World Breaking news del 10 agosto 2020

Ecco le ultime notizie dal mondo del 10 agosto 2020.

0
236
20 ottobre 2020
World Breaking news (periodicodaily)

Oggi, 10 agosto 2020, ci giungono nuove notizie dal mondo.

World last news del 10 agosto 2020

Afghanistan: approvata la liberazione di 400 talebani

La grande assemblea afgana ha approvato la liberazione di 400 talebani. La decisione è arrivata dopo 3 giorni di una Loya Girga, una assemblea degli anziani. Questa ha avuto lo scopo di rimuovere gli ostacoli per l’avvio dei negoziati di pace, fermare lo spargimento di sangue e per il bene dei cittadini.

Inoltre la decisione prevede che i talebani stranieri si consegnino al paese di provenienza.

Hong Kong: arrestato il tycoon Jimmy Lai

Il tycoon Jimmy Lai è stato arrestato con il sospetto di violazione della nuova legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong.

La polizia ha riferito di aver effettuato sette arresti con l’accusa di “collusione con forza straniere e cospirazioni per commettere frodi”.

Lai è tra le figure di maggior rilievo del fronte democratico dell’ex colonia, a capo dell’impero dell’editoria sotto la holding Next Digital.


Arrestato Jimmy Lai, magnate dei media di Hong Kong


Niger: Macron indice il consiglio di Difesa

Dopo un attacco in Niger che è costato la vita a 8 persone, di cui 6 francesi, il presidente Macron ha indetto un consiglio di Difesa per domani.

L’Eliseo riferisce che Macron e l’omologo nigerino Issoufou vogliono chiarire le circostanze dell’attacco mortale e ribadire la loro determinazione a continuare la lotta contro i gruppi terroristici nel Sahel.

Grecia: tempesta colpisce l’isola Eubea

Una forte tempesta ha colpito l’isola greca di Eubea. Nell’incidente sono morte 7 persone, tra cui una coppia di anziani e un bambino. A riferirlo sono le autorità greche.

Una persona risulta scomparsa, mentre altre sono intrappolate nelle acque alluvionali nelle loro case e nelle loro auto.

Australia: casi covid rallentano, ma è picco di morti

Le autorità sanitarie australiane hanno registrato il più grande aumento giornaliero di morti per coronavirus. Tuttavia i casi hanno subito un rallentamento. Quest’ultima notizia lascia aperta la speranza che lo stato di Victoria possa aver raggiunto il picco della sua seconda ondata.

I casi di covid delle ultime 24 ore sono 337, mentre i morti 19, questi ultimi tutti in Victoria.

Libano: continuano le manifestazioni anti-governative

Centinaia di manifestanti anti-governativi libanesi hanno tentato di forzare i blocchi nella zona del Parlamento. Tante altre dimostrazioni proseguono dopo l’esplosione della scorso martedì che ha devastato la città di Beirut. Nei disordini, un poliziotto è morto. Ci sono inoltre stati 20 arresti e 750 feriti.

Intanto, si allunga la lista dei parlamentari che danno le loro dimissioni. Dopo le dimissioni del deputato Frem e del ministro dell’Informazione Samad, lasciano anche il capo del Movimento d’Indipendenza Moawad e il ministro dell’Ambiente Kattar.

Ieri avano già abbandonato tre parlamentari di Kataeb e anche un altro deputato. Si è dimesso anche il ministro della Giustizia, Marie-Claude Najem.

Per oggi è prevista la riunione del Consiglio dei ministri presieduta dal premier Hassan Diab. Inoltre, i leader internazionali hanno stanziato 250 milioni di euro per la ricostruzione della capitale libanese.

Bielorussia: alle elezioni vince ancora Lukashenko

Dopo che i primi exit poll hanno dato per vincitore il presidente uscente Alexander Lukashenko, a Minsk sono scesi in piazza i manifestanti, che si sono scontrati con le forze dell’ordine. La polizia ha utilizzato granate stordenti, ferendo numerosi dimostranti. Nelle proteste ci sarebbero anche un morto e dozzine di feriti.

Inoltre, i media riferiscono che ci sono stati 120 arresti, anche tra i giornalisti stranieri. In tutto il Paese internet funziona male e i servizi di taxi sono fuori uso.

Secondo i dati del ministero dell’Interno, 3 mila persone sono ora in stato di fermo per le proteste.

La candidata dell’opposizione Svetlana Tikhanovskaya rifiuta l’esito dello spoglio. Infatti dichiara: “Ieri gli elettori hanno fatto la loro scelta, ma le autorità non ci hanno ascoltato. Ora devono pensare a come consegnarci pacificamente il potere”.

Il presidente russo Putin si congratula con Lukashenko per la vittoria. Invece, l’Unione Europea invita a mantenere la calma a ad ascoltare anche la voce dell’opposizione.

Commenti