Volkswagen Golf verso la pensione: chi la sostituirà?

0
330

Non c’è ancora una data, ma la Volkswagen Golf potrebbe presto andare in pensione. La domanda è: chi la sostituirà?

Quale sarà il futuro dopo la Volkswagen Golf?

Di sicuro sappiamo che l’ultima Volkswagen Golf uscirà in concomitanza con la fine dell’ottava generazione. La storia di questo modello è lunga e costellata di successi, a partire dagli anni 70: proprio per questo ci si domanda come mai non si sia voluta prolungare sino alla nona generazione. Probabilmente, però, il motivo è più semplice di quanto di potrebbe pensare, cioè che l’azienda vorrebbe puntare sull’elettrico.


Diess AD Volkswagen testa personalmente ID.3


Matite eccellenti

Se ripercorriamo la vita della Volkswagen Golf, ci renderemo conto che ha sempre portato firme autorevoli. Nella primissima generazione la mano era quella di Giorgetto Giugiaro; nella sesta di Walter De Silva; nella settima di Flavio Manzoni. Una peculiarità di quest’auto è quella di maturare e migliorare sempre nel tempo, cominciando con le misure. La prima serie, nel 1974, arrivava a 3,70 m di lunghezza e 1,60 di larghezza; dalla terza generazione sfondava il tetto dei 4 metri. Questi aumentavano a 4,20 m con la Golf 5 e a 4,30 con la Golf 8. E qui parliamo solo della hatchback, poiché nel tempo nascevano diversi modelli.

Dalla Cabrio all’elettrico

Le “sorelle” della versione classica sono state molte e diverse tra loro. La cabrio, sì, ma anche la Country, dalla vita breve; la wagon, chiamata Variant, introdotta dalla terza generazione; la monovolume, Plus poi diventata Sportsvan, entrata dalla quinta. Su un binario parallelo le varianti sportive, con l’esordio nel 1975 della longeva GTI: inizialmente dotata di 110 CV, oggi ne monta 245. Ma anche la GTE ibrida plug-in, aggiunta dalla settima serie; la GTD a gasolio arrivata in seconda generazione; le R, con vent’anni di vita, la cui capostipite si chiamava R32 e iniziava nella quarta serie. In tempi più recenti, nel 2015, la Golf elettrica, ma che non ha trovato seguito in ottava generazione.

La Volkswagen Golf oggi

Ai giorni nostri i tempi sono un po’ cambiati, con l’avvento dei Suv e dei crossover. La concorrenza è spietata, ma di certo rimane la berlina più amata in Europa, secondo i dati statistici. Nel 2021, che come sappiamo è stato un anno difficile per l’automotive, la Volkswagen Golf è stata comunque l’auto più venduta in tutta Europa, con più di 205.000 esemplari venduti. Nonostante tutto questo, però, è ormai deciso che la pensione sia prossima. Naturalmente è aperta la possibilità di una Golf elettrica, ma questo modello rimane sempre affezionato all’endotermico.

Passaggio di consegne

Qui torniamo quindi alla domanda principale, ossia chi sarà l’erede della Volkswagen Golf. Con ogni probabilità la candidata ideale è la Volkswagen ID, più nel dettaglio la prima, la ID.3. Sempre una cinque porte lunga 4,26 m, con un bagagliaio di 385 litri, ma che costa 10.000 euro in più di un modello a benzina. Proprio il suo prezzo sembra aver frenato le vendite di questa nuova auto, tanto che nel 2021 si sono registrate 69.000 immatricolazioni: un terzo di quelle della Golf nel suo anno peggiore.