Vita su Marte: spuntano nuove evidenze scientifiche

0
229
Vita su Marte

La scienza ha passato l’ultimo anno a porsi una domanda: c’è vita su Marte? Alcuni ricercatori hanno provato di recente a rispondere.

C’è vita su Marte?

Ad oggi sappiamo che sul Pianeta Rosso c’erano fiumi e laghi di ristagno. La presenza di vita su Marte era perciò, almeno in teoria, possibile. Pur avendo temperature medie superficiali basse e una atmosfera rarefatta, è il pianeta con caratteristiche più simili alla Terra presente nel sistema solare. La superficie del nostro gemello presenta formazioni vulcaniche, calotte polari, deserti e formazioni geologiche. Elementi, questi, che suggeriscono la presenza di un’idrosfera in un passato lontano. Presenza poi confermata da recenti missioni spaziali della NASA. Il rover Curiosity, atterrato nel 2012, trovò tracce di acqua e zolfo.

Vita su Marte: Mars Reconnaissance Orbiter

Una missione in particolare ha aiutato a comprendere meglio la storia di Marte: la Mars Reconnaissance Orbiter. La missione prevedeva il lancio di una sonda dotata di strumenti ad alta risoluzione. La sonda aveva il compito di studiare il miglior punto di atterraggio per missioni future. Dal 2006 al 2008 la MRO scattò immagini ad alta risoluzione dell’atmosfera, del sottosuolo e della superficie del Pianeta Rosso. I dati raccolti e inviati dalla sonda hanno aiutato alcuni ricercatori dell’Università di Chicago a chiarire uno dei tanti misteri legato al nostro gemello orbitante.

La ricerca di Edwin Kite

Edwin Kite è un assistente professore di scienze geofisiche all’Università di Chicago. Con i suoi colleghi universitari, Kite ha analizzato i dati del Mars Reconnaissance Orbiter ed ha scoperto qualcosa di inaspettato. Lo studio dei ricercatori, pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, ricostruisce la storia primitiva di Marte. Secondo Kite e colleghi, il merito del riscaldamento e della presenza di acqua è da imputare alle nuvole. Le nuvole possono raffreddare o riscaldare un pianeta. Nell’atmosfera terrestre, ad esempio, le nuvole basse raffreddano la superficie, mentre quelle alte la riscaldano. Anche su Marte accade lo stesso.

Commenti