Pronti, via e il nuovo anno si apre subito con i botti in Superlega. Earvin Ngapeth, schiacciatore di Modena, inaugura come meglio può il proprio 2018 stabilendo, nella gara vincente contro la Biosì indexa Sora, un nuovo record di ace, ben 12, spodestando dal trono Mitja Gasparini, detentore del primato dal 2011 con 11 ace.

La seconda giornata di ritorno di Regular Season disputata tutta d’un fiato in seguito al primo gennaio, non ha scalfito il potere delle regine della classe, con Perugia che continua a guardare tutte dall’alto verso il basso, con il pressing costante della Lube Civitanova ad una sola lunghezza di distanza (38) e l’Azimut Modena a tre (36). Con l’inizio del nuovo anno anche la Diatec Tentino ritrova la dimensione che le spetta, ovvero agganciata alle tre super potenze del campionato. Con la vittoria interna sulla Kioene Padova, il sestetto guidato da Lorenzetti si conferma in splendida forma, tanto da risalire posizioni su posizioni e ritrovarsi ora quarta a quota 27 punti. Nella seconda di ritorno anche la Revivre Milano scala posizioni (sesta a 25 punti) avendo compito l’exploit esterno nel derby contro la Gi Group Monza (1-3). Vittorie anche per Latina (in casa) e Piacenza (esterna a Vibo).

L’analisi della seconda giornata di ritorno di SuperLega parte proprio dalla capolista Sir Safety Conad Perugia che trova i primi tre punti del 2018 superando in quattro set, in un gremito PalaEvangelisti, la Calzedonia Verona confermandosi in vetta alla campionato. Match duro per i Block Devils di Lorenzo Bernardi che vengono a capo di una contesa per larghi tratti in equilibrio. Perugia sfrutta la vena dell’Mvp Russell (21 punti con il 79% in attacco) e del neo papà Zaytsev (anche il libero Cesarini da poco papà) e Verona che controbatte con i servizi e gli attacchi di Stern e di Manavi. I padroni di casa, però, nel terzo e quarto set sono più cinici (ottimo anche l’ingresso del croato Andric, con 9 punti, per Atanasijevic) e concreti nei palloni caldi. Il tocco di seconda intenzione di De Cecco chiude il match mandando in visibilio il pubblico bianconero.

Agli umbri rispondono prontamente anche i marchigiani della Cucine Lube Civitanova, capaci di imporsi a Ravenna contro la Bunge in soli tre set facendo presto dimenticare lo scivolone bruttissimo occorso nella sfida contro Castellana Grotte. Al Pala De Andrè è andata in scena una sfida a senso unico, in cui i campioni della Lube non lasciano nemmeno le briciole, guidati egregiamente dalle mani del proprio palleggiatore Micah Christenson (Mvp del match) che assiste in maniera impeccabile il proprio opposto Tsvetan Sokolov (top scorer con 15 punti).

Così come Civitanova, non perde colpi neanche l’Azimut Modena che in quattro set si sbarazza del fanalino di coda Biosì Indexa Sora. Dopo un primo set di ambientamento in cui i frusinati riescono addirittura a imporsi 25-27, dal secondo in poi al Pala Panini la musica cambia. I padroni di casa prendono in mano le redini del gioco, grazie anche al protagonista indiscusso non solo della singola partita, ma dell’intera giornata: Earvin Ngapeth. Lo schiacciatore francese in maglia gialloblu, con i suoi 26 punti e i 12 ace messi a referto (record assoluto) spiana la strada del successo ai canarini.

La Diatec Trentino conquista l’ottava vittoria consecutiva in SuperLega, confermando al tempo stesso la favorevole tradizione con Padova. Quella odierna, nello scontro diretto per il quinto posto in classifica, è stata la diciottesima vittoria di fila della compagine gialloblù sui veneti, che contro i trentini non vincono da quasi 13 anni. La Kioene ha avuto un’occasione per interrompere la serie negativa nel secondo set, ma non l’ha saputa sfruttare. Avanti 7-0 e poi anche 21-18, gli uomini di Baldovin si sono smarriti nel momento decisivo, non cogliendo l’opportunità di pareggiare i conti dopo l’ottimo avvio dei padroni di casa. Perso quel parziale ai vantaggi, anche per meriti specifici dei trentini, trainati dai ficcanti servizi di Eder, la Kioene ha lasciato la scena agli avversari che nel terzo periodo sono tornati a esprimersi ad alti livelli pur dovendo fare a meno di Kovacevic (risentimento addominale) e non potendo contare sui miglior Giannelli (influenzato) e Hoag (dolorante alla schiena). Gli oltre 3.500 spettatori del PalaTrento non si sono accorti delle imperfette condizioni fisiche della Diatec Trentino che con lo stesso centrale brasiliano (mvp), Teppan e il canadese (best scorer) sono stati comunque molto bravi a portare a casa il primo 3-0 casalingo della stagione in SuperLega.

Così come i trentini, anche la Revivre Milano apre il proprio 2018 col botto facendo suo il derby lombardo contro la Gi Group Monza. La formazione di Giani, dunque, espugnando la Candy Arena, riesce a far sua anche la sfida diretta del ritorno, lasciando alla formazione brianzola il rimpiando di aver disputato un set di livello per poi spegnersi colpo dopo colpo ai meneghini trainati dai 29 punti del solito Adbel-Aziz. La Revivre ora occupa la sesta piazza con 25 punti, un punto dietro alla sconfitta Calzedonia Verona e avanti di due sulla Lpr Piacenza che si è imposta 1-3 sul campo della Tonno Callipo Vibo Valentia. 

Vittoria dal significato relativo anche per la Taiwan Excellence Latina, che in tre set si sbarazza della BCC Castellana Grotte. Un match di bassa classifica che vede gioire i laziali sui pugliesi, ora distanziati, con questa sconfitta di ben 8 punti. Nel caso la Mater Volley si fosse imposta su Latina, avrebbe potuto diminuire il gap da quest’ultima sul meno due e superare Vibo, invece ora continua ad occupare la penultima posizione con alle spalle la sola Sora ad un solo punto di distanza.

Risultati 2ª giornata ritorno SuperLega
Bunge Ravenna – Cucine Lube Civitanova 0-3 (17-25, 20-25, 9-25)
Sir Safety Conad Perugia – Calzedonia Verona 3-1 (25-19, 26-28, 25-18, 25-22)
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – Wixo Lpr piacenza 1-3 (25-23, 25-23, 18-25, 19-25)
Diatec Trentino – Kioene Padova 3-0 (25-14, 27-25, 25-17)
Azimut Modena – Niosì Indexa Sora 3-1 (25-27, 25-15, 25-20, 25-20)
Gi Group Monza – Revivre Milano 1-3 (25-14, 23-25, 21-25, 16-25)
Taiwan Excellence Latina – BCC Castellana Grotte 3-0 (25-16, 25-15, 25-20)

Classifica
Sir Safety Conad Perugia 39, Cucine Lube Civitanova 38, Azimut Modena 36, Diatec Trentino 27, Calzedonia Verona 26, Revivre Milano 25, Wixo LPR Piacenza 23, Kioene Padova 23, Bunge Ravenna 23, Gi Group Monza 15, Taiwan Excellence Latina 15, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 9, BCC Castellana Grotte 7, Biosì Indexa Sora 6.

Un incontro in meno: Calzedonia Verona, Taiwan Excellence Latina.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here