Xiol, scoperta la città Maya dello spirito dell’uomo

Palazzi e piccole abitazioni in stile Puuc caratterizzano il centro nello Yucatan

0
266

Xiol era una città di 4mila abitanti caratterizzata dall’architettura in stile Puuc che si è sviluppata tra 600 e 900. Scavi archeologici hanno riportato alla luce edifici e sepolture di un centro maya di rilievo per dimensioni e strutture.


Canoa Maya rinvenuta in un antro con dipinti murali


Come è avvenuta la scoperta dei resti di Xiol?

Nel 2018 in un cantiere per un parco industriale vicino alla città di Merida, sulla costa settentrionale dello Yucatan. I responsabili dei lavori hanno poi contattato gli archeologi dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) che hanno individuato tracce materiali di un’antica città. I resti di edifici permettono di delineare l’aspetto di un centro in cui si potevano riconoscere palazzi e abitazioni per persone meno agiate. Le case erano più piccole.

Architettura Puuc

Il metodo edilizio degli edifici è riferibile al tardo periodo classico. Le costruzioni sono realizzate con pietre impiallacciate e fermate da cemento. Di solito la parte inferiore delle facciate era formata da sassi rettangolari scanditi da portali. Invece, al di sopra si trovano decorazioni a mosaico, geometrie e sculture. Spesso compaiono tra gli ornamenti anche maschere del Dio della pioggia Chaac.

Le sepolture

Gli archeologi hanno trovato i corpi di 15 adulti e bambini nell’area di scavo. I resti erano sepolti con ossidiana, proveniente dall’odierno Guatemala, e altri effetti personali. C’erano anche vasi, recipienti in ceramica e strumenti in pietra focaia.

I reperti di Xiol

I ricercatori possono già dichiarare che gli abitanti della città Maya erano dediti all’agricoltura e alla pesca. Infatti, sono emersi anche parti di pesci che la comunità prendeva dalla vicina costa. Gli archeologi hanno notato che la città è cresciuta per secoli, ma poi molti dei resti archeologici sono andati distrutti. Tuttavia sono sorpresi perché non si aspettavano di trovare un sito così ben conservato.