“Visions in Motion”: Patrick Shearn celebra i 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino

0
2111

30 anni dopo la caduta del Muro di Berlino: l’artistica Patrick Shearn e l’opera “Visions in Motion”

3,6 metri di muro hanno diviso la Germania in Est ed Ovest per 28 anni, fino all’avvento del 9 novembre 1989, quando il Muro perde la sua funzione strategica, dando origine al “Giorno della libertà“. Nella giornata di domani, 9 novembre 2019, si celebrano i 30anni da questo liberatorio evento. L’artista Patrick Shearn ed il suo team “Poetic Kinetics” realizzano per l’occasione “Vision in Motion“, a cura di Kulturprojekte Berlin.

Un’installazione cinetica che ha il suo punto d’origine nella simbolica Porta di Brandeburgo, lo stesso luogo dove nasceva il Muro che divideva la città di Berlino per 130 metri. L’ultimo lavoro della serie “Skynet“, si estende per 20.000 piedi quadrati. Echeggia nell’opera la presenza del Muro, ma non vi è più un maestoso blocco, bensì una leggera e fluttuante installazione di strisce multicolori.

“In genere le mie opere sono astratte, ma stavolta sentivo fortemente che dovevo realizzare un’opera partecipativa, cui tutti prendessero parte scrivendo un messaggio perché il muro è stato abbattuto dall’impegno collettivo [..] Vengo da un paese in cui stiamo costruendo muri e trovo profondamente imbarazzante e umiliante per me essere in una città che si è trasformata proprio quando il muro è caduto

Patrick Shearn

Al centro di “Visions in Motion” il cuore della gente

Lo spettacolo degli oltre 30mila nastri parzialmente riflettenti onoreranno l’evento e decoreranno la città di Berlino fino al 10 novembre 2019 nella Straße des 17. Juni.
I colori richiamano un’idea di speranza, di possibilità di cambiamento, di progresso per tentare di affievolire il ricordo della Guerra Fredda.

120.000, 30.000 messaggi scritti a mano dai cittadini tedeschi, raccolti dalla Kulturprojekte Berlin dal 31 agosto al 25 settembre: è questo il cuore di “Visions in Motion“. I messaggi trattano di “un amore che vince” ed una “Rivoluzione” avvenuta, il desiderio di pace che si concretizzò tre decenni fa è ancora vivo nel cuore di una nazione che arreca i danni di un conflitto silenzioso. Una frase racchiude il potere del gesto di Shearn e della volontà della Germania: “Spero che cadano anche i muri nascosti nella testa della gente”

 Come artista, sono profondamente commosso dall’invito a tradurre questo momento spartiacque nella storia umana in forma fisica. Alla luce dello stato delle cose nel mondo di oggi, sento che è il momento di essere audaci, riunirci con una voce unificata e lanciare i nostri colori condivisi e i nostri sogni verso il cielo affinché il mondo lo veda.

Patrick Shearn