venerdì, Aprile 19, 2024

Che stagione dell’armocromia sei?

Vi siete mai chiesti quali sono i colori amici e quelli che non sono adatti ed è preferibile non indossare? Si tratta di comprendere e applicare la teoria dell’armocromia che è una vera e propria scienza che consente di individuare correttamente le proprie caratteristiche poter scoprire che stagione dell’armocromia sei e quali palette è possibile indossare a seconda della categoria a cui si appartiene. Andiamo a saperne di più e a conoscere le stagioni dell’armocromia.

Cos’è l’armocromia?

Che stagione dell’armocromia sei? Dopo aver risposto a questa domanda, anche tu scoprirai a quale categoria appartieni per orientarti nei colori sia da indossare come capi d’abbigliamento sia come make up. Infatti, l’armocromia è una vera e propria scienza che consente di individuare correttamente le proprie caratteristiche poter scoprire che stagione dell’armocromia sei e quali palette è possibile indossare a seconda della categoria a cui si appartiene.

Dunque, è possibile capire quali sono i colori amici, cioè quelli che valorizzano la propria immagine e che dovremmo tenere presente nella scelta dei colori dei capi d’abbigliamento, dei capelli e del trucco. Come pure scoprire i colori nemici, cioè quelli da evitare per il rischio di spegnerci.

Caratteristiche dell’armocromia

L’armocromia ha il compito di analizzare il colore. Fa scoprire le tinte adatte per sé e punta il dito contro i colori nemici.

Essa divide le persone in quattro categorie che rappresentano dei macro-gruppi. Sono chiamate ‘stagioni’, e sono quattro. I loro nomi prendono spunto dalle stagioni del calendario: inverno, primavera, estate e autunno.

Oltre a queste, esistono tre sottogruppi per ogni stagione. In tal modo si hanno a disposizione sedici possibilità per scoprire la propria palette amica.

Ciò non vuol dire escludere dal proprio abbigliamento o dal colore dei capelli determinate tinte e restano incasellatati dentro schematismi. Bensì, è un ulteriore vantaggio per utilizzare i colori adatti a sé in modo da risultarne valorizzati. Quindi, come valore aggiunto.

Ad ognuno la sua stagione

Inverno, primavera, estate e autunno sono appellativi che per queste categorie nascono dall’ispirazione dei colori della natura e dalle sfumature che si originano durante il susseguirsi delle stesse.

Individuare la stagione a cui si appartiene significa aver analizzato le caratteristiche cromatiche di ciascuno. Come avviene?

E’ necessario che ognuno sappia se il proprio incarnato è caldo o freddo e questo corrisponde alla temperatura del proprio sottotono di pelle. Poi bisogna considerare se il complesso cromatico di ciascuno è chiaro o scuro, e questo è detto ‘valore’. Ancora, si va a conoscere il contrasto che deriva dalla triade pelle–capelli–occhi. Come pure l’aspetto della brillantezza, detta ‘intensità’ dei propri colori.

Inverno

Appartengono a questa stagione quelli che hanno il sottotono di pelle freddo, un valore cromatico tendenzialmente scuro e un’intensità di colori alta. Ad esempio, persone con capelli scuri e pelle chiara, con contrasti elevati.

I colori amici sono quelli dalle tonalità fredde e brillanti. Dal nero al blu, viola, indaco, rosso, lime e verde smeraldo.

Primavera

Comprende persone con sottotono di pelle caldo, valore cromatico chiaro e intensità di colori alta. Ad esempio, incarnati luminosi e complessi cromatici chiari e molto brillanti.

I colori amici sono rappresentati dalle tonalità luminose, calde e brillanti, come il blu e il color cammello, il rosso corallo, il color pesca, il verde menta e mela, il turchese.

Estate

Appartengono a questa stagione quelli che hanno un sottotono di pelle freddo, un valore cromatico chiarissimo a livello di pelle-occhi-capelli e un’intensità bassa.

I colori amici sono le tinte fredde e delicate. Ad esempio, grigio e e tortora. E ancora le tinte pastello, il rosso anguria e lampone, verde salvia.

Autunno

Comprende persone con sottotono caldo, valore cromatico scuro e intensità bassa.

Tra i colori amici ci sono il marrone intenso e il giallo oro. Ancora, il verde foresta, muschio e oliva. Rosso, arancione e curry.

Conclusioni

Abbiamo scoperto attraverso la scienza dell’armocromia che individuare e conoscere le proprie caratteristiche cromatiche è fondamentale per capire la propria palette amica, cioè l’insieme delle tinte e tonalità che possono valorizzare la propria immagine, a prescindere dai colori di tendenza.

https://www.periodicodaily.com/tagli-capelli-donna-di-tendenza-2024/

Donatella Palazzo
Donatella Palazzo
Psicologa individuale, familiare e di coppia, e scrittrice. Sessoanalista (Istituto Italiano di Sessoanalisi e Dinamiche Sessuali). Specialista delle Risorse umane. Progettista in ambito sociale e scolastico. Membro dello Staff della Casa Editrice Noitrè. L'attività comprende, tra l'altro, la valutazione dei contributi di prossima pubblicazione, l'organizzazione degli eventi da presentare al pubblico e altro in ambito culturale.

Related Articles

- Advertisement -spot_img

Latest Articles