Wuhan meta di vacanze: la città focolaio rievoca i turisti

0
445

Da dove tutto ha avuto un aspro inizio, adesso si rincorre verso una fine felice. La città cinese Wuhan, originario e decisivo focolaio della pandemia, è stata segnata per sempre dopo il primo caso di virus registrato nel dicembre 2019. L’obiettivo ora è una ripresa non soltanto economica ma anche e soprattutto sociale. E il ferito settore del turismo esige la priorità facendo diventare Wuhan meta di vacanze.

Wuhan meta di vacanze punta sui turisti: come attirarli?

Città focolaio e poi fantasma, circa un anno fa ha raggiunto nell’immediato gli orecchi del mondo intero, senza che il mondo ci si avvicinasse neanche per sbaglio. Non richiesta tanto meno gradita, la sua fama dopo il primo caso accertato Covid è stata premonitrice per l’intero pianeta all’alba dello scoppio della pandemia. Ma dopo un infelice trascorso, da maggio 2020 non si sono più registrati casi di positività al virus nella città cinese. Un segnale promettente per una buona ripartenza. Wuhan non esita: una efficace campagna turistica darà una forte spinta all’afflusso di visitatori. Recentemente alcuni studi hanno rivelato che Wuhan è nella categoria preferenziale per i molti connazionali che dopo la pandemia avessero deciso di intraprendere un viaggio. E si prepara al meglio per diventare, da città deserta, a città sogno.

Turisti prima di tutto cinesi

Pensando ai visitatori e turisti nelle mete più ambite si è portati ad includere solo quelli che sono stranieri in vacanza in un paese solitamente estraneo e lontano da quello di origine. Ma non meno interessata è la cerchia che racchiude i turisti interni. Il caso di Wuhan è un ottimo esempio che conferma l’esistenza di un attivo movimento di viaggiatori cinesi nell’area della Repubblica. E proprio in quanto città focolaio ha fatto della sua triste notorietà anche la sua fortuna. Dopo mesi di reclusione, Wuhan è diventato punto di riferimento e attrazione per i cinesi incuriositi di conoscere una realtà tanto surreale quanto vicina.

La natura trionfante nella città che rinasce

La città di Wuhan ha circa 9 milioni di abitanti, più o meno quanto New York o Londra. È capoluogo della provincia di Hubei nell’area centrale della Cina e una delle città più popolose della zona. “Let’s meet in Wuhan” è il titolo del video pubblicato dall’Ufficio Cultura e Turismo della città. Tutte le bellezze dei paesaggi sono abbracciate da una natura rigogliosa e affascinante immortalata in immagini e filmati. Una piccola opera d’arte per coccolare, rubandolo, lo sguardo dei viewers, potenziali turisti futuri, e incantarli. Il clima mite caratterizzato da estati calde e umide è condensato in pochi minuti di scatti uniti al movimento e accompagnati da una voce che ripete “How beautiful you are” nella canzone in sottofondo. La posizione geografica in cui si trova Wuhan è perfetta per gli amanti del verde: immersa dal fascino del paesaggio fluviale è punto di incontro anche per artisti e ballerini come quelli ripresi nelle inquadrature del video.

Vacanze di Natale da soli: cinque modi per festeggiarle

Storia e luoghi di interesse a Wuhan meta di vacanze

La città vanta la sua bellezza anche grazie ad una ricca vastità di monumenti di architettura religiosa e civile, di epoca e stili diversi. Una peculiarità che distingue Wuhan sono i numerosi ponti che collegano i tredici distretti in cui è suddivisa dove si concentra l’area metropolitana composta da tre centri principali. I due fiumi attraversano, dividendola, tutta la zona. Lontanissime sono le origini del capoluogo cinese che attira a sé gli appassionati di storia e i cultori di arte e antichità. Per non parlare di tutti gli amanti della cultura orientale assetati di paesaggi fantastici e quasi utopici così come dei luoghi simbolo della città che possono destare interesse anche per chi è di casa.

Commenti