La censura sulla più famosa app di social media cinese WeChat si estende agli utenti al di fuori della Cina, secondo i test condotti da The Epoch Times.

La censura al di fuori della Cina

Lo stretto controllo di WeChat da parte della Cina si estende anche agli utenti stranieri che normalmente non sono soggetti alle pratiche di censura del regime. L’app sviluppata dal colosso tecnologico cinese ha oltre 1,1 miliardi di utenti attivi mensili. Negli ultimi anni ha attirato l’attenzione sui suoi difetti di sicurezza, la mancanza di protezioni per la privacy e il suo uso come strumento per influenzare le elezioni occidentali.

L’applicazione

Nasce nel 2011 come app di messaggistica istantanea. WeChat si è rapidamente estesa in una piattaforma di social media completa. Oltre alla messaggistica, gli utenti possono pubblicare immagini o video su una funzione sociale simile alla linea temporale di Facebook. Possono anche pagare per gli acquisti di tutti i giorni in Cina, giocare e utilizzare altre app all’interno di WeChat.

L’upgrade di Telegram renderà Whatsapp molto noioso

WeChat ha collaborato con il Ministero della pubblica sicurezza cinese per creare un sistema di identificazione digitale, lanciato a livello nazionale nel gennaio 2018. Le carte d’identità elettroniche emesse dall’app possono essere utilizzate al posto delle carte d’identità fisiche emesse dallo stato.

Ha anche introdotto le carte elettroniche di sicurezza sociale, consentendo agli utenti di accedere a regimi assicurativi del settore pubblico.

I test

Per scoprire cosa censura WeChat sugli account creati negli Stati Uniti, The Epoch Times ha registrato due account WeChat. I tester hanno inviato i collegamenti delle pagine Web ai gruppi di chat e li hanno pubblicati su Wechat moment. Il risultato è stato sempre lo stesso. I collegamenti potevano essere inviati e pubblicati, ma non potevano essere aperti da nessun account, nemmeno da quello che li condivideva.

I tester hanno scoperto che WeChat blocca anche altri media in lingua cinese con sede all’estero. Inoltre, in altre occasioni, i tester hanno scoperto che la loro pagina web poteva essere aperta ma nessuno dei collegamenti sulla pagina era attivo: erano semplicemente testo. Dopo circa cinque ore di test WeChat ha chiuso entrambi gli account. L’app ha notificato agli utenti che i numeri di telefono erano stati bloccati e le era stato proibito di registrarsi con WeChat in futuro.

La censura

La censura di WeChat su argomenti ritenuti inappropriati dal regime comunista cinese è ben documentata. Gli argomenti più censurati del 2018 includevano la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, l’arresto del principale responsabile finanziario di Huawei Meng Wanzhou in Canada e la controversia che circonda uno scienziato cinese dietro i primi bambini al mondo modificati da geni.

Studi recenti hanno anche rivelato come l’app utilizza diversi algoritmi per censurare automaticamente le immagini in tempo reale. Dato che la maggior parte dei cinesi che vivono all’estero usano WeChat per comunicare con amici e parenti cinesi, l’app è un utile strumento di propaganda per il regime.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here