Wizz Air: la compagnia licenzia 1000 persone

0
493
Wizz Air: la compagnia licenzia 1000 persone

La più grande compagnia aerea low cost d’Europa, Wizz Air, è diventata l’ultima compagnia aerea a tagliare il personale nel tentativo di ridurre i costi.

LEGGI ANCHE: Lufthansa: taglio ai voli lowcost
Coronavirus: come saranno i viaggi in futuro?

La crisi dell’aviazione

La compagnia aerea ha dichiarato di non poter fornire alcuna guida per il suo nuovo anno finanziario. Ha annunciato l’intenzione di tagliare 1.000 posti di lavoro – circa un quinto della sua forza lavoro totale – oltre ridurre gli stipendi per il personale rimasto e restituire velivoli noleggiati più vecchi. Con circa 1,5 miliardi di euro di liquidità a portata di mano, tuttavia, la compagnia aerea è una delle più sicure in Europa e dovrebbe sopravvivere alla crisi.

Wizz Air ha appena terminato il suo ultimo anno fiscale, il 31 marzo, e ha reso noto che serviranno 70-80 milioni di euro per coprire le perdite.

Si aspetta, di conseguenza, un utile netto complessivo di 270-280 milioni di euro per il periodo 2019-2020.

Come sopravvivere alla crisi?

L’amministratore delegato József Váradi e gli altri dirigenti senior percepiranno una riduzione del 22% delle entrate dell’anno. gli stipendi dei piloti, dell’equipaggio di cabina e del personale amministrativo saranno ridotti in media del 14%. “Abbiamo preso varie iniziative per proteggere la posizione dell’azienda in modo controllato”, afferma Varadi, aggiungendo che Wizz sta rivedendo la “competitività e allocazione” delle attività.

“Stiamo inoltre lavorando per migliorare ulteriormente la nostra posizione strategica, in termini di costi e liquidità all’indomani di questa crisi per garantire che possiamo raggiungere il nostro obiettivo di crescita a lungo termine”.

Wizz Air aiuta durante l’emergenza sanitaria

Wizz Air sta attualmente operando solo al tre per cento della sua capacità pre-crisi. La compagnia aerea con sede a Budapest, tuttavia, ha rimpatriato i cittadini e trasportato attrezzature mediche per i governi dell’Europa orientale.

“Cerchiamo di fare la cosa giusta”, ha detto Váradi a Reuters la scorsa settimana. “Sì, i governi e le altre istituzioni pagano per i voli, ma non è il momento di realizzare un profitto. Il problema più importante qui è di aiutare. “

Wizz ha persino operato voli di salvataggio per gli ungheresi che vivono negli Stati Uniti, anche se la compagnia aerea normalmente non vola su rotte transatlantiche.

Commenti