Wadi Rum Giordania Conosciuto come “La Valle della Luna”

0
538
Wadi Rum Giordania

Conosciuto come La Valle della Luna, il Wadi Rum si estende su quasi 300 miglia quadrate. Un terreno all’interno del deserto giordano meridionale con ampie dune di sabbia rossa. Uno dei luoghi al mondo più affascinati e controversi. Oasi di colore al confine tra sogno e ragione.

Wadi Rum: la finzione della realtà?

Immagina di aprire gli occhi dopo un sonno profondo e ininterrotto, ti fai strada dal letto alla finestra e tirando le tende contempli una vasta tela di dune rosse e altipiani di arenaria. Il tutto si estende a perdita d’occhio, e ti rendi conto che hai passato la notte in uno dei tanti accampamenti sparsi sotto i cieli stellati del Wadi Rum in Giordania. Non importa che tu abbia scelto una tradizionale tenda beduina o una futuristica bolla marziana. Non importa se la calma e la serenità del deserto remoto siano a questo punto realtà o finzione, quello che più importa è l’esistenza sensoriale di questo luogo: un trip senza acido.

Eppure esiste

Conosciuto come La Valle della Luna, il Wadi Rum si estende su quasi 300 miglia quadrate di terreno attraverso il deserto della Giordania meridionale con ampie dune di sabbia rossa, suggestive montagne di arenaria e notevoli formazioni rocciose. Elencato come patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2011, il Wadi Rum è stato iscritto come sito misto naturale e culturale. La sua bellezza ultraterrena ha attirato escursionisti, campeggiatori e amanti della natura da tutto il mondo. Il ricco patrimonio culturale della zona che ripercorre l’esistenza umana nella regione già da 12.000 anni fa, lo rende una destinazione ideale per gli appassionati di storia. Il Wadi Rum venne fatto conoscere in Occidente dall’ufficiale britannico T. E. Lawrence, comunemente noto come Lawrence d’Arabia. Lawrence fece di tutta l’area la sua base militare e sede durante la rivolta araba del 1917-1918.

Wadi Rum: mi ci alcoolizzerei

Non solo storia, ma anche gossip e arte, non solo uno straordinario paesaggio desertico rappresentato nel film epico del 1962 “Lawrence d’Arabia”. È stata anche la location delle riprese del film del 2015 “The Martian”, che vedeva il Wadi Rum come il pianeta rosso, e più recentemente è apparso in “Aladdin” e “Star Wars: The Rise of Skywalker” della Disney. Puoi esplorare il suo sbalorditivo paesaggio dal retro di una jeep o dalla cima di un cammello, per un’esperienza più avvincente. Il lungo e stretto Khazali Canyon ospita incredibili e antichi petroglifi e iscrizioni della società preistorica nabatea. Una parte del canyon è accessibile a tutti i visitatori, ma gli scalatori esperti e attrezzati possono godere di cose nascoste al visitatore comune. L’ampio Barrah Canyon è un’altra delle popolari destinazioni escursionistiche del Wadi Rum che costituirebbe una straordinaria avventura di trekking. Insomma un luogo estremo e unico.


Turismo virtuale in Africa


Commenti