voto in Parlamento.

Cosa prevede il disegno di legge?

La legislazione obbliga le organizzazioni no-profit e i media a registrarsi come “agenti di influenza straniera” se oltre il 20% dei loro finanziamenti proviene dall’estero. Secondo la legislazione, le organizzazioni sarebbero anche attentamente monitorate dal Ministero della Giustizia georgiano. Se le organizzazioni non si registrano, potrebbero incorrere in gravi sanzioni finanziarie. Il disegno di legge ha suscitato la reazione negativa dei gruppi della società civile, che ritengono che sarebbe impossibile sopravvivere senza finanziamenti esteri.


Leggi anche: Georgia: parlamento approva la “legge russa”

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles