Resta aggiornato con le nostre news

  • Ricevi le news più interessanti 
  • Scopri le ultime novità
 
 

“WE TRANSFER” presentata oggi alla “Casa nella Musica” di Napoli

Sarà presentato oggi, domenica 10 febbraio, il nuovo progetto musicale “We Transfer” presso la “Casa della Musica” di Napoli, affianco al “PalaPartenope” e al “VinyLove” – la grande manifestazione dedicata all’amore per il vinile promossa dal Discodays.

Il nuovo progetto è un manifesto di condivisione culturale di “LAP“, il Laboratorio Artigianale di Pazzia, un luogo di incontro e scontro tra alcuni degli artisti più innovatori del panorama culturale italiano. “We Transfer” è dunque ora disponibile online per essere ascoltato, visto e vissuto.

Guarda il primo video condiviso sulla pagina Facebook: http://www.facebook.com/504905363273756/videos/533725090456345/?t=4un

Cosa è LAB?

Un incubatore di idee. La possibilità per musicisti, scrittori, attori, videomaker, e graphic designer di trasmettere attraverso i mezzi contemporanei componimenti non convenzionali attraverso un cortocircuito “peer-to-peer”. Un insieme di idee messe a strati. Un’esperienza dalla chiara e voluta connotazione sperimentale, il “trasferimento” e il “trasferirsi”.

L’idea è dunque quella di creare un’opera audiovisiva basata sul file sharing ed è nata da Nicola Pellegrino – ora Nicodemo – direttore artistico della laber crossmediale XXXV; da Giovanni “Jhonny” Paglioli, che ha mixato tutti i file negli studi della label di Cava dé Tirreni (SA); da Luigi Marmo direttore artistico del festival cinematografico “Linea d’Ombra” di Salerno e che ha curato il montaggio video dell’opera; e infine di Roberto Policastro nonché graphic design.
L’intera opera è stata masterizzata negli USA da Ronan Chris Murphy.

In cosa consiste “We Transfer”?

Sono circa 100 artisti italiani e non che hanno prodotto, attraverso appunto la condivisione di file, musica e video per un totale di 20 minuti con la creazione di un manifesto contemporaneo che esalta il rapporto tra cultura ed era digitale e che favorisce nuove connessioni tra persone e diverse correnti artistiche.

Cinque brani, la sonorizzazione di un viaggio ideale. Versi, deliri, fiati, archi e poi elettronica, musica modale, ritmi, corde e tasti: una quantità enorme di file trasferiti.

Produzioni spontanee di artisti del calibro di: 
Roberto Dell’Era degli “Afterhours”; Kole Laca de “Il Teatro degli Orrori”; Flavio Ferri dei “Delta V”; Marco Fasolo dei “Jennifer Gentle”; Giorgio Consoli frontman dei “Leitmotiv” ed attore di teatro e cinema;Riccardo Tesio dei “Marlene Kuntz”; Anacleto Vitolo; Marcello Colasurdo; Teresa De Sio; Tony D’Alessio del “Banco del Mutuo Soccorso”; Jasmina Tesanovic; Garbo; Giuseppe Fontanella dei “24 Grana”; The Niro;  il dj old school Tony Ponticiello; Domenico Ingenito dei “NoRetro”; Paolo Sessa dei “Malatja”; Gnut; Carmine Ricciardi dei “Malaparte”; Luca “Joe” Petrosino; il producer e voce dei “Soerba” Luca Urbani e tantissimi altri musicisti ed artisti plurimedia.

Per la parte video hanno invece collaborato al progetto fotografi, videomaker, registi del calibro di: Erica De LisioGaetano Del MauroFabio Di DonnaLicio EspositoBransha Gautier; lo stesso Luigi MarmoAntonio MastrogiacomoArturo MuranteEmilio PantulianoClaudio ParentelaLuca PastoreMarcello PetinaFabio RancatiTamara Sherbak;Teatro SospesiMaurizio Venturiero.

We Transfer simboleggia dunque l’opportunità, attraverso la condivisione e la connessione, di raggiungersi creando a distanza. E’ un’esperienza che spinge verso nuovi modi di pensare la produzione e la circolazione delle opere. E’ un nuovo modo di uscire dai circuiti tradizionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *