Violentata a nove anni: ”Vado a giocare da un’amica”

Violentata e uccisa a nove anni. Stiamo parlando della piccola Rocío Abigail Riquel.

0
190
Rocío Abigail Riquel

Violentata e uccisa a nove anni. Stiamo parlando della piccola Rocío Abigail Riquel. Abusata e uccisa lo scorso sabato a San Miguel de Tucumán (Argentina). Il sospetto è un ventiquattrenne avvistato camminare accanto alla piccola. La piccola è uscita di casa avvisando i genitori: ”Vado a giocare da un’amica”.

Rocío Abigail Riquel – Violentata a nove anni

Violentata e uccisa a nove anni. Lei è la piccola Rocío Abigail Riquel, abusata e uccisa lo scorso sabato a San Miguel de Tucumán in Argentina. Uscita di casa avvisa i suoi genitori: ”Vado a giocare da un’amica”. Da quel momento nessuno l’ha più vista. Il sospetto principale è un ragazzo ventiquattrenne, accusato di aver abusato sessualmente di Rocío e seguentemente uccisa con un colpo alla testa.

La mamma e il papà preoccupati hanno denunciato la scomparsa della bambina. Dopo sette ore di ricerche la polizia ha trovato il corpicino privo di vita. Rocío è stata trovata morta a 400 metri da casa. A faccia in giù in parte sepolta da un ammasso di terra. E’ l’autopsia a confermare che la bambina è stato prima violentata dall’aggressore e poi strangolata. Non riuscendo in quest’ultimo il ragazzo l’ha colpita con violenti colpi alla testa con massi di terra duri.


Pena di morte per stupro: ecco in quali paesi è prevista


Violentata e uccisa, quando precisamente?

La violenza e successiva aggressione è accaduta lo scorso sabato poco dopo le nove del mattino. Quello è stato l’ultimo momento in cui i famigliari hanno visto in vita la bambina. Sette ore dopo il macabro ritrovamento del corpo, a testa in giù sotto un cumulo di terra. Nel quartiere di Villa Muñecas, una zona popolare di San Miguel de Tucumán.

L’ha scoperta del crimine ha provocato una violenta reazione da parte dei vicini e degli amici della famiglia Riquel. Viene appiccato il fuoco alla baracca dove vive la madre del sospettato momentaneamente ancora non rintracciato. ”Lo cerchiamo noi perché la polizia non lo farà, ha detto uno dei vicini di casa dei Riquel. Spero, per il suo bene, che si arrenda: perché se lo troviamo prima ci pensiamo noi”. Il ventiquattrenne sarà accusato di reato di violenza sessuale e omicidio criminis causaeRischia l’ergastolo.

Caso Abigail

Commenti