sabato, Giugno 22, 2024

Elon Musk non ne può più dell’intelligenza artificiale politicamente corretta

(Adnkronos) – Elon Musk è stato di nuovo protagonista di VivaTech, l'evento tecnologico parigino in svolgimento in questi giorni. Dopo la partecipazione in persona l'anno scorso, quest'anno il CEO di SpaceX e Tesla ha optato per una videoconferenza. Per circa un'ora Musk ha dialogato con Maurice Lévy, fondatore dell'evento, e ha risposto alle domande del pubblico, che ha avuto l'opportunità di porre quesiti di massimo 15 secondi. Tra le numerose tematiche trattate, la visione di Musk sull'intelligenza artificiale ha catturato particolare attenzione. Musk ha espresso preoccupazioni sulle IA generative che potrebbero deviare dalla verità per seguire una linea politicamente corretta. “È cruciale che l'IA sia addestrata per essere onesta e non per conformarsi al politically correct, che spesso è semplicemente falso”, ha dichiarato Musk con fermezza.  Musk non ha risparmiato critiche alla IA Gemini di Google, rovinata a suo dire dalla ricerca di non discriminare nessuno. Ha ribadito che la sua xAI si impegna a creare un'intelligenza artificiale il più precisa possibile, anche a costo di risultare impopolare. “La verità, la verità, la verità”, ha enfatizzato ripetutamente durante la sessione, sottolineando la sua determinazione a perseguire l'accuratezza sopra ogni altra cosa. Nonostante Musk abbia riconosciuto che xAI non è ancora pronta a competere con giganti come OpenAI o Google, si è detto fiducioso che presto lo sarà. Ha sottolineato che la questione della sicurezza diventerà cruciale una volta che la loro IA sarà competitiva. Secondo fonti come Bloomberg e il New York Post, xAI sarebbe vicina a chiudere una raccolta fondi che la valuterebbe tra i 18 e i 20 miliardi di dollari, con un supporto significativo da parte di investitori come Sequoia Capital. La videoconferenza non è stata priva di imprevisti tecnici. Musk ha dovuto affrontare una momentanea interruzione della connessione che ha lasciato il pubblico in sospeso per oltre tre minuti. Nonostante l'inconveniente, il miliardario è tornato sullo schermo gigante di VivaTech, riprendendo la sessione con la consueta energia. L'intervento virtuale di Elon Musk a VivaTech 2024 ha offerto una visione chiara e decisa sulle sue idee riguardo l'intelligenza artificiale e i progetti futuri di xAI. Tra gli argomenti toccati, Musk si è detto "preoccupato" riguardo agli effetti dei social network soprattutto sui più piccoli. Secondo Musk, che è proprietario dell'ex Twitter, i social sono solamente uno strumento destinato a "massimizzare la dopamina" (anche chiamata "ormone della felicità") rilasciata nel cervello quando si guarda lo schermo. "Esorto i genitori a limitare i social network per i loro figli", ha detto. Sul suo rapporto con la stampa, taglia corto: "Non leggo gli articoli su di me. Quello che si dice è spesso caricaturale", ha affermato. "I media sono una macchina per massimizzare i clic, non per massimizzare la verità". Musk ha poi affrontato il tema degli impianti cerebrali, sperimentazione che sta seguendo da vicino con la sua Neuralink: "Il potenziale è quello di rianimare i vari arti di un corpo," riassume. "Questa tecnologia, un giorno, potrebbe ad esempio permettere a una persona che ha perso l'uso delle gambe di tornare a camminare".  —[email protected] (Web Info)

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles